Feed on
Posts

Words and silences

<h1><a mce_thref=[en]

Spiritual teachings often affirm that the ultimate knowledge is to be found beyond words and concepts. If silence can convey the next higher level, after silence, words are the medium for consciousness processing.

The world of words and concepts can’t be bypassed; it’s necessary that that world is fully integrated in the human experience. Historically the Net valued words as a medium, but the trend is toward visual media.

[/en][it]

Negli insegnamenti spirituali si afferma spesso che la conoscenza definitiva si trova al di là delle parole e dei concetti. Ma dopo il silenzio, la parola è il medium più vicino all’elaborazione della consapevolezza.

Il mondo delle parole e dei concetti non si può bypassare ed è necessario che vengano incorporati nell’esperienza umana. La Rete ha valorizzato storicamente il medium della parola ma la tendenza è verso il canale visivo.

[/it][en]

Spiritual teachings often affirm that the ultimate knowledge is to be found beyond words and concepts. A spiritual researcher works mainly in deconstructing the mental structures, predominantly made by thoughts, words and concepts, which form a dense net that overshadows the truth and the reality.

Osho said:

It is said that at the beginning there was the Word. I deny it firmly: at the beginning there was silence and, there will be silence even at the end. Silence is the substance which the universe is composed of. […] Meditation means living without words, living nonlinguistically. Sometimes it happens spontaneously. When you are in love, presence is felt not language. Whenever two lovers are intimate with one another they become silent.

And Almaas:

Human reality is completely linked to language. Our world exists through the language we use. The less we are caught by this language, the less we are attached to our beliefs about how things are, the more we see the whole of reality as one solid, immense clarity, pervading everything through and through. We see that words appear and create appearance, a very thin layer over reality. When we take that layer to be the whole thing or the real thing, there is trouble. That trouble will not disappear as long as we take our skin to be the whole thing (A. H. Almaas, Indestructible Innocence (Diamond Heart Book Four), Diamond Books, Berkeley, 1990).

We can identify ourselves with words and concepts and these can become heavy structures in our consciousness that can make us mistake the map for the territory, living life according to conceptual maps instead of living the immediacy of the true. Children around the end of the first year learn to voluntarily let go of objects from their hands and at the same time start to talk. This suggests to me that children can let go of attachments to physical objects because they are being substituted by attachments on the conceptual plane, even though the latter are still in their rudimentary stage.

If silence can convey the next higher level, after silence, words are the medium of processing of consciousness. The world of words and concepts can’t be bypassed; it’s necessary that that world is fully integrated in the human experience. The same spiritual teachers affirm:

To bring somebody beyond words it is necessary to use words, there isn’t any other possibility (Osho).

Words are as much a barrier, as a bridge….The mind shapes the language and the language shapes the mind. Both are tools, use them but don’t misuse them. Words can bring you only up to their own limit; to go beyond, you must abandon them. Remain as the silent witness only (Nisargadatta Maharaj).

There is nothing you can ultimately say, but you have to exhaust all the words (Almaas).

Barry Sanders in is A Is for Ox: The Collapse of Literacy and the Rise of Violence in an Electronic Age states that reading, writing and the associated words are both cognitive and social acts. He observes how there’s a growing number of young people in the Western world who do not reach the least levels of literacy and he shows how the electronic media are changing cognitive and social development in dangerous ways. The omnipresence of images, videos and electronic sounds to mediate experience gives space to a return to illiteracy, and further, through frustration and the alienation of electronic images, to rising youth violence.

Words are the basic medium of individual consciousness, representing the tool that connects with our inner life. Images (whether static or in motion) and sounds can become internalized and translated into an inner speech. Words are the bricks where consciousness is being constructed.

Reading is the most creative among the forms of acquisition. Reading a book is an interactive process between our own inner life and the book’s contents. It is an enriching and soul-transforming process. Differently from a visual medium where inputs come to consciousness in modalities and with a pace we don’t determine, we control our acquisition and reflective rhythm through reading.

This stopping and slowing down allows us to treasure the read words and to absorb them. A book can go into depth since its approach is gentle and respectful. Reading and writing means listening to ourselves, as an inner act.

