Feed on
Posts

Questions about the media

escher-another-world[en]

Marshall McLuhan summarized his view of the media in a model called the tetrad of media effects. The tetrad asks the following four questions about any medium to evaluate its qualities.

1) What does the medium increase? For example, TV amplifies the view of the whole world from our homes.

2) What does the medium make obsolete? TV makes family communication obsolete.

3) What does the medium retrieve that had been obsolete earlier? TV provokes a re-tribalization and homogenization of cultures.

4) What does the medium turn into when pushed to extremes? TV can turn in a global Big Brother show where everybody is on the airwaves. TV as well can become a tool of social manipulation.

The number and role of the media in our lives having expanded exponentially since McLuhan’s times, both in terms of the time we dedicate to them and the scope of their applications in our lives, we need to probe the media with a broader range of questions.

I won’t consider the computer and Internet as individual media since they are sums of several media, both traditional and new. Using a computer to write, shop, program software, look at porn or read news are different modalities which involve different needs, though they share the same tool.

[/en][it]

Marshall McLuhan sintetizzò le sue idee sui media in un modello chiamato la tetrade degli effetti dei media. La tetrade usa le seguenti quattro domande per valutare un medium:

1) Cosa permette di espandere il medium? Per esempio, la TV amplifica l’immagine che abbiamo del mondo dalle nostre case.

2) Cosa rende obsoleto? La TV rende obsoleta la comunicazione all’interno della famiglia.

3) Cosa recupera che era divenuto obsoleto in precedenza? La TV provoca una ri-tribalizzazione e un’omogeneizzazione delle culture.

4) Cosa succede quando i limiti del medium vengono spinti agli estremi? La TV può trasformarsi in un unico Grande Fratello in cui la vita di ognuno è in diretta. La TV può anche diventare uno strumento di manipolazione sociale.

Poiché oggigiorno il numero e la funzione dei media si sono espansi in misura esponenziale rispetto ai tempi di McLuhan – in termini sia di tempo che dedichiamo a essi sia di loro ricadute nella nostra vita – abbiamo bisogno di vagliarli tramite più domande.

Non considererò i computer e Internet come media singoli, in quanto sono la somma di diversi media, sia tradizionali che nuovi. Usare un computer per scrivere, fare acquisti, programmare, guardare pornografia o leggere notizie sono modalità diverse che rispondono a bisogni diversi, benché usino lo stesso strumento.

[/it]

[en]

From the old times of radio and TV, the media have become more flexible and there is less univocal connection between a tool and its function. Some tools include different functions and some functions can be achieved through different tools. For instance, we can email people from the desktop computer, our laptop in a café through Wi-Fi or from our mobile phone almost anywhere.

I’ll split the questions in groups, based on the impact of the media on our bodies, on our minds, on human qualities, and at the spiritual and social levels, showing few examples.

Body: neurophysiology and endocrine level

How is the body involved? TV is usually viewed when the body is fully relaxed, in a sofa or armchair. Computers are used while sitting, which doesn’t allow ful relaxation. The only physical movements are of our fingers and forearm on the keyboard and mouse. Cars involve a limited set of movements, while bicycles engage the body almost fully.

How aware are we of the surrounding environment? Theater or movie environments tend to isolate us from the surroundings, focusing our attention on just the movie. TV is usually viewed in enclosed places but, unless it is a home theater, doesn’t isolate us fully from the environment. Cell phones divert a part of our attention from the environment. Though this diversion could be very dangerous when driving, we retain much of the awareness of the surroundings. Driving cars only allows us to view the environment we drive by fleetingly, while bicycles let us observe many more places and details.

Which physical pathologies are promoted? TV viewing promotes obesity and cardio-circulatory problems. Computer use promotes carpal tunnel inflammation, backache, stiff neck, and obesity. Any cathode-ray tube screen emits electromagnetic waves which can give headache, irritability and are dangerous during pregnancy. Flat screens produce weaker electromagnetic fields. Cell phones are still controversial, but there are a number of studies which say that microwaves could affect the brain, especially those of kids.

