Feed on
Posts

Porn 2.0

<h1><a xhref="http://www.indranet.org/?attachment_id=93">cupid psyche</a></h1>[en]

The liberation to be internally free in having sex the way we feel like or to be free not to have it doesn’t come by merely acting out or by repressing the actual act, but by the level of awareness that we are willing to give our sexual needs, be them indulgence or asceticism.

With the pervasivity of porn we got desensitized towards sexual images and their relationship with our soul.  In this overwhelming input towards sex in society, a certain kind of independent porn could paradoxically reveal the vulnerable, human side and the connection with introspection.
[/en][it]

La libertà interiore di fare sesso nel modo che vogliamo, oppure di non farlo, non dipende dalla semplice espressione o repressione dell’atto sessuale in sé, ma dal livello di consapevolezza che desideriamo portare ai nostri bisogni sessuali, siano essi l’indulgenza o l’ascetismo.

Con il dilagare della pornografia ci siamo assuefatti alle immagini sessuali e al loro rapporto con la nostra anima. In mezzo a questo sovraccarico di input sessuali nella società, un certo genere di pornografia indipendente potrebbe paradossalmente rivelare un lato umano e vulnerabile, e un legame con l’introspezione.

[/it]

[en]

The liberation to be internally free in having sex the way we feel like or to be free not to have it doesn’t come by merely acting out or by repressing the actual act, but by the level of awareness that we are willing to give our sexual needs, be them indulgence or asceticism.

The energies of the “low chakras” and our deep desires have to be lived and integrated in our humanity in order for us to become a whole person. I trust much more people who live their sexuality fully, heroically descending that ladder with awareness. Sexual repression doesn’t work. It gives space to hypocrisy and too often to sexual abuse by the very representatives of religions. Not only by Christian priests, in fact eastern spiritual teachers have also been caught in being sexually abusive towards their disciples. This happens especially when they come to the west and they face sexual energies that were kept hidden by its more traditional setting.

I have been brought up in Italy, in a culture where women are traditionally supposed to be “good girls” and men are supposed to be Casanovas. My conditioning was the exact opposite of sexual repression, as a man I was supposed to be a stud. I had an ambivalent reaction to that, on the one side I wanted to push myself to be more sexually seductive and on the other side I wanted to explore the warm and sensitive sides of sex. Looking for the spiritual side was an authentic need of my soul but it also matched the unease of living my masculine qualities in a full way. There were feelings of guilt and the expectations of not being accepted if I’d shown my sexual intensity clearly and fully. That had to do with the conditionings I received from my family, school and society, where whenever I showed my anger, passion and hot blooded attitudes I wouldn’t be accepted.

So something was missing and I switched to the other side, wanting to experience more embodied, intense, heated and rough sex. So I did, for a number of years. It was liberating and to my surprise very well accepted by my partners. Just now, when I’m over 40, I’m merging both worlds and I have understood that the spiritual attitude accepts and includes every kind of energy, even the “lowest”.

This unification process of internal energies didn’t come as a “technical” skill, but as giving light with awareness at what was preventing the integration of the heart and the body. And much of what I saw in myself was rooted in collective religious conditionings, even though I had not personally been much conditioned in that sense. Those collective messages are stronger than our personal or family histories; they are just in the thoughts sphere that is breathed in by everyone.

Sex is a beautiful opening of our sensations, connection, pleasure and empathy. At the same time, true sexual exploration often becomes an uncharted path full of pitfalls. As the most powerful energy around, sex challenges our feelings, our conditionings, our integrity, our self-image and our practical life as well. We can get stuck in addictive behaviours, we can get diseases, we can become socially condemned, we can have trouble with the law according to the different country rules.

This path, when took authentically, is as difficult nowadays as it was in ancient times. Already in the ancient sacred sexual disciplines such as the tantric ones, the path of sex was for courageous souls who were willing to face both their inner demons and inner gods.

In the last decades, western countries have experienced the growing of porn, and a further acceleration of it in the last ten years with the Internet. Porn was born as the other side of sexual repression: acting out desires and letting the wild side be free, as much as it was allowed by the period. The dichotomy between women as Mother Mary or Magdalene couldn’t be healed in a way accepted by our culture, so we displaced the wild sexual aspects in the porn area. Porn, in the meanwhile, developed in different directions, amongst which in the extremization of sexual practices and in having an easy access to it through technology and the media.

