Feed on
Posts

The heart of the binary code

<h1><a xhref="http://www.indranet.org/?attachment_id=51">Binary code world</a></h1>[en]

Everybody knows that computers work with the binary 0-1 code at their core. Even though there are projects to build computers based on neural nets or quantum computers, still none of these have progressed beyond theoretical models. The inner structure of a tool reflects the ways it is used just as the molecular structure of a material reflects the macro features such as weight, texture and resistance.

The computer is a tool that reasons and builds the world in a dualistic attitude. In the computer programming languages used to develop software, one of the main logical structures is the "if-then-else" construct that allows decisions to be made based on choices and dualities.

The dualistic binary modality of functioning is typical of the rational thinking mind. The computer as an extension of the mind just mirrors the way the thinking mind works. The ego psychology tells us the structures of the mind itself has been born through the first dualistic event, when in childhood the child begins to split pleasurable-good-love-warm-care sensations from  unpleasurable-bad-fear-abandonment-hunger ones.

[/en][it]

Tutti sanno che i computer operano in base al codice binario 0/1. Esistono progetti per creare computer basati su reti neurali o computer quantici, ma nessuno di essi finora è andato al di là dei modelli teorici. La struttura interna di uno strumento riflette il modo in cui viene usato, così come la struttura molecolare di un materiale ne riflette caratteristiche macroscopiche quali il peso, la tessitura e la resistenza.

Il computer è uno strumento che ragiona e crea il mondo secondo un modello dualista. Nei linguaggi informatici utilizzati per creare il software, una delle principali strutture logiche è il costrutto «if-then-else», che consente di prendere decisioni basate su scelte e dualità.

Il modello binario dualistico è tipico della mente razionale. Il computer, in quanto estensione della mente, non fa che riflettere il modo in cui opera quest’ultima. La psicologia dell’ego ci dice che le strutture della mente si sono formate attraverso il primo evento dualistico, ovvero quando il bambino ha cominciato a distinguere le sensazioni piacevoli (bene, amore, calore, premure) da quelle spiacevoli (male, paura, abbandono, fame).

[/it]

[en]

Those are the first mental structures that are born and they are created by splitting our experience. The infant doesn't yet have any concept or a way to understand what is happening around him. But he already has the capacity to have perceptions and sensations. The unifferentiated world of the infant begins to differentiate through those primitive structures, closely connected to physiology. Later on, this dualistic attitude is used for the construction of other and more sophisticated kinds of mental structures.

In the Tibetan tradition the mind itself is defined in those dualistic terms:

That which possesses a sense of duality – which grasps or rejects something external – that is mind. Fundamentally, it is that which can associate with an "other" – with any "something" that is perceived as different from the perceiver. That is the definition of mind. Chogyam Trungpa. The Heart of the Buddha. Shambhala. Boston. 1991

One could say that our mind is not just a mechanical logic-oriented dualistic tool, because we can feel emotions too. But emotions in many spiritual traditions aren't considered to be something beyond the mind, even though we usually separate the two in our perception. The definition of mind in the Tibetan tradition includes what we know as emotions, the most appealing mental states are nonetheless still stuff of the mind. Emotions support the workings of the mind.  Again, Chogyam Trungpa:

Daydreaming and discursive thoughts are not enough. Those alone would be too boring. The dualistic trick would wear too thin. So we tend to create waves of emotions which go up and down: passion, aggression, ignorance, pride – all kinds of emotions." The Heart of the Buddha. Shambhala. Boston. 1991

Therefore emotions support the mind to keep it going on with its separating dualistic work. The computer itself is not any longer a tool that encourages merely a dry rational mind way of functioning, but nowadays provides a lot of food for our emotions through knowledge, connections with people, movies, email, sex sites, music, and so forth.

However, as human beings, we have other cognitive ways. If the mind is the well known organ of thoughts, this is not the only cognitive modality humans have. There is another way, through a "heart", that it doesn't just deal with emotions but has to do with the search of truth and with a direct knowing. The knowing heart is receptive to the intelligence of Being and is guided by Being.
 
This heart has been considered by spiritual traditions a spiritual entity that has a connection with the body in energetic terms, as for instance through the connection with the heart chakra located in the chest area. However, relatively recently it has been scientifically discovered that the physical heart itself has his own nerve cells that send information to each other and to the brain as well. It is an intrinsic cardiac nervous systems that we still know very little about but it could be discovered to be the physical centre of the subtle knowing capacities. Heartmath people are researching the critical links between emotions, heart-brain communication and cognitive functions. If the mind works with an either/or 0/1 modality, the heart works with an and/and logic, rejoining what the mind separates beyond dualities, even between ourselves as separate individuals and the rest of existence.
 