What kind of brain waves are triggered in the user? TV puts people in a relaxed and passive alpha state (with brain waves of around 10 Hz). But at the same time the relaxation induced by TV is just temporary since after a while restlessness arises, as Jerry Mander documented in In the absence of the sacred (San Francisco: Sierra Club, 1991) and in Four arguments for the elimination of television. As far as I know, there aren’t many studies about brain waves related to the usage of different kinds of media. It would be interesting to see more of them.

How does it work on the endocrine system? For instance, the light from any screen inhibits the production of melatonin, especially when viewed from close by, as in computer use. Melatonin inhibition provokes, among other things, difficulty in sleeping. There are also some studies connecting cell phone usage and the endocrine system.

Mind and psychology

Does the medium promote concentration or splitting of our attention? Reading books promotes concentration, while surfing the Web and Internet usage in general, through the number of events which call for our attention, promotes splitting.

Does it promote projection and mental imagery, or brings us in touch with reality? TV puts us in a dreamy state where images reach us without filtration, helped as well by the production of alpha waves in our brain. The less our bodies are involved in the medium, the more the experience will be confined to the mental plane, where suggestions and messages can pour inside easily.

Which thought channels are promoted? Rational, magic, visual, kinesthetic, emotional? Which thought modalities are promoted? For instance, software programming stimulates the causal and rational way of thinking, any video stimulates the visual part, some Wii video games can promote the kinesthetic channels. Of course, channels can get mixed, as in a movie where both the visual and emotional channels are stimulated.

Which stages of psychological development are involved? This classification could be, for instance, according to Piaget’s stages of cognitive development (or any other psychological model). The relationship with the computer sometimes resembles the symbiotic stage. The relationship with a car resembles the stage where we get our autonomy, independence and freedom, as in the stages of separation–individuation described by Margaret Mahler.

Which kind of psychological defenses are triggered? Computers can promote detachment from people and reality, and sometimes even distortion from reality. Books or computer programming can promote intellectualization, a form of distancing from our unmanageable feelings favoring the intellect.

Which part of the ego is boosted? For somebody, cars can be status symbols more than simple tools for transportation, books can raise our intellectual snobbishness, computer skills can make us feel part of an exclusive club of “high-tech” people.

What does excessive use bring? Excessive TV use brings passivity and obesity, excessive cell phone use brings stress and probably pathologies, excessive computer use brings addiction.
How easily can we become addicted to these media? Cell phone texting, video games, online auctions, online gambling or online sex can bring addiction more easily. My hypothesis is that computer addiction is a mechanism of the ego for its survival.

Human qualities

Which qualities of the human soul do these tools seem to satisfy? Computers, in general, foster the precise, steady, predictable, infallible mental qualities. Cars – more so, motorbikes – glorify power, the urge to explore and to seek adventure. Social networks seem to satisfy our need to have meaningful connections with other human beings. Books and printed words in general are extensions and replacements of a good memory. TV seems to satisfy our need for peace and relaxation.

Which inner needs do they appear to fill and, how can those needs be manipulated by advertisers? Cars are depicted as tools for freedom and useful for our need to move, computers give the impression of simplifying and automating life tasks (shopping, online banking, accounting, writing, and hundreds of other supposedly “time-saving” tasks), promising a simpler life. TV seems to give the peace and relaxation needed in our stressed lives. Such passive and relaxed states can be taken advantage of by advertising.
Which good qualities can be developed? Software programming can develop logical thinking and cause-effect understanding. Blogging can develop writing skills.

To what good things can they be detrimental? The Internet, with its many temptations and interruptions, reduces prolonged attention. TV inhibits or entirely cuts off intra-family communication. Cars reduce the exercise necessary for our leg muscles. Car GPS receivers reduce our sense of orientation. Mobile phones reduce our connection with the immediately surrounding environment. McLuhan called such cutting off “amputation.”