In general the history of porn didn’t show much respect towards the people involved, and too frequently was clearly abusive, exploiting and humiliating. Such pervasive porn contributed to the further splitting of lust and feelings in our culture, which were separated much earlier with the rejection of the natural human desire of sex by the monotheistic religions and made even more difficult by the arrival of the present competitive society where our best energies have to be given to production. The young people sexual culture of "hooking up" and no-strings-attached sex act has been reported by Laura Sessions Stepp in her book Unhooked that, according to the Washington Post reviewing is about:

…no commitment, no exclusivity, no feelings. The girls adopt the crude talk of crude boys: They speak of hitting it, of boy toys and filler boys, "my plaything" and "my bitch." Why hook up? According to Stepp, college women, obsessed with academic and career success, say they don't have time for a real relationship; high school girls say lovey-dovey relationships give them the "yucks."

We got desensitized towards sexual images and their relationship with our soul. Images that would have shocked me as a young man are now a click away from everybody and few people are shocked by them anymore. There is an absence of meaningful and useful sexual guidance and support in society, where teachers and priests are either in denial or on the repressing side, where popular culture promotes just the superficial sides and brainless sexual symbols, where parents do not have the time or the emotional capacities to talk sympathetically about sex and where Internet porn mostly manipulates just the rudimentary instincts.

There are workshop and schools on sexuality and tantra almost everywhere. But very few people attend them compared to the millions of people that are porn consumers: sex related words are among the most popular Google’s searches. Pandora's box have already been open and porn is going to stay with us.

In this overwhelming input towards sex in society, a certain kind of independent porn could paradoxically reveal the vulnerable, human side and the connection with introspection. While it’s quite easy to show oneself naked on the Internet or build a site where anybody can promote, sell or even produce their own porn, less easy is to expose the nakedness of the soul. I foresee that a direction of porn will evolve toward this path.

One of the seeds in this direction is personified by May Ling Su, an Asian woman who self-produces porn mostly with her partner and father of her child, among other artistic activities. She allows readers of her blog to participate to her sexual, ordinary and introspective life. A sort of Porn 2.0.

Her free videos are shown in small low resolution windows and this makes the viewer participate even more. See my article Cool, hot media and gender attraction regarding how different media shape the attraction between gender. Talking about feelings that revolve around porn and showing the vulnerable side of sexual life can be done with more authoritativeness by somebody who lives their lust in its fullness. Not everybody who dug the bottom have or is willing to build the inside resources to use sex as energy for awareness. But only those who walked the whole path of facing instincts can integrate lust and awareness and go towards deeper self understanding, as a path towards our wholeness and truth.

The more intense desires are, the more consciousness there is. This is why it is said that desires "flare up." As consciousness evolves more, desires will also grow more. Hence, the more man evolves in time, in history and the more intense his desires will become. There is no need to be afraid of this and there is also no need to be worried about it. It is simply an indication of one thing: that the light of your consciousness is also aware of things which were not known to it in the past. […] Another interesting thing is that the farther away the object of your desire is, the more you will forget yourself. Hence, in the past it was easier to return to yourself than it is today. Today, the distance between your consciousness and the objects of your desires is much greater. The distance that you have to travel to fulfil your desires is so far away from you that coming back has become more and more difficult. This is why it was easier to be spiritual in the past. Today, spirituality is much more difficult. There is one more thing: although in the past man could be spiritual more easily, the inner explosion of his spirituality could not be as great as it can be today. The farther away one has gone astray, the greater the inner explosion when one returns home. Osho. Flight of the Alone to the Alone. Rebel Publishing House. Pune. 2000.

Whilst any spiritual teacher teaches about desires as hindrances on the path to liberation, many are realistically saying that desires, because of their nature, have to be experienced in real life. Even though according to Nisargadatta Maharaj “The perennial desire for pleasure is the reflection of the timeless harmony within. It is an observable fact that one becomes self-conscious only when caught in the conflict between pleasure and pain, which demands choice and decision”, on the assertion of a disciple saying “What the Yogi secures by renunciation (tyaga) the common man realizes through experience (bhoga). The way of Bhoga is unconscious and, therefore, repetitive and protracted, while the way of Yoga is deliberate and intense and, therefore, can be more rapid.” he answered:

Maybe the periods of Yoga and Bhoga alternate. First Bhogi, then Yogi, then again Bhogi, then again Yogi. Weak desires can be removed by introspection and meditation, but strong, deep-rooted ones must be fulfilled and their fruits, sweets or bitter, tasted. Nisargadatta Maharaj. I Am That. Acorn Press. Durham. 1982.

