Feed on
Posts

My friend got a “minditis”

<h1><a mce_thref=

[en]

Everybody gets some inflammation in his or her body. Sinusitis is quite common, as are bronchitis, tendinitis and other “i’ itis’s”. External attacks, as a sudden change of weather, bad food, carelessness, stress or too much effort, can trigger some unbalance in our bodies. Human beings are not perfect. If the inflammation episode does not repeat itself often and it does not become chronic, in most of the cases it will resolve itself spontaneously after few days. No need for special cares but occasionally, some natural treatments or chemical support might be necessary. However, once the symptoms are gone, we can stop the treatment and we use the experience to learn how to take better care of our bodies. Of course, nobody would take painkillers or antibiotics for a year after a complaint is already over.

Nevertheless, when the mind is involved, this is considered a special case. I have a friend in her early 40s, a teacher at university, who is a brilliant and emotionally alive woman. Almost one year ago, she experienced an acute mental episode triggered by a problematic relationship with her lover.

[/en][it]
Tutti sviluppiamo infiammazioni del corpo. La sinusite è abbastanza comune, così come la bronchite, la tendinite e altre “iti”. Le aggressioni esterne – per esempio: un improvviso mutamento climatico, cibo scadente, mancanza di cura personale, stress o sforzo eccessivi – possono provocare squilibri nel corpo. Gli esseri umani non sono perfetti. Se l’infiammazione non si ripete spesso e non diventa cronica, nella maggior parte dei casi sparirà da sé dopo pochi giorni. Non occorrono cure speciali anche se, di tanto in tanto, può essere necessario fare ricorso a trattamenti chimici o naturali.

Tuttavia, una volta spariti i sintomi, possiamo abbandonare la cura e usare l’esperienza per imparare a prenderci meglio cura del nostro corpo. Naturalmente, dopo la scomparsa della malattia, nessuno continuerebbe ad assumere antidolorifici o antibiotici per un anno intero. Ma quando si tratta della mente, il discorso cambia. Una mia amica – professoressa universitaria poco oltre la quarantina – è una donna brillante e molto viva dal punto di vista emotivo. Quasi un anno fa, ebbe una grave crisi psichica provocata dalle difficoltà nei rapporti con il partner.
[/it]

[en]
Her strong longing for him released a chain of thoughts and images that went out of control. She doesn’t use drugs and never had any mental episode before. Her personality is bubbly and extrovert; probably a different personality would have reacted by slipping into a depressive state, instead her mind went up to the ceiling and beyond.

Intellectual people that work mainly with their mind, are prone to getting an inflammation of the thoughts, I could define it as a minditis, just as sculptors are more prone to forearm tendinitis. Our strength is also our weakness. With tendinitis, the prognosis is simple: rest, anti-inflammatories if needed and taking care not to over-strain that body part in the future. Her sister took my friend to the hospital, where doctors gave her tranquilizers and antipsychotics. I heard about her adventure when I called her on the phone, a couple of weeks after it happened. She was still in the hospital, and the prognosis was that she needed to stay two months in the hospital and take antipsychotic drugs for a year. On the phone, she was the same as ever, just slowed down in her speech and thoughts by the drugs. However, she was aware of herself and balanced in how she talked. But also, she was scared that if she didn’t follow the doctor’s indications, she would fall back into the same condition. Therefore, she took their advice. I feel she is strong enough not to become addicted to those drugs and that will get her life spirit back with no more fears in a short time.

The belief upheld within the psychiatric system is that when somebody has a mental episode, even temporary, something is deeply wrong in the person that has to be “fixed” or at least suppressed by drugs. The pharmaceutical industry has its economic reasons to create long-term dependency among patients.

Probably there are psychological reasons that could be at the base of such an intense longing that triggered a temporary “psychotic” state, and they could be worth exploring. However, a psychological analysis of the event, even though better than the merely pharmaceutical solution, is in my opinion not even the main point. The madness of love that my friend experienced was called divine madness in the past. Intense love and longing are by their very nature going to threaten our balance and our personality. The gods of love and passion cannot do their work if our personality remains intact. “Melting in love,” means exactly that. Jung used to say the gods became diseases. We consider the strong presence of the archetypes as something to be treated and it is considered a threat to our efficient and productive life style.

When I was nineteen, I experienced a depressive episode that lasted for a few months. Anybody that had such an episode knows how painful it can be. I didn’t have any special reason to become depressed, perhaps just a soul’s growth crisis at the end of the teenage years, combined with changes in life. I think that our mind in certain stages of our life goes through a spontaneous need to metabolize and grow in awareness of our past and conditionings. This can feel as uncomfortable as undigested food in the stomach and can take many forms.