Spiritual

What longing or state is simulated at the spiritual level? For instance, the connection of everybody and everything through the Internet resembles the collective consciousness spoken of by many spiritual teachers. Some technologies simulate spiritual siddhis, spiritual powers mentioned in the ancient Hindu epics. For instance, Vayu Gaman Siddhi, which allows one to move instantly from one place to another and to fly in the skies (Google Earth and other simulators), or the siddhi which gives the capability of creating worlds (technology allows us to create virtual worlds like Second Life), or manipulating matter (nanotechnologies).

Social

How much of reality can be manipulated? Any “medium,” by its very definition, stands between reality and ourselves, so will mediate and hide our contact with reality to different degrees. TV edits and special effects can manipulate reality quite strongly, especially through the visual channel of our mind. Virtual worlds like Second Life, though they want to immerse the user deeply into the environment, are actually less manipulative since they don’t claim to show reality.

What social problems seem to get resolved? In the beginning, TV was seen as a medium for spreading culture, especially for the less educated people. The Internet promotes participation in social decisions by everybody.

Are they individual or collective experiences? To begin with, TV was a collective experience, then a family experience, then an individualistic experience (now in the richest countries most people in a family have their own TV sets). Though the Internet is an individualistic experience, users are connected to each other in a mediated way. A movie in a cinema hall is a collective experience, but people aren’t connected with each other. A car is mostly an individualistic experience.

Are the contents made by the users or are they spread in a centralized way? Newspapers, TV and radio are centralized, while the contents and blogs of Internet social networks are made by the users. Sometimes even the traditional media give some space to users in the form of letters and telephone calls.

Can the medium be concentrated in a few hands or be controlled? Almost any of the media can be concentrated in a few hands. Traditional media as press and television can be controlled by their owners and also by governments. The Internet, with its open structure, is more difficult to be controlled, but is becoming both more and more controlled and concentrated in a few hands.

What is the environmental life cycle of a medium? What is the environmental impact of the production, use and discharge of the tools? Can they be recycled and, to what degree?

What is the production environment of manufacturing the tools? Are there health hazards for the workers? Are workers’ rights respected? Is the production done in countries which respect human rights?

What parts of social contact are substituted? TV substitutes family talk, social networks can substitute street groups of friends, cybersex can substitute a whole sexual experience, and dating sites substitute the play of the seduction of gestures, glances and body language. Mp3 players (and earlier the Walkman) substitute the singing and whistling of people on the streets.

Summing up

The different qualities of the media could be analyzed and summed up to evaluate the risk of manipulating truth and reality by a certain medium. For instance, a medium like TV, which puts people in a passive and receptive state at the same time, is controlled by a few people and used by the majority of people, should be regulated closely to preserve democracy and freedom of expression.

Also, if a medium works on certain neural circuits and feeds on deep unresolved psychological needs, it can easily become addictive and people should be aware of this.

Much more work has to be done on the impact of the media on our psyche and on society. Asking questions and evaluating answers is a good beginning.

[/en][it]

Dai vecchi tempi della radio e della TV, i media sono diventati più flessibili e la connessione tra uno strumento e la sua funzione è divenuta meno univoca. Alcuni strumenti permettono diverse funzioni e certe funzioni sono ottenibili mediante vari strumenti. Per esempio, possiamo mandare un’e-mail dal PC di casa nostra, dal computer portatile in un cafè tramite Wi-Fi o, praticamente ovunque, dai nostri telefoni cellulari.

Dividerò le domande per gruppi, in base all’impatto che i media hanno sul corpo, la mente, le qualità umane, il livello spirituale e quello sociale, con qualche esempio.