So experiences have to be lived totally, but they also have to fuel our awareness in order to observe ourselves:

Use your mind. Remember. Observe. You are not different from others. Most of their experiences are valid for you too. Think clearly and deeply, go into the entire structure of your desires and their ramifications. They are a most important part of your mental and emotional make-up and powerfully affect your actions. Remember, you cannot abandon what you do not know. To go beyond yourself, you must know yourself. Nisargadatta Maharaj. I Am That. Acorn Press. Durham. 1982.

Bypassing desires is not a solution. On the question “and if I desire nothing, not even the Supreme?” Nisargadatta answered “Then you are as good as dead, or you are the Supreme.”.

Even feminists have their pro-porn attitudes and gave an important contribution in the acceptance of sexual needs in women and in promoting respect rather than exploitation, but people as May Ling Su don’t come from any ideological or philosophical standpoint so the approach of her reflections is more personal and closer to everybody’s experience. Self-producing porn that way, where she and her partner are actors, directors and post-production artists is, in addition to being in control of their choices and not being exploited by anyone, an opportunity for awareness. I can imagine that she asked herself questions as: What do I want to convey in this video? What drives me into this sexual practice? How do I feel in doing it? Was I authentically into what I was doing? Do I really want to show this publicly? And others. Looking at the camera and at herself at the same time produces a feedback loop where the inside and outside are mutually fed with information, including the aware part and still keeping the enjoyment.

In other times people could avoid any encounter with sexual energy quite easily. Spiritual practitioners who wanted to descend into their soul would have faced those energies anyway even through bare meditation since sex is an aspect that belongs to every human being and is going to come to the surface during any awareness practice. But in our current society, at least in the west, is almost impossible to avoid meeting sexual energies, the external pressure is just overwhelming. Our desires are triggered and stimulated by every means giving us opportunities to drown into deep waters or to find pearls within our awareness.

Once we obtain the objects of our desires, that achievement becomes of no value since the mind is interested in what is not still attained; unless we recognize sex as our most powerful desire and we include it in our awareness, our evolution as human beings cannot go much further. 

See also:

Sex black hole

Superego orgasm 2.0

Cool, hot media and gender attraction
[/en][it]

La libertà interiore di fare sesso nel modo che vogliamo, oppure di non farlo, non dipende dalla semplice espressione o repressione dell’atto sessuale in sé, ma dal livello di consapevolezza che desideriamo portare ai nostri bisogni sessuali, siano essi l’indulgenza o l’ascetismo.

Le energie dei “chakra inferiori” e i nostri desideri profondi vanno vissuti e integrati nella nostra umanità, affinché noi possiamo diventare persone integre. Mi fido molto di più delle persone che vivono totalmente la loro sessualità, scendendo in modo eroico e consapevole quella scala.La repressione sessuale non funziona. È all’origine di ipocrisie e troppo spesso di abusi sessuali a opera degli stessi rappresentanti delle religioni. Non mi riferisco solo ai preti cristiani: sono stati accertati casi di violenze sui discepoli anche da parte di insegnanti spirituali orientali. Ciò accade soprattutto quando essi arrivano in Occidente e si trovano di fronte a energie sessuali che nel loro contesto di origine, più tradizionale, restavano nascoste.

Io sono cresciuto in Italia, in una cultura dove alle donne viene chiesto di essere “brave ragazze”, agli uomini di essere dei Casanova. Il mio condizionamento è stato l’esatto opposto della repressione sessuale: come uomo, dovevo essere uno stallone. La mia reazione a ciò è stata ambivalente: da un lato, volevo sforzarmi di essere più sessualmente seducente; dall’altro, desideravo esplorare l’aspetto profondo e sensibile del sesso. Mettersi alla ricerca del lato spirituale era un bisogno autentico della mia anima, ma derivava anche dalle mie difficoltà a vivere il lato maschile in modo chiaro e completo. Avevo sensi di colpa e mi aspettavo di non essere accettato, se avessi mostrato chiaramente e completamente la mia intensità sessuale. Ciò era dovuto al condizionamento ricevuto in famiglia, nella scuola o in società, dove ogni volta che mostravo rabbia, passione o stati d’animo focosi non venivo accettato o giudicato.