My mind was crunching thoughts day and night. In those days, I didn’t know anything about meditation, bodywork or being a witness to the thoughts and let them pass without identifying or attaching to them and letting them chain me in endless circles. The depression ended as suddenly as it started. Life called me again in the form of a dream where I was making love with a girl that I was much attracted to on January 2, a beginning in many senses. From that morning, I got better. Since then I never entered such a depressed state in my life. Since I have occasionally experienced sadness as every human being does, I was worried that it could grow into a major depression; later, after learning to accept occasional sadness as part of human life, my worries disappeared.

During my depressive state, there was a place in my soul that was convinced that nothing could help me. Doctors would have said that a thought like that was a consequence of the depressive state and that I would have needed medical treatment. My awareness of that state, far from being just a negative thought caused by depression, was coming from a deeper part of my soul that knew the depressive state had to follow its course. Not every depression can have this lucky outcome and I acknowledge the importance of having pharmaceutical molecules that can let people run a less painful life and prevent them in extreme cases from committing suicide. The alarming fact is that every day more and more natural psychological and emotional are getting the “pathology” label. I am quite sure that if I was a kid nowadays, I would have been diagnosed with the Attention Deficit Desorder, when in fact I was just extremely alive. Sure, I was easily bored too, but only when my environment could not stimulate my inquiring and challenging mind as I needed. Most people were and still are zombies.

In the self-discovery of my spiritual path, I witnessed several emotionally charged experiences in people, and in myself, that could have been labelled pathological by the DSM (Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders). When those experiences take place in a protected and sympathetic environment, the outcome is healing and a growth of more integrated states in the person experiencing them. However, for this to happen, our full awareness has to be there and this is exactly what is being prevented by psychoactive drugs.

“No ordinary states of consciousness make it possible for unconscious material with strong emotional charge to emerge into consciousness. This is an expression of a powerful spontaneous healing potential and it should be supported. Under such circumstances, emotional and psychosomatic symptoms are not only the problems to be combated but also indications of a healing effort by the organism that has to be supported, encouraged and brought to completion.” (Grof and Grof, 1990)

Suggested readings:
Stanislav Grof. Spiritual Emergency
Christina Grof. The Stormy Search for the Self
Thomas S. Szasz. The Myth of Mental Illness: Foundations of a Theory of Personal Conduct.
[/en][it]
Il suo bisogno di lui aveva scatenato una catena di immagini e pensieri al di là di ogni controllo. La mia amica non usava droghe né aveva mai avuto crisi psichiche. La sua personalità è allegra ed estroversa; una personalità differente sarebbe probabilmente scivolata nella depressione, mentre la mente della mia amica schizzò fino al soffitto, e oltre.

Le persone intellettuali che lavorano principalmente con la mente sono soggette a sviluppare un’infiammazione dei pensieri (che io chiamerei “mentite”), così come gli scultori sono soggetti a sviluppare una tendinite all’avambraccio. La nostra forza è anche la nostra debolezza. In caso di tendinite, la prognosi è semplice: riposo, anti-infiammatori (se necessari) e attenzione a non affaticare quella parte del corpo nel futuro. La sorella della mia amica portò quest’ultima all’ospedale, dove i dottori le somministrarono tranquillanti e antipsicotici. Venni a sapere della sua disavventura due settimane dopo, quando la chiamai al telefono. Stava ancora all’ospedale e la prognosi era che doveva restarvi altri due mesi e assumere farmaci antipsicotici per un anno. Al telefono era la stessa di sempre; solo i pensieri e le parole erano un po’ più lenti, a causa dei farmaci. Tuttavia, era consapevole di se stessa e diceva cose equilibrate. Temeva però che se non avesse seguito le indicazioni del medico, si sarebbe verificata una ricaduta; per questo si atteneva ai consigli ricevuti. Io sento che lei è abbastanza forte da non diventare dipendente dai farmaci, e che in poco tempo il suo spirito avrà recuperato la stessa forza di prima, senza paure.

Nel sistema psichiatrico vige la convinzione che se qualcuno ha una crisi psichica, pur temporanea, in lui c’è qualcosa di profondamente sbagliato che va “corretto” o almeno sedato tramite farmaci. L’industria farmaceutica ha le sue buone ragioni per creare dipendenze durature nei pazienti.