Il corpo: neurofisiologia e livello endocrino

Come è coinvolto il corpo? Di solito, quando guardiamo la TV, il corpo è completamente rilassato su un divano o una poltrona. I computer si utilizzano da seduti, fatto che impedisce un rilassamento completo. Gli unici movimenti fisici sono quelli delle dita e dell’avambraccio sulla tastiera e il mouse. Le automobili richiedono un numero limitato di movimenti, mentre le biciclette attivano quasi tutto il nostro corpo.

Quanto siamo consapevoli dell’ambiente che ci circonda? Il teatro o il cinema sono ambienti che cercano di isolarci da quanto ci circonda, al fine di farci concentrare esclusivamente sul film. La TV è di solito vista in luoghi chiusi ma, a meno che non si tratti di home theater, non ci isola completamente dall’ambiente. I cellulari allontanano una parte della nostra attenzione dall’ambiente. Questo può essere molto pericoloso mentre si guida, ma la gran parte della nostra attenzione continua a essere diretta verso ciò che ci circonda. Guidare una macchina ci permette di guardare in modo fuggevole l’ambiente che attraversiamo, mentre le biciclette ci consentono di osservare più cose più in dettaglio.

Quali patologie fisiche vengono incoraggiate? Guardare la TV predispone all’obesità e a problemi cardiocircolatori. L’uso del computer può causare infiammazione del tunnel carpale, mal di schiena, rigidità al collo e obesità. Tutti gli schermi a tubo catodico emettono onde elettromagnetiche che possono provocare mal di testa e irritabilità, oltre a essere pericolosi durante la gravidanza. Gli schermi piatti producono campi elettromagnetici più deboli. I cellulari sono tuttora un argomento controverso, ma esistono molti studi secondo i quali le microonde possono avere effetti sul cervello, soprattutto dei bambini.

Che genere di onde cerebrali vengono attivate nell’utilizzatore? La TV pone le persone in uno stato passivo e rilassato, caratterizzato da onde cerebrali alfa (intorno ai 10 Hz). Ma allo stesso tempo il rilassamento indotto dalla TV è solo temporaneo, perché dopo un po’ insorge una certa irrequietezza, come ha evidenziato Jerry Mander in In the absence of the sacred (San Francisco: Sierra Club, 1991) e in Quattro argomenti contro la televisione, (Dedalo, 1982). Per quanto ne so, non esistono molti studi sulle onde cerebrali in relazione ai diversi tipi di media. Sarebbe interessante se ce ne fossero di più.

Quali sono i suoi effetti sul sistema endocrino? Per esempio, la luce di qualsiasi schermo inibisce la produzione di melatonina, soprattutto a distanza ravvicinata, come nel caso dei computer. L’inibizione della melatonina provoca, tra le altre cose, difficoltà ad addormentarsi. Ci sono anche degli studi che collegano l’uso dei cellulari al sistema endocrino.

Mente e psicologia

Il mezzo promuove la concentrazione o disperde l’attenzione? Leggere un libro promuove la concentrazione, mentre navigare in Rete (e l’uso di Internet in generale), a causa dell’elevato numero di eventi che chiedono la nostra attenzione, promuove la dispersione.

Promuove proiezioni e fantasie mentali, o ci porta a contatto con la realtà? La TV ci porta in uno stato onirico in cui le immagini ci raggiungono la mente senza molti filtri, grazie anche alla produzione delle onde cerebrali alfa. Meno il nostro corpo è coinvolto dal medium, più l’esperienza sarà limitata alla sfera mentale e più facilmente messaggi e suggestioni potranno entrare in noi.

Quali canali di pensiero sono stimolati? Razionale, magico, visuale, cinestetico, emozionale? Che modalità di pensiero è sollecitata? Per esempio, la programmazione di software stimola la modalità di pensiero causale-razionale, un video stimola la parte visuale, mentre alcuni videogiochi Wii possono promuovere i canali cinestetici. Naturalmente, i canali possono mescolarsi, come in un film in cui vengono stimolati sia il canale visuale che quello emotivo.