Television at the beginning was seen as a tool for the spreading of knowledge and somehow represented the entrance to the modern world for a part of the population. Now we know how the massive use of television brings attention deficit disorder and diminished literacy in kids. This happens apart from the contents broadcast: the medium itself brings a passive and frustrated mental state.

The Internet at the beginning was a mainly textual medium. For many years, the low availability of bandwidth and of advanced technologies of data transmission limited information to text. The Internet was mainly about reading and writing, often offline reading after having downloaded the text. Even writing had a more reflective quality. The most-used communication mode was e-mail, mostly written offline to be sent to the destination once connected to the Net. That allowed more introspection and reflection.

There are massive misunderstandings with e-mail, since in this medium non-verbal information such as posture and voice are missing, so in order to convey our intention the right words have to be chosen. Therefore, we need a prior interiorization act.

E-mail shared some of the features of a traditional paper letter. With “always on” connections to the Net, e-mails are being gradually substituted by instant messaging systems and by social networking sites, which convey most of the textual communication between people. Further, graphics and videos are more common in Web spaces, giving less space to words.

Words are kept alive in blogs, but even those are adjusting themsleves to the general visual tendency; blog contents rarely go into depth, following the tendency toward small information bites which can breach the information overload barrier of the Net. Microblogging, the leaving of quick textual traces, goes toward the direction of textual minimalism by integrating SMS culture with textual culture.

Words are a bridge between the body sensitivity and consciousness. Alexander Lowen writes about his experience in observing patients.

Through the right words we see and know ourselves. We can consequently fully express ourselves. Using the right words is an energetic function because it is a function of consciousness. It is the awareness of the exact fit between a word (or sentence) and a feeling, between an idea and a sentiment. When words and feeling connect or dovetail, the energetic flow that ensues increases the state of excitation in the mind and body raising the level of consciousness and sharpening its focus…I believe that the energetic charge associated with the feeling excites and activates the neurons of the brain involved with word formation. When these neurons respond appropriately to the sense of the feeling, the proper fit occurs, and a light seems to flash in one’s head (Alexander Lowen, Bioenergetics, Coward, McCann & Geoghegan, New York, 1975).

Languages which have a detailed diversification of words connected to our inner or emotional experiences give those experiences more possibilities to reach our awareness, otherwise those would be left as unacknowledged sensations, nebulous and disconnected from our inner semantics.

Awareness and words are intimately connected in the human path toward wisdom. Then at a certain point of the evolution of the soul words become superfluous even though they can be used in yet deeper ways. Words can carry our consciousness beyond words. Written words as a medium and “technology” still have a lot to teach us.

See also:

The Tao of Google ranking

Facebook and the sorcerer’s apprentice of the Net

Neural reflexes and reflections on meditation

Disembodying at broadband speed

Heavenly Technology

The Tibetan watch: how a spiritual teacher learned about technology in the West

Virtual worlds and Maya 2.0

Bytes and bites of the net

Computer addiction as survival for the ego

Programming and self de-programming

Metabolizing information

Mental territories

Is Internet empowering us?

Wireless communication and reality mining as a reflection of pervasive consciousness

Multitasking to nothing

Biotech as an information system

Virtual worlds, mirror worlds, Second Life: backing up the messed planet

Mechanisms, mysticism and Amazon Mechanical Turk

Zen archery and computers

Lifelogging

The heart of the binary code

Downloading our life on Internet

Google, privacy and the need to be seen

Personal consumer

[/en][it]

Negli insegnamenti spirituali si afferma spesso che la conoscenza definitiva si trova al di là delle parole e dei concetti. Un ricercatore spirituale lavora prevalentemente nel decostruire gli schemi mentali, composti prevalentemente da pensieri, parole e concetti, che formano una fitta ragnatela che offusca il vero e il reale.

Si dice che all’inizio ci fosse la parola. Lo nego in maniera categorica; all’inizio ci fu il silenzio e ci sarà il silenzio anche alla fine. Il silenzio è la sostanza di cui è composto l’universo. […] La meditazione significa vivere senza parole, vivere non linguisticamente. Qualche volta avviene spontaneamente. Quando sei innamorato, viene percepita la presenza, non il linguaggio. Quando due amanti sono in intimità, diventano silenziosi. Osho

La realtà umana è completamente legata al linguaggio. Il nostro mondo esiste attraverso il linguaggio che usiamo. Meno siamo presi dal linguaggio, meno siamo attaccati alle nostre convinzioni su come sono le cose e più vediamo la realtà intera come una immensa e solida chiarezza che pervade tutto. Vediamo che le parole appaiono e creano apparenze, uno strato molto sottile sopra la realtà. Quando assumiamo che tale livello rappresenti tutta la realtà o la realtà vera, nasce il problema. Quel problema non scomparirà finché scambieremo la nostra pelle per l’intera realtà. A.H. Almaas. Indestructible Innocence (Diamond Heart Book Four). Diamond Books. Berkeley. 1990.