Probabilmente esistono ragioni psicologiche dietro l’intenso bisogno che ha scatenato un temporaneo stato “psicotico”, e può essere interessante studiare queste ragioni. Tuttavia, secondo me, il punto non è neppure un’analisi psicologica della crisi, che pure è certamente preferibile alla mera soluzione farmacologica. La follia amorosa vissuta dalla mia amica veniva chiamata in passato follia divina. L’amore e il desiderio intensi, per loro stessa natura, minano il nostro equilibrio e la nostra personalità. Gli dei dell’amore e della passione non possono compiere la propria opera se la nostra personalità resta intatta. «Sciogliersi nell’amore» vuol dire esattamente questo. Jung era solito dire che gli dei si erano trasformati in malattie. Noi consideriamo la forte presenza degli archetipi come qualcosa da curare, una minaccia al nostro stile di vita efficiente e produttivo.

Quando avevo diciannove anni, caddi in una depressione che durò qualche mese. Chiunque sia passato attraverso la stessa esperienza sa quanto può essere dolorosa. Non avevo alcun particolare motivo per essere depresso; forse era solo una fase di crescita al termine dell’adolescenza, unita ad alcuni mutamenti che stavano verificandosi nella mia vita. Penso che la mente, a certi stadi della vita, abbia spontaneamente bisogno di metabolizzare ed espandere la consapevolezza del nostro passato e dei nostri condizionamenti. La sensazione può essere altrettanto sgradevole di quella data dalla presenza di cibo non digerito nel nostro stomaco, e può assumere varie forme.

La mia mente rimuginava pensieri giorno e notte. Non sapevo nulla della meditazione, del lavoro sul corpo/mente o dell’essere un testimone dei pensieri, lasciando che questi scorrano senza identificarmi né attaccarmi; al contrario, permettevo che mi incatenassero in cerchi senza fine. La depressione finì nello stesso modo improvviso con cui era cominciata. La vita tornò a chiamarmi sotto forma di un sogno in cui facevo l’amore con una ragazza che mi piaceva molto, il 2 gennaio, una data che rappresentò un inizio in molti sensi. Quella mattina mi sentii progressivamente meglio e da allora non sono mai più entrato in una depressione altrettanto grave. Quando ogni tanto mi capitava di attraversare momenti di tristezza, come per ogni essere umano, temevo che potesse tornare la depressione, ma dopo aver imparato ad accettare la tristezza occasionale come parte della vita umana, i miei timori si sono dissolti.

Durante la depressione, nella mia anima c’era una parte convinta che nulla potesse aiutarmi. I medici avrebbero detto che un simile pensiero era una conseguenza della depressione e che avrei avuto bisogno di cure mediche. La mia consapevolezza di quello stato, ben lontana dall’essere un pensiero negativo causato dalla depressione, proveniva da una parte più profonda della mia anima, che sapeva che quello stato di depressione doveva seguire il suo corso. Non tutte le depressioni possono avere questo esito fortunato, e riconosco l’importanza di quelle molecole farmaceutiche che permettono di condurre una vita meno dolorosa e impediscono, nei casi estremi, il suicidio. Tuttavia il fatto allarmante è che ogni giorno sempre più stati emozionali e psicologici vengono etichettati come “patologici”. Io sono quasi certo che se oggi fossi stato un bambino, mi sarebbe stato diagnosticato un Disturbo da Deficit dell’Attenzione, quando in realtà ero solo estremamente vivace. Sì, mi annoiavo con una certa facilità e passavo da una cosa all’altra, ma solo quando l’ambiente non riusciva a stimolare abbastanza la mia mente curiosa e intraprendente. La maggior parte delle persone erano, e sono tuttora, degli zombie.

Durante il processo di auto-scoperta del mio cammino spirituale, ho osservato nelle persone – e in me stesso – diversi stati emozionali che il DSM (Il Manuale dei disturbi mentali diagnostici e statistici) avrebbe etichettato come patologici. Quanto tali esperienze avvengono in un ambiente protetto e comprensivo, il risultato è la guarigione spontanea e lo sviluppo di stati più integrati dell’anima. Ma affinchè questo avvenga è necessaria la nostra piena consapevolezza e questo è proprio ciò che viene impedito dagli psicofarmaci.

“Nessuno stato di coscienza ordinario rende possibile l’emergere nella coscienza di materiale inconscio con una forte carica emozionale. Questa è l’espressione di un forte potenziale di guarigione spontanea e andrebbe supportata. In tali circostanze, i simtomi emozionali e psicosomatici non sono solo problemi da combattere ma anche indicazioni di uno sforzo di guarigione dell’organismo, che va supportato, incoraggiato e portato a termine (Stanislav Grof e Christina Grof, 1990).

[/it]

Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0
This work is licensed under a Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0.