Mancava qualcosa e passai all’altro lato: volevo vivere la sessualità in modo più fisico, intenso, focoso e primordiale. E così feci, per diversi anni. Era liberatorio e, con mia sorpresa, molto gradito dalle partner. Solo ora che ho superato i quaranta anni sto riunificando le due dimensioni e ho capito che lo spirituale accetta e include ogni tipo di energia, anche quelle “basse”.

Questo processo di unione delle energie interiori non è stato tanto un fatto “tecnico”, quanto un portare luce e consapevolezza a ciò che impediva l’integrazione tra cuore e corpo. E molto di ciò che ho visto in me aveva radici nei condizionamenti religiosi collettivi, benché io, personalmente, non avessi ricevuto molto di quel tipo di condizionamenti. Tali messaggi collettivi sono più forti delle nostre vicende personali o famigliari: fanno parte della “sfera dei pensieri” che tutti respiriamo.

Il sesso è una magnifica espansione della sensibilità, del piacere, dell’empatia, del senso di connessione. Allo stesso tempo, esplorare sinceramente la sessualità spesso vuol dire percorrere un cammino sconosciuto e pieno di trappole. Poiché è l’energia più potente, il sesso sfida i sentimenti, i condizionamenti, la nostra integrità, l’immagine di noi stessi e anche la nostra vita pratica. Possiamo restare bloccati in comportamenti dipendenti, contrarre malattie, venire guidicati dalla società; possiamo anche avere problemi con la legge, a seconda delle normative dei vari Paesi. Questo cammino, quando viene intrapreso in modo autentico, è tanto difficile oggi quanto lo era nei tempi antichi. Già nelle antiche discipline sessuali sacre, come quelle tantriche, la via del sesso era per animi coraggiosi capaci di affrontare sia i demoni che gli dei interiori.

Nelle ultime decadi, i Paesi occidentali hanno assistito allo sviluppo della pornografia e ad un’ulteriore accelerazione (nell’ultimo decennio) tramite Internet. La pornografia è nata come l’altra faccia della repressione sessuale: dare sfogo ai desideri e liberare il lato selvaggio, nei limiti del consentito dalle epoche storiche. La dicotomia femminile tra Madre Maria e Maddalena non era sanabile in modi accettati dalla nostra cultura, per cui abbiamo relegato gli aspetti sessuali istintivi nell’area pornografica. La pornografia, nel frattempo, si è sviluppata in diverse direzioni, tra cui l’estremizzazione delle pratiche sessuali e la facilità di accesso tramite i media e la tecnologia.

In generale la pornografia, nel corso della sua storia, non ha mostrato molto rispetto per i suoi protagonisti, e anzi troppo frequenti sono stati i casi di violenza, sfruttamento e umiliazione. Una pornografia tanto diffusa ha contribuito ad accrescere nella nostra cultura la scissione tra libidine e sentimenti, che si era separata molto tempo prima tramite il rifiuto del naturale desiderio sessuale operato dalle religioni monoteiste. L’avvento dell’attuale società competitiva, in cui le nostre migliori energie devono essere dedicate alla produzione, ha reso tutto più difficile. La cultura sessuale dei giovani, fatta di “rimorchiare” e assenza di impegni, è stata descritta nel libro Unhooked di Laura Sessions Stepp. Secondo il Washington Post, questo libro parla di:

… nessun impegno, nessuna esclusività, nessun sentimento. Le ragazze adottano il linguaggio volgare dei ragazzi volgari: parlano di scopate, ragazzi oggetto, ragazzi giocattolo, troie. Perché impegnarsi? Secondo Stepp, le ragazze dei college, ossessionate dal successo accademico e dalla carriera, dicono di non avere tempo per una relazione autentica; quelle delle scuole superiori, da parte loro, dicono che le relazioni dolci sono una romanticheria insopportabile.