Quali stadi dello sviluppo psicologico sono coinvolti? Questa classificazione potrebbe seguire, per esempio, quella di Piaget degli stadi dello sviluppo cognitivo (o qualsiasi altro modello psicologico). La relazione con il computer talvolta ricorda lo stato simbiotico. La relazione con un’automobile ricorda lo stadio in cui otteniamo autonomia, indipendenza e libertà (il riferimento qui è agli stadi di separazione-individuazione individuati da Margaret Mahler).

Che tipo di difese psicologiche vengono attivate? I computer possono provocare distacco dalle persone e dalla realtà, e talvolta anche distorsione di quest’ultima. I libri o la programmazione informatica possono promuovere l’intellettualizzazione, intesa come modo per evitare quei sentimenti che non si riesce a gestire, a favore dell’intelletto.

Quale parte dell’ego viene incoraggiata? Per alcuni, le automobili possono rappresentare uno status symbol più che semplici mezzi di trasporto, i libri possono generare snobismo intellettuale e le conoscenze informatiche possono indurre a sentirsi parte di un’élite high-tech.

Cosa provoca l’uso eccessivo? L’uso eccessivo della TV provoca passività e obesità, l’uso eccessivo dei cellulari provoca stress e probabilmente patologie, l’uso eccessivo del computer provoca dipendenza.
Quanto facilmente si diventa dipendenti da questi media? Gli SMS, i videogame, le aste on-line, il gioco d’azzardo on-line e il sesso on-line possono provocare più facilmente dipendenza. La mia ipotesi è che la dipendenza da computer sia un meccanismo dell’ego per sopravvivere.

Qualità umane

Quali qualità dell’animo umano questi strumenti incrementano, apparentemente? I computer, in generale, stimolano qualità mentali come la precisione, la prevedibilità, la costanza, l’infallibilità. Le automobili – anche di più, le motociclette – esaltano il potere, il desiderio di avventure ed esplorazioni. I social network, apparentemente, soddisfano il bisogno di rapporti significativi con gli altri esseri umani. I libri, e le parole stampate in generale, sono estensioni e sostituti di una buona memoria. Sembra che la TV soddisfi il nostro bisogno di quiete e rilassamento.

Quali bisogni interiori sembra che soddisfino, e come tali bisogni sono manipolabili dalla pubblicità? Le automobili sono rappresentate come strumenti di libertà che appagano il nostro bisogno di movimento, i computer danno la sensazione di semplificare e automatizzare certe incombenze (shopping; conto corrente on-line; lavori di contabilità, scrittura e centinaia di altre cose che dovrebbero farci “risparmiare tempo”), promettendo una vita più semplice. La TV sembra donare quella quiete e quella tranquillità necessarie alla nostra vita stressata. Di tali stati passivi e rilassati può approfittare la pubblicità.

Quali buone qualità possono essere sviluppate? La programmazione software può sviluppare il pensiero logico e la comprensione causa-effetto. I blog possono migliorare le doti di scrittura.

Possono nuocere a qualche buona qualità? Internet, con le sue molte tentazioni e interruzioni, riduce l’attenzione prolungata. La TV inibisce o elimina completamente la comunicazione all’interno della famiglia. Le automobili riducono l’esercizio necessario ai muscoli delle gambe. I sistemi di orientamento satellitare nelle automobili indeboliscono il nostro senso di orientamento. I cellulari riducono il legame con l’ambiente che ci circonda. McLuhan chiamava tali indebolimenti “amputazioni”.

Spirituale

Quale aspirazione o stato vengono simulati a livello spirituale? Per esempio, la connessione con tutti e tutto raggiungibile tramite Internet ricorda la consapevolezza collettiva di cui hanno parlato molti insegnanti spirituali. Alcune tecnologie imitano le siddhi, i poteri spirituali di cui si fa menzione nell’antica epica hindu. Per esempio, la Vayu Gaman Siddhi, che consente di spostarsi simultaneamente da un luogo all’altro e di volare nei cieli (Google Earth e gli altri simulatori), o la siddhi che permette la capacità di creare mondi (la tecnologia ci consente di creare mondi virtuali come Second Life) o di manipolare la materia (le nanotecnologie).

