Feed on
Posts

Multitasking to nothing

<h1><a xhref="http://www.indranet.org/?attachment_id=73">soft-watch-at-the-moment.jpg</a></h1>[en]

Even though multitasking has been demonstrated to be counterproductive, in real life and at the computer we tend to do a growing number of activities simultaneously.

What people are most scared of is to actually have free time, to experience an emptiness that would make us aware of the meaninglessness of our lives.  Any slowing down of our mind activity will give more awareness of ourselves in a deeper way than the activities we are identified with, and this is exactly what our ego tends to avoid.

[/en][it]

Anche se è stato dimostrato come il multitasking sia controproducente, nella vita reale e al computer tendiamo ad occuparci di un numero crescente di attività simultaneamente.

In realtà quello che si teme maggiormente è fare esperienza di un vuoto che ci renderebbe consapevoli della mancanza di senso profondo nelle nostre attività. Qualsiasi rallentamento dell’attività mentale ci renderebbe consapevoli di noi stessi più profondamente di tutte le attività con cui siamo identificati, e questo è esattamente ciò che il nostro ego tende ad evitare.

[/it][en]

In our society, speed is celebrated as if it were a virtue in itself. Jerry Mander

When I was a kid my father told me that once one of his collegues saw a man in a bar who was eating a sandwich, while smoking a cigarette, standing and reading a newspaper. His colleague got angry at the scene and shouted loud comments on how people were becoming stressed by the "modern" life.
That was Italy in the early 70's. Nowadays, apart from the ban on cigarette smoking, it is normal to see somebody in a bar eating a sandwich, standing, reading something, sending an sms, listening to music, and maybe looking at a music video on TV. Nobody gets upset anymore. It became normal.

Even though multitasking has been demonstrated to be counterproductive, even in business, in real life and at the computer we tend to do a growing number of activities simultaneously.  And with speed comes more production, and with that more pollution. It seems to be an unending race towards who knows what, since every technology created for saving time becomes something that steals more of our time. This happens because what people are most scared of is to experience an emptiness that would make us aware of the meaninglessness of our activities.  Any slowing down of our mind activity will give more awareness of ourselves in a deeper way than the activities we are identified with, and this is exactly what we don't want to face.

Since slowing down can be even contagious, we isolate people as they had a disease.

Since the birth of society, anyone who wanted to escape from it was persecuted and scorned. You can be forgiven anything as long as you have a job, some qualification under your belt, a stamp  marking your nothing. Nobody has the guts to say: ”I don’t want to do anything!” – we are more indulgent towards a murderer than towards an action-free spirit. E. M. Cioran. Précis de décomposition. Gallimard. Parigi. 1949

The nature of the mind itself propels us into speediness and ceaseless activity. Nonetheless there are obvious cultural differences between say India or the Caribbean and the United States or Europe even though the western attitude is spreading everywhere.This anxiety to do and to reach goals is more evident in the western countries. Even when people are very busy doing stuff in non western countries I feel a different attitude there, with less agitation and frustration. We have an agitation that is more deeply ingrained in our culture.

I suspect that the general impatience comes from the western monotheistic religions, where there is the concept of only a single lifetime during which we have to earn eternal life, and especially in the Christian Protestant culture where there is more emphasis on earning salvation through deeds. So we get in a great hurry since life is short and on the other side we try to extend our life as much as possible through biotechnologies.An old joke comes to mind that has many adaptations. I'll create a new version to apply to the blog world:

There was once a blogger who was living in a small town by the sea and wrote just one post a week from an internet cafè, he didn't even own a computer himself. He hadn't many readers, but the ones he did have were really interested in what he was writing and were coming back regularly every time he wrote a new post. One day an American saw his blog and send him an email complimenting him for the quality of his writing and asking him how long it took him to write them.

The blogger answered "It takes me very little time since most of the writings are based on reflections I already made looking at the sea"

So the American asked "Why you don't write more articles then?"

The blogger said "I wake up late, spend time looking at the sea, meeting beautiful women, hanging out with friends, drinking good red wine and writing my reflections for whoever wants to read them is just part of my enjoyment. I work very little, just the necessary for my survival."

The American said "What you are writing is hot, I am a venture capitalist and if you could give more time to your blog and writing more posts I could help you in bringing many readers. It will be a great success".

The blogger asked: "Oh I see… and then?"

The American said "Then you can get advertisements on your blog and make money".

The blogger asked again "Oh I see… and then?"

The American said "Then you can open new blogs and multiply the earnings".

The blogger asked again "Oh I see… and then?"

The American said "Then you can expand your blog network even more, employing editors to write more posts and get more visitors and money"

The blogger asked again "Oh I see… and then?"

The American said "Then you can sell your blogs to a large media company and wake up late, looking at the sea, meeting beautiful women, drinking wine with friends and writing a blog just for your pleasure…"

See also:

Biotech as an information system

Virtual worlds, mirror worlds, Second Life: backing up the messed planet

Mechanisms, mysticism and Amazon Mechanical Turk

Zen archery and computers

Lifelogging

The heart of the binary code

Downloading our life on Internet

Google, privacy and the need to be seen

[/en][it]

Nella nostra società, la velocità è celebrata come se fosse una virtù in sé. Jerry Mander

Quando ero piccolo, mio padre mi raccontò che una volta un suo collega aveva visto in un bar un uomo in piedi che mangiava un panino, fumava una sigaretta e leggeva un giornale. Quel collega si era tanto arrabbiato da fare commenti ad alta voce su quanto la gente si stesse stressando a causa della vita “moderna”.