Ci siamo assuefatti alle immagini sessuali e al loro rapporto con la nostra anima. Le immagini che mi avrebbero scioccato come giovane uomo, oggi sono a distanza di un click da ognuno, e pochi ne restano ancora scioccati. Nella società manca una guida sessuale utile e autorevole: gli insegnanti e i preti negano oppure reprimono, la cultura popolare promuove un aspetto superficiale e frivolo della sessualità, i genitori non hanno il tempo o la forza emotiva per parlare con intelligenza del sesso, mentre la pornografia in Rete manipola perlopiù solo gli istinti primordiali.

Vi sono workshop e scuole sulla sessualità e sul tantra quasi ovunque. Ma ben poche persone vi partecipano in confronto ai milioni di persone che sono consumatori di pornografia: le parole relative al sesso sono tra le ricerche più popolari su Google. Il vaso di Pandora è già stato aperto e il porno è destinato a rimanere tra di noi.

In mezzo a questo sovraccarico di input sessuali nella società, un certo genere di pornografia indipendente potrebbe paradossalmente rivelare un lato umano e vulnerabile, e un legame con l’introspezione. Mentre è molto facile mostrarsi nudi in Rete o creare un sito in cui ognuno possa pubblicizzare, vendere o addirittura produrre la propria pornografia, è meno facile mostrare la nudità dell’anima. Io prevedo che una parte della pornografia si evolverà in questa direzione.

Uno dei semi in questa direzione è personificato da May Ling Su, una donna asiatica che, tra le altre attività artistiche, autoproduce materiale pornografico soprattutto con il compagno e padre del suo figlio. Lei permette ai lettori del suo blog di partecipare alla sua vita sessuale, quotidiana e interiore. Una sorta di Porno 2.0.

I suoi video si aprono in finestre a bassa risoluzione, permettendo allo spettatore un coinvolgimento ancora maggiore (vedere il mio articolo Media caldi, freddi e l’attrazione fra i generi su come media diversi modellano l’attrazione tra i generi sessuali). Parlare di sentimenti riguardanti la pornografia e mostrare il lato vulnerabile della vita sessuale può essere fatto con più autorevolezza da una persona che viva la propria lussuria in modo totale. Non tutti coloro che esplorano la sessualità hanno o desiderano sviluppare le risorse interiori per usare il sesso come un carburante per la consapevolezza. Tuttavia, solo coloro che hanno percorso tutto il cammino dell’esplorazione degli istinti possono integrare la sessualità e la consapevolezza, e dirigersi verso lo spirituale, inteso come una via verso la nostra integrità e verità.

Più i desideri sono intensi, più vi è coscienza. Per questo motivo si dice che i desideri “salgono”. Mentre la coscienza si evolve, anche i desideri aumentano. Quindi, più l’uomo si evolve nel tempo, nella storia e più intensi diverranno i suoi desideri. Non c’è bisogno di essere intimoriti da questo e anche non c’è bisogno di esserne preoccupati. E’ solamente l’indicatore di una cosa: che la luca della tua cosicenza è anche consapevole di cose che non erano conosciute nel passato. […] Un’altra cosa interessante è che più gli oggetti dei nostri desideri sono distanti, più dimenticherai te stesso. Di conseguenza nela passato era più semplice tornare a te stesso di quanto non lo sia oggi. Oggi, la distanza tra la tua coscienza e gli oggetti dei tuoi desideri è molto maggiore. La distanza che devi percorrere per soddisfare i tuoi desideri è talmente distante da te stesso che il ritorno è diventato sempre più difficile. Questo è il motivo per cui essere spirituali nel passato era più facile. Oggi il percorso spirituale è molto più difficile. C’è un’altra cosa: nonostante nel passato l’essere umano poteva essere spirituale con più facilità, l’esplosione interiore della sua spiritualità non poteva essere così grande come la è oggi. Più una persona ha perso la strada, più grande sarà l’esplosione interiore quando torna a casa. Osho. Flight of the Alone to the Alone. Rebel Publishing House. Pune. 2000.