The spiritual enlightenment state in some traditions is called the non-dual state, suggesting the end of the splitting dualities of the mind. The heart can be a cognitive tool wider and deeper than the mind. Its wisdom is not the same as the mind’s pursuit of knowledge. The heart’s modalities of knowing don't appear after splitting and reasoning, they come in an intuitive and visionary way, where the less role the ordinary mind takes, the more open space is available to be filled by the truth. A mind emptied of its structures and beliefs gives space to the heart's cognitive faculties.

What is the way to get in touch with that spiritual definition of heart? Through love, as one can imagine, but love of a special lover…

Love of truth for its own sake is actually the expression of essential heart. When one perceives the heart on the Being level, one can recognize that love is the expression of truth. Seeing that a necessary requirement for objectivity, which is usually considered a mental quality, is pure love of truth, which is a heart quality, we observe the organic interrelationship between the various aspects of Essence. It is interesting to remember that the beginning of ego has a defensive character, and defense is nothing but hiding a certain truth of experience. So the requirement for inner realization is the converse of the most basic characteristic of the ego; defense and resistance are the enemies of truth, and love is its ally. The love for truth, which reverses the attitude of defense, leads directly to the truth of experience, the truth that was defended against. A.H. Almaas. The Pearl Beyond Price. Diamond Books. Berkeley. 1988.

The split that created the dualistic mind is a lie constructed at a very early age for the sake of defending the person against intolerable pain. That was a necessary, human and unavoidable lie that has shaped everybody's life. Nonetheless is still a lie that can be exposed and dissolved through the love of truth. The mind can support much of the work toward the truth. But at a certain point it is going to be powerless in searching for deeper truths since its very existence depends on hiding the truth. The heart loves to reveal the layers of the truth which the mind can't investigate.

Rudolf Steiner pointed as well to the unrecognized cognitive faculties of the heart:

The third step in higher knowledge, necessary for rising to Intuition, can be achieved only by developing to its highest point a faculty which, in our materialistic age, is not recognized as a cognitional force. What is revealed through Intuition can be attained only by developing and spiritualizing to the highest degree the capacity for love. A man must be able to make this capacity for love into a cognitional force. Rudolf Steiner. The Evolution of Consciousness. Rudolf Steiner Press. Sussex. 1991

See also:

Biotech as an information system

Virtual worlds, mirror worlds, Second Life: backing up the messed planet

Mechanisms, mysticism and Amazon Mechanical Turk

Zen archery and computers

Lifelogging

The heart of the binary code

Downloading our life on Internet

Google, privacy and the need to be seen

Personal consumer

[/en][it]

Queste sono le prime strutture mentali a nascere, e si formano quando dividiamo la nostra esperienza. Il bambino non ha ancora alcuna idea o modo di capire cosa sta succedendo intorno a lui. Ma egli ha già la capacità di avere percezioni e sensazioni. Il mondo indistinto del neonato comincia a differenziarsi tramite quelle strutture primitive, strettamente connesse alla fisiologia. In seguito, questo atteggiamento dualista viene usato per sviluppare altri e più sofisticati tipi di strutture mentali.

Nella tradizione tibetana la mente è definita in questi termini dualistici:

Ciò che possiede la percezione della dualità – che si aggrappa o rifiuta qualcosa di esterno – è la mente. Fondamentalmente, essa è ciò che si può associare a un “altro”, ovvero a qualsiasi cosa percepita come distinta da colui che percepisce. Questa è la definizione di mente. Chogyam Trungpa. The Heart of the Buddha. Shambhala. Boston. 1991

Si potrebbe dire che la nostra mente non è solo uno strumento dualistico basato sulla logica, perché possiamo percepire anche le emozioni. Ma in molte tradizioni spirituali le emozioni non sono considerate qualcosa al di là della mente, anche se normalmente le percepiamo l’una distinta dalle altre. Poiché la definizione di mente nella tradizione tibetana include ciò che conosciamo come emozioni, anche gli stati mentali più piacevoli sono pur sempre contenuti mentali. Le emozioni sostengono l’attività della mente. Dice ancora Chogyam Trungpa:

I sogni a occhi aperti e i pensieri non sono sufficienti. Da soli, risulterebbero troppo noiosi e l’artificio dualista sarebbe troppo debole. Per questo cerchiamo di creare onde su onde di emozioni: passione, aggressività, ignoranza, orgoglio… Ogni sorta di emozione. The Heart of the Buddha. Shambhala. Boston. 1991

Dunque le emozioni sostengono la mente dualista nel suo lavoro di divisione. Il computer stesso non è più uno strumento che incoraggia solo un’arida attività razionale: oggi esso fornisce nutrimento abbondante alle emozioni, tramite informazioni, contatti con le persone, film, email, siti erotici, musica e così via.
Comunque, in quanto esseri umani, disponiamo di altre vie per la conoscenza. Se la mente è – come tutti sanno – l’organo dei pensieri, essa non è però l’unica modalità cognitiva di cui gli esseri umani dispongono. Esiste un’altra via, attraverso un “cuore” che non riguarda solo le emozioni, ma anche la ricerca della verità e la conoscenza diretta. Il cuore sa ed è aperto all’intelligenza dell’Essere: è quest’ultimo che lo guida.