Sociale

Fino a che punto è possibile manipolare la realtà? Qualsiasi “medium”, per sua stessa definizione, si frappone tra noi e la realtà, mediando e velando il nostro contatto con essa in misura più o meno grande. I tagli e gli effetti speciali della TV possono manipolare in misura significativa la realtà, soprattutto attraverso il canale visuale della mente. Mondi virtuali come Second Life, benché vogliano immergere l’utente più profondamente nell’ambiente, sono in realtà meno manipolativi, poiché non pretendono di mostrare la realtà.

Quali problemi sociali sembra che vengano risolti? All’inizio, la TV era vista come un medium per diffondere cultura, soprattutto tra le persone meno istruite. Internet promuove la partecipazione alle decisioni sociali da parte di tutti.

Sono esperienze individuali o collettive? All’inizio, la TV era un’esperienza collettiva, poi venne posta nella famiglia, infine individuale (oggi, nei Paesi ricchi, la maggior parte dei componenti di una famiglia possiede una televisione tutta per sé). Benché Internet sia un’esperienza individuale, gli utenti sono connessi tra loro in modo mediato. Un film al cinema è un’esperienza collettiva, ma le persone non sono connesse tra loro. Un’automobile è perlopiù un’esperienza individuale.

I contenuti sono creati dagli individui o sono diffusi in modo centralizzato? I giornali, la TV e le radio sono centralizzati, mentre i contenuti e i blog dei social network di Internet sono creati dagli utenti. Talvolta, anche i media tradizionali danno spazio agli utenti, tramite lettere e telefonate.

Può il mezzo essere concentrato in poche mani o essere controllato? Quasi tutti i media possono essere concentrati in poche mani. I media tradizionali quali la stampa e la televisione possono essere controllati dai loro proprietari e anche dai governi. Internet, con la sua struttura aperta, è più difficilmente controllabile, ma anche in questo campo il controllo e la concentrazioni in poche mani stanno aumentando.

Qual è il ciclo di vita ambientale di un mezzo? Qual è l’impatto ambientale della produzione, dell’uso e dell’eliminazione dei suoi strumenti? È possibile riciclare questi ultimi, e fino a che punto?

Qual è l’ambiente di produzione di tali strumenti? Ci sono rischi per i lavoratori? I diritti dei lavoratori sono rispettati? La produzione viene effettuata in Paesi che rispettano i diritti umani?

Quali parti del contatto sociale vengono sostituite? La TV sostituisce la conversazione in famiglia, i network sociali possono sostituire le amicizie che nascono per strada, il cybersesso può sostituire un’esperienza sessuale autentica e i siti di incontri possono sostituire il gioco della seduzione che si attua tramite gesti, gli sguardi e il linguaggio del corpo. I lettori Mp3 (e, prima ancora, i Walkman) sostituiscono il canticchiare e il fischiettare della gente per strada.

In sintesi

È possibile analizzare e sintetizzare le diverse qualità di un medium per valutarne i rischi di manipolazione della realtà e della verità. Per esempio, un medium come la TV – che mette le persone in uno stato passivo e ricettivo allo stesso tempo, è controllato da pochi ma è usato da molti – andrebbe sottoposto a un controllo rigoroso per tutelare la democrazia e la libertà di espressione.

Inoltre, se un medium agisce su certi circuiti neurali e soddisfa bisogni psicologici profondi irrisolti, può facilmente provocare dipendenza. Di questo, le persone dovrebbero essere consapevoli.
Molta ricerca va ancora fatta riguardo l’impatto dei media sulla nostra psiche e sulla società. Credo che il porre domande e valutare le risposte sia un buon inizio.
[/it]

Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0
This work is licensed under a Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0.