Nonostante che ogni insegnante spirituale parli dei desideri come impedimenti sul percorso verso la liberazione, molti di questi affermano realisticamente che i desideri, per loro natura, devo essere esperimentati nella vita reale. Anche se secondo Nisargadatta Maharaj “Il perenne desiderio di piacere riflette l'eterna armonia che hai dentro. Puoi vedere da te che diventi cosciente del tuo io solo quando sei preso da un conflitto tra piacere e dolore che richiede una scelta e una decisione”, all’affermazione di un discepolo “L'uomo comune realizza con l'esperienza (bhoga) ciò che lo jogi si procura con la rinuncia (tyaga). La via del bhoga è inconsapevole e, di conseguenza, ripetitiva e protratta, mentre quella dello yoga è deliberata e intensa, e può essere quindi più rapida.” egli rispose:

Forse le fasi di yoga e di bhoga si alternano. Prima si è bhogoin, dopo yogi, poi ancora bhogoin e di nuovo yogi. I desideri deboli possono essere rimossi dall'introspezione e dalla meditazione, ma quelli intensi e ben radicati devono essere soddisfatti e bisogna assaggiarne i frutti, dolci o amari che siano. Nisargadatta Maharaj. Io sono quello. Astrolabio. 2001

Quindi le esperienze vanno vissute con totalità, ma allo stesso momento necessitano di alimentare la nostra consapevolezza allo scopo di poterci osservare:

Usa la mente. Ricorda. Osserva. Non sei diverso dagli altri. Le loro esperienze sono in gran parte valide anche per te. Pensa con chiarezza a profondità, penetra nell'intera struttura dei tuoi desideri e delle loro ramificazioni. Sono una delle parti più importanti del tuo comportamento mentale ed emotivo e influenzano fortemente le tue azioni. Ricorda: non puoi abbandonare ciò che non conosci. Per andare oltre te stesso, devi conoscerti.  Nisargadatta Maharaj. Io sono quello. Astrolabio. 2001

Bypassare i desideri non è quindi una soluzione. Alla domanda: “E se non desidero niente, neppure il Supremo?”, Nisargadatta rispose: “Allora sei praticamente morto, oppure sei il Supremo.”

Anche tra le femministe sono presenti posizioni a favore della pornografia. Esse hanno dato un importante contributo all’accettazione dei bisogni sessuali femminili e hanno favorito il diffondersi di un clima di rispetto anziché di sfruttamento. Tuttavia, persone come May Ling Su non vengono da alcuna posizione filosofica o ideologica: il loro approccio è più personale e vicino all’esperienza di ognuno. Una simile autoproduzione pornografica – in cui lei e il partner sono attori, registi e responsabili della post-produzione – permette il controllo delle proprie scelte e impedisce qualsiasi sfruttamento; inoltre, è un’opportunità di consapevolezza. Posso immaginare che lei si sia fatta domande come: «Cosa voglio trasmettere con questo video? Cosa mi porta a questa pratica sessuale? Come mi sento nel farla? Ero davvero in ciò che stavo facendo? Voglio davvero mostrare questo in pubblico?», ecc. Guardare allo stesso tempo la telecamera e se stessa produce un feedback circolare in cui l’interiore e l’esteriore si scambiano vicendevolmente informazioni. La parte consapevole è inclusa, ma questo non impedisce il piacere dell’atto.

In altri tempi, la gente poteva evitare l’incontro con le energie sessuali piuttosto facilmente. I praticanti spirituali che volevano discendere nella propria anima si sarebbero comunque trovati di fronte a quelle energie, anche attraverso la semplice meditazione, poiché la sessualità è un aspetto che appartiene a ogni essere umano e affiorerà in qualsiasi pratica di consapevolezza. Ma nella società dei giorni nostri, almeno in Occidente, è praticamente impossibile evitare l’incontro con le energie sessuali, perché la pressione esterna è troppo forte. I nostri desideri sono provocati e stimolati con ogni mezzo, dandoci l’opportunità di naufragare in acque profonde o di trovare perle nella nostra consapevolezza.

Una volta che otteniamo l’oggetto dei nostri desideri, questa conquista perde valore, perché la mente è interessata a ciò che deve ancora raggiungere; se non riconosciamo il sesso come il nostro desiderio più potente, includendolo nella nostra consapevolezza, la nostra evoluzione come esseri umani non potrà spingersi molto lontano.

Vedi anche:

Il buco nero del sesso

L'orgasmo 2.0 del superego

Media caldi, freddi e l’attrazione fra i generi
[/it]

Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0
This work is licensed under a Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0.