Alle parole e ai concetti ci si può identificare e queste possono diventare pesanti strutture nella nostra coscienza che ci fanno confondere la mappa con il territorio, facendoci vivere la vita in accordo alle mappe concettuali invece che all’immediatezza della realtà.

Il bambino alla fine del primo anno impara a lasciare andare gli oggetti volontariamente dalle mani e nello stesso periodo inizia a parlare. Ciò che mi suggerisce è che può lasciare andare l’attaccamento agli oggetti fisici in quanto vengono sostituiti da attaccamenti sul piano concettuale, seppur si tratta di concetti ancora rudimentali.

Se il silenzio può trasportare le consapevolezze più alte, dopo il silenzio, la parola è il medium più vicino all’elaborazione della consapevolezza. Il mondo delle parole e dei concetti non si può bypassare ed è necessario che venga incorporato in pieno nell’esperienza umana. Gli stessi insegnanti spirituali affermano:

Per condurre qualcuno al di là delle parole bisogna usare le parole: non esiste altra possibilità. Osho

Le parole sono tanto una barriera, quanto un ponte. […] La mente plasma il linguaggio e il linguaggio plasma la mente. Entrambi sono strumenti: usali, ma non abusarne. Le parole possono condurti solo fino al loro limite; per andare oltre, le devi abbandonare. Rimani solo come il testimone silenzioso. Nisargadatta Maharaj

Non c’è alcuna cosa definitiva che puoi affermare, ma devi esaurire tutte le parole. Almaas

Barry Sanders is A Is for Ox: The Collapse of Literacy and the Rise of Violence in an Electronic Age states that reading, writing and the words associated are both cognitive and social acts. He observes how there’s a growing number of young people in the western world that do not reach the least levels of literacy and he shows how electronic media are changing in dangerous ways the cognitive and social development. The omnipresence of images, videos and eletronic sounds to mediate experience gives space to a coming back illiteracy. Furthermore, through frustration and the alienation of electronic images, to youth violence.

Le parole sono il medium fondamentale della coscienza individuale, lo strumento di connessione con la nostra vita interiore. Le immagini, statiche o in movimento, e i suoni, possono essere interiorizzati o tradotti tramite una verbalizzazione interiore. Le parole sono i mattoni su cui si costruisce la nostra consapevolezza.

La lettura è la forma di acquisizione che risulta più creativa di altre. La lettura di un libro è un processo di interazione tra la propria interiorità e i contenuti della lettura. E’ un processo di arricchimento e trasformazione dell’anima. A differenza di un medium visivo dove gli input arrivano alla coscienza in modi e tempi che non determiniamo, con la lettura controlliamo il ritmo di acquisizione e di riflessione.

E’ questo fermarsi e rallentare che ci consente di far tesoro e dei contenuti letti e di assimilarli. Un libro può entrare in profondità perchè il suo approccio è gentile e rispettoso. Leggere e scrivere è ascoltarsi, è un atto interiore.

La televisione agli esordi veniva vista come uno strumento per la diffusione della conoscenza, e in qualche modo ha rappresentato l’entrata nel mondo moderno per una fascia di popolazione. Ora sappiamo come l’uso massiccio della televisione porti al deficit di attenzione e alla scarsa alfabetizzazione nei ragazzi. Questo a prescindere dai contenuti della trasmissione. Il medium stesso porta ad un certo stato mentale passivo e frustrante.

Internet agli esordi era un medium fondamentalmente testuale. La scarsa disponibilità di ampia banda e di tecnologie avanzate di trasmissione dei dati hanno limitato le informazioni ai testi per diversi anni. Internet era perlopiù lettura e scrittura, spesso una lettura offline dopo aver scaricato il testo. Anche la scrittura aveva una qualità più riflessiva. La modalità di comunicazione principale era l’email, che veniva soprattutto scritta offline per poi essere spedita una volta connessi alla rete. Questo consentiva maggiore riflessione e introspezione.