Questo avveniva in Italia all’inizio degli anni Settanta. Oggi, a parte il divieto di fumare, è normale vedere la gente in piedi in un bar mentre mangia un panino, legge qualcosa, invia un SMS, ascolta musica e magari guarda un videoclip alla TV. Nessuno si arrabbia più. È diventata una pratica comune.

Anche se è stato dimostrato come il multitasking sia controproducente, anche nel mondo degli affari, nella vita reale e al computer tendiamo a fare un numero crescente di attività simultaneamente. E con la velocità aumenta la produzione, e con quest’ultima l’inquinamento.

Sembra una corsa senza fine verso non si sa bene cosa, poiché ogni tecnologia creata per risparmiare tempo si trasforma in qualcosa che ci ruba più tempo. Ciò accade perché in realtà quello che si teme maggiormente è fare esperienza di un vuoto che ci renderebbe consapevoli della mancanza di senso profondo nelle nostre attività. Qualsiasi rallentamento dell’attività mentale ci renderebbe consapevoli di noi stessi più profondamente di tutte le attività con cui siamo identificati, e questo è esattamente ciò che vogliamo evitare.

Poiché il rallentamento può essere anche contagioso, isoliamo le persone come se avessero una malattia.

Da quando la società si è costituita, coloro che hanno voluto sottrarvisi sono stati perseguitati o scherniti. Vi si perdona tutto, purché abbiate un mestiere, una qualifica sotto il vostro nome, un sigillo sul vostro nulla. Nessuno ha l'audacia di esclamare: "Io non voglio fare niente!" – si è più indulgenti con un assassino che non con uno spirito affrancato dagli atti. E. M. Cioran. Sommario di decomposizione. Adelphi. Milano. 1996.

La natura della mente in sé ci spinge verso la velocità e un’attività incessante. Tuttavia, esistono evidenti differenze culturali, per esempio, tra l’India o i Caraibi e gli Stati Uniti o l’Europa, anche se l’atteggiamento occidentale si sta diffondendo ovunque.

Questa ansia di fare e raggiungere obiettivi è più evidente nei Paesi occidentali. Nei Paesi non occidentali, percepisco meno agitazione e frustrazione anche quando la gente sembra molto assorbita dalle proprie occupazioni. Da noi c’è un’agitazione che sembra parte intrinseca della nostra cultura.

Sospetto che l’impazienza generale venga dalle religioni monoteistiche occidentali, nelle quali c’è l’idea di una sola vita, durante la quale ci dobbiamo guadagnare la vita eterna. Soprattutto nella cultura cristiana protestante si insiste molto sul raggiungere la salvezza attraverso le nostre azioni. Per questo abbiamo fretta, perché la vita è breve, anche se cerchiamo di allungarla il più possibile attraverso le biotecnologie.

Mi viene in mente una vecchia barzelletta dalle molte versioni. Ne creerò una nuova, per adattarla al mondo dei blog.

C’era una volta un blogger che viveva in una piccola città vicino al mare e scriveva solo un post a settimana attraverso un Internet Café, perché non possedeva nemmeno un computer. Egli non aveva molti lettori, ma quei pochi che aveva erano davvero interessati a ciò che lui scriveva e ogni volta controllavano il suo sito in cerca di nuovi post. Un giorno, un americano notò il suo blog e gli mandò un’email complimentandosi per la qualità dei suoi post e chiedendogli quanto tempo impiegasse a scriverli.

Il blogger rispose: «Mi basta poco tempo, perché la maggior parte degli scritti si basano sulle riflessioni che ho già fatto guardando il mare».

Al che l’americano chiese: «Perché non scrivi più articoli, allora?».

Il blogger disse: «Mi sveglio tardi e passo il tempo a guardare il mare, incontrare donne bellissime, stare con gli amici, bere buon vino rosso. Scrivere le mie riflessioni per chiunque voglia leggerle è solo una delle mie piacevoli attività. Lavoro molto poco, giusto il necessario per sopravvivere».

L’americano disse: «Quello che scrivi è interessante, io sono un imprenditore e se tu riuscissi a dedicare più tempo al tuo blog, scrivendo più post, potrei aiutarti a trovare molti lettori. Sarebbe un grande successo».

Il blogger chiese: «Ah sì?… E poi?».

L’americano rispose: «A quel punto potresti mettere pubblicità sul tuo blog e fare soldi».

Il blogger disse: « Ah sì?… E poi?».

L’americano disse: «A quel punto potresti aprire nuovi blog e moltiplicare i guadagni».

Il blogger chiese di nuovo: « Ah sì?… E poi?».

L’americano disse: «A quel punto potrai espandere ulteriormente la tua rete di blog, assumere scrittori per scrivere più post e avere più visitatori e soldi».

Il blogger chiese di nuovo: « Ah sì?… E poi?».

L’americano disse: «A quel punto, potrai vendere i tuoi blog a una grande azienda delle comunicazioni e alzarti tardi, guardare il mare, incontrare donne bellissime, bere il vino con gli amici e scrivere un blog solo per il tuo piacere…».

Vedi anche:

Le biotecnologie come sistema informativo

Mondi virtuali, mondi specchio, Second Life: fare il backup di un pianeta nel caos

Meccanismi, misticismi e Mechanical Turk di Amazon

Il tiro con l'arco Zen e i computer

Lifelogging

Il cuore del codice binario

Download della vita su Internet

Google, la privacy e il mettersi in mostra

[/it]

Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0
This work is licensed under a Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0.