Questo cuore è stato considerato dalle tradizioni spirituali un’entità spirituale dotata di connessioni con il corpo in termini energetici, come per esempio attraverso il chakra del cuore localizzato nell’area del petto. Tuttavia, in tempi relativamente recenti la scienza ha scoperto che il cuore fisico ha le sue cellule nervose, le quali si scambiano informazioni tra loro, oltre che con il cervello. Si tratta di un sistema nervoso interno al cuore del quale sappiamo ancora molto poco, ma che forse un giorno scopriremo essere il centro fisico della facoltà di conoscenza sottile. L’istituto Earthmath sta studiando i legami critici tra le emozioni, la comunicazione tra cuore e cervello, e le funzioni cognitive.Se la mente funziona tramite la modalità o/o, o questo/o altro, 0/1, il cuore opera mediante una logica e/e, riunendo ciò che la mente separa, al di là delle dualità: per esempio, noi – in quanto individui distinti – e il resto dell’esistenza.

Lo stato di illuminazione spirituale in alcune tradizioni viene chiamato «stato non-duale»: ciò allude alla cessazione delle dualità mentali. Il cuore può essere uno strumento cognitivo più vasto e profondo della mente. La sua saggezza non è frutto di quella ricerca del sapere tipica della mente. Le modalità di conoscenza del cuore non sembrano derivare dalla divisione e dal ragionamento: giungono in modo intuitivo e visionario. Secondo esse, tanto minore è il ruolo assunto dalla mente ordinaria, tanto più spazio può essere riempito dalla verità. Una mente svuotata delle sue strutture e credenze lascia spazio alle facoltà cognitive del cuore.Qual è il modo per entrare in contatto con questo lato spirituale del cuore? Attraverso l’amore, come è possibile immaginare, ma l’amore di un amante speciale…

L’amore per la verità fine a se stessa è di fatto l’espressione del cuore essenziale. Quando si percepisce il cuore al livello dell’Essere, si può riconoscere che l’amore è l’espressione della verità. Quando comprendiamo che un requisito necessario per l’oggettività – che in genere è considerata una qualità mentale – è il puro amore per la verità – che è una qualità del cuore – osserviamo la relazione organica tra i vari aspetti dell’Essenza. È interessante ricordare che l’inizio dell’Ego è caratterizzato da una modalità difensiva, e la difesa non è altro che il nascondere una certa verità dell’esperienza. Quindi, il requisito della realizzazione interiore è l’opposto della caratteristica fondamentale dell’ego; la difesa e la resistenza sono le nemiche della verità, e l’amore è il suo alleato. L’amore per la verità, che inverte l’atteggiamento difensivo, conduce direttamente alla verità dell’esperienza, la verità contro cui ci difendevamo. A.H. Almaas. The Pearl Beyond Price. Diamond Books. Berkeley. 1988.

La scissione che ha creato la mente dualista è una bugia prodottasi in un’età molto precoce per difendere l’individuo dalla sofferenza intollerabile. È una bugia necessaria, umana e inevitabile che ha plasmato la vita di ognuno. Ciononostante, è pur sempre una bugia che è possibile smascherare e dissolvere tramite l’amore per la verità. La mente può sostenere gran parte del lavoro verso la verità. Ma a un certo punto della ricerca della verità più profonda essa diventerà impotente, perché la sua esistenza dipende dal celare la verità. Il cuore ama svelare quei livelli della verità che la mente non è in grado di indagare.

Anche Rudolf Steiner ha espresso bene le non riconosciute facoltà cognitive del cuore:

Il terzo passo nella conoscenza superiore, necessario per innalzarsi all’Intuizione, può essere raggiunto solo sviluppando al massimo una facoltà che, nella nostra epoca materialista, non viene riconosciuta in quanto forza cognitiva. Quello che si svela tramite l’Intuizione può essere raggiunto solo sviluppando e spiritualizzando ai massimi livelli la capacità di amare. Un uomo deve saper trasformare questa capacità di amare in una forza cognitiva. Rudolf Steiner. The Evolution of Consciousness. Rudolf Steiner Press. Sussex. 1991

Vedi anche:

Le biotecnologie come sistema informativo

Mondi virtuali, mondi specchio, Second Life: fare il backup di un pianeta nel caos

Meccanismi, misticismi e Mechanical Turk di Amazon

Il tiro con l'arco Zen e i computer

Lifelogging

Il cuore del codice binario

Download della vita su Internet

Google, la privacy e il mettersi in mostra

Personal consumatore

[/it]

Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0
This work is licensed under a Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0.