Pur se è stato dimostrato che le incomprensioni via email sono enormi, poichè in questo medium mancano le informazioni non verbali quali la postura e il tono della voce, si devono trovare le parole adeguate per convogliare le nostre intenzioni, quindi si deve fare atto di interiorizzazione.

L’email condivideva alcune delle caratteristiche di una tradizionale lettera su carta. Con le connessioni alla Rete “always on”, le email vengono gradualmente sostituite dai sistemi di instant messaging e dai siti di social networking, che convogliano la maggior parte delle comunicazioni testuali tra le persone. Inoltre, i medium visivi e i filmati stanno entrando sempre più negli spazi del web, dando meno spazio alle parole.

La parola viene mantenuta in vita nei blog, ma anche questi ultimi si stanno adattando alla tendenza visiva generale; i contenuti dei blog raramente vanno in profondità, accontentando a loro volta la tendenza verso piccoli bocconi informativi che riescono a far breccia temporaneamente nella barriera di sovraccarico infomativo della rete. Il microblogging, la tendenza di lasciare veloci tracce testuali, in questo senso è uno sviluppo verso il minimalismo dei testi nella direzione di integrare la cultura testuale con quella degli SMS.

Le parole sono un ponte tra la sensibilità del corpo e la coscienza. Alexander Lowen nella sua esperienza di osservazione dei pazienti scriveva:

Attraverso le parole giuste vediamo e conosciamo noi stessi, e di conseguenza possiamo esprimerci appieno. L’impiego delle parole giuste è una funzione energetica perché è una funzione della coscienza. E’ la consapevolezza dell’esatta corrispondenza fra una parola (o una frase) e una sensazione, fra un’idea e un sentimento. Quando le parole sono connesse o combaciano con le sensazioni, il flusso energetico che ne risulta fa aumentare lo stato di eccitazione della mente e del corpo elevando il livello di coscienza e migliorando la messa a fuoco. […] Ritengo che la carica energetica associata con il sentimento ecciti e attivi i neuroni cerebrali che partecipano al processo di formazione delle parole. Quando questi neuroni rispondono in maniera appropriata al senso del sentimento si verifica l’accoppiamento adeguato e pare che nella mente si accenda un lampo. Alexander Lowen. Bioenergetica. Feltrinelli. Milano. 1983.

Nelle lingue che hanno una dettagliata diversificazione di parole relative alle esperienze interiori o affettive, queste stesse hanno maggiori possibilità di arrivare alla consapevolezza, in altro modo rimarrebbero come sensazioni non riconosciute, vaghe e non connesse con la nostra semantica interiore.

La consapevolezza e le parole sono intimamente connesse nel percorso umano verso la saggezza. Poi arrivati ad un certo punto le parole sono superflue, tuttavia possono continuare ad essere usate in modo più profondo. Le parole possono veicolare la nostra coscienza oltre alle parole. La parola scritta, vista come medium e “tecnologia”, ha ancora molto da insegnarci.

Vedi anche:

Il Tao del ranking di Google

Facebook e gli apprendisti stregoni della Rete

Riflessi neurali e riflessioni sulla meditazione

Rendendoci incorporei a velocità di banda larga

Tecnologie divine

L’orologio tibetano: come un insegnante spirituale venne a conoscenza della tecnologia in Occidente

Mondi virtuali e Maya 2.0

La morsa e i morsi della rete

La dipendenza da computer per la sopravvivenza dell’ego

Programmazione e de-programmazione di sè

Metabolizzare le informazioni

Territori mentali

Internet aumenta davvero il nostro potere?

La comunicazione senza fili e il reality mining come riflesso della consapevolezza globale

Il multitasking: strafare per niente

Le biotecnologie come sistema informativo

Mondi virtuali, mondi specchio, Second Life: fare il backup di un pianeta nel caos

Meccanismi, misticismi e Mechanical Turk di Amazon

Il tiro con l’arco Zen e i computer

Lifelogging

Il cuore del codice binario

Download della vita su Internet

Google, la privacy e il mettersi in mostra

Personal consumatore

[/it]

Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0
This work is licensed under a Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0.