Feed on
Posts

Technological updates and the right to silence

Man with His Head Full of Clouds.jpg[en]

The ongoing digitalization of our life brought an expansion of technologies that need our attention and time.

The right to non-information, to non-update and to silence will be a privilege in the future and one of the important signals of life quality. For a long time we correctly looked for thought and speech freedom, now we need the non-thought freedom and the right to silence.

[/en][it]

La digitalizzazione di un numero di aspetti crescente della nostra vita ha portato ad un'esplosione di software e  di siti in continua evoluzione "a cui stare dietro".

Il diritto alla non-informazione, al non-aggiornamento e al silenzio nel prossimo futuro sarà un privilegio e uno degli importanti indicatori della qualità della vita. Per lungo tempo si è giustamente cercata la libertà di pensiero e di parola ora si necessita la libertà di non-pensiero e il diritto al silenzio.
[/it][en]

I created this blog just a few months ago and I already had to update three WordPress releases, to install new versions of six plug-in and to configure the site in technical challenging ways to have it all working. Having being out of the programming world myself for years, I have been helped by Matteo, more technically prepared than me and creator of Babel for the multilingual capabilities of a blog.

A blog requires to be updated not only in terms of new articles, but, too, in the features needed to exchange information with other sites, in his technical and communicative possibilities, in the visitor analysis, in the promotional aspects and so on. It is in the nature of every technology, blogs included, to expand their possibilities and to produce new versions of themselves. I am quite an attentive user of technologies but I am not so product oriented. In some fields I am quite backwards. For instance, I don’t own a television, I don’t have a DVD player (apart from the one on my laptop), my Hi-Fi system is 12 years old, I’m not interested in videogames, I don’t own a car navigator or even a camcorder.
I own a smartphone that can access the Internet and play music, a laptop (with printer, webcam, ADSL and loudspeakers, an “old” 5.0 Megapixel digital camera, an MP3 player and other small gimmickry that are mostly unused.

But technologies become old quickly. A laser printer that still works perfectly can’t be used with my new laptop because there isn’t a parallel port and there are also problems with the drivers. Same untimely death for a laptop that doesn’t have a sufficient amount of resources to manage a fast Internet connection and the new versions of browsers, antivirus and other software, ever more memory greedy. So I can only use the last generation technologies and, even in this case, making my few devices communicate between one another often requires a certain amount of work and, again, the updating of different programs. With technologies it is enough to divert your attention for a while and you run the risk that nothing works anymore.

Without a doubt where we can find that the most frequent updates are in the software field. An average user browse the Internet, manages photo pictures, communicates through emails and with instant messaging systems, takes part in social networking sites, manages his online bank account, purchases books or technologies, often manages his job and clients communications online. Furthermore, many people have a web site or a blog for their job.

Every online activity requires the user to work with several softwares that have to match one another. A simple activity as managing an online photo albums requires the use of the camera software, another specific software for image processing, a fast Internet connection, at least a browser and a site that can host the image, and eventually a printer to get a paper copy of the  photos. This just to say the least, hoping in the meanwhile that there won’t be incompatibilities between the various hardware/software components.

From time to time, digital cameras have to be bought brand new to “keep up with the times” in terms of image quality, filters, compatibility with other technologies and new features. At the same time, image processing softwares are being updated and developed. In all of this working on the computer, most likely the time spent and the cost of a single picture (considering the hardware obsolescence as well) is much more than the traditional photography where one was sending the roll to develop in order to put them later in an album.

The old grandmother photos on paper can be touched and seen even now; the loss of quality is natural as grandma’s wrinkles are. Paper, once an alive tree, undergoes a natural organic deterioration process as any other thing. The time marks bring us back to the times.

With digital technology the images of today will be hardly accessible trough technologies that will be available in a relatively short time as the next ten years. Sometimes there are even compatibility problems between digital cameras and image processing software of the last generation. I am not a graphic but my graphic friends tell me that the interoperabilities and the compatibilities are often just theoretical. In ten years time the Internet sites where we can share images will be purchased, closed, transformed or merged. Our old computer where we stored images will have another standard of storing and data transmission. If we will be able to access images, online or on the old computer, those will be required to be ported to memory supports different from the present-day ones, converted to different graphical formats (but will the concept of “format” still be there?) and who knows what else. In the meanwhile, grandma’s photos will still be there, perhaps just a bit more seasoned.

Nonetheless, with digital technology, differently from the past, our friends that live in any other part of the world will be able to look at our pictures through a web site from their home computer. But I regret the nights when we used to meet between friends after travelling to look at pictures or slides, listening to the people who shot them and the guests comments. Somebody could object that still now we can invite friends at home and look at the digital pictures over a screen, but given the easiness to send by email just a web address where pictures are stored, those meetings rarely happen anymore. Also there’s no expectation of meeting friends to look at pictures, listening to the still fresh feelings of the travel in first person and good glasses of wine too. Now perhaps some Web 2.0 genius will design an online conference system where a user will be able to comment live his pictures to the guests… but still will be far from a personal meeting experience.

Furthermore, given the ease in producing pictures, everybody shots and owns a large number of them so the attention span we can give to any of them is less and less. On the musical level there are similar tendencies, where we find the hyper-production of low quality music through digital technologies, with little human contacts. Elton John’s  paradoxical provocation in summer 2007, when he said that would be better to close the Internet for five years to come back to creativity, has to be read in the sense of coming back to musical jam sessions. Anyhow, I would prefer to read such a statement from somebody that has been active on the Net for at least five years.

Coming back on the technology obsolescence brings me to consider software and hardware updating. I don’t want to bite the hand that fed me for years. I have been a computer science book publisher through Apogeo in Italy, so any new software version was a chance for our market. Though, as soon as the economical possibilities of the company allowed us, we joined other series about reflecting and deep analysis about technology and media to the technical books, assuming that technology without awareness is of little use.

But if a few years ago the average computer user was using a limited set of software and web sites, the ongoing digitalization of our life brought an expansion of technologies that need our attention and time. Our job, personal finance and social contacts depend more and more on the Internet. Just the people who work in the technical fields can use the ever expanding time needed to be up to date in an effective way. Everybody else has to stay behind or would be otherwise bound to use the majority of their time doing technological updates and resolving the connected problems, taking away time from social contacts.

The risk is a sort of cyberenslavement where people will be bound to continuously update their technologies and expand the range of use of those. There are mechanisms created where it becomes indispensable, needful and fashionable to have the last technology.

The right to non-information, to non-update and to silence will be a privilege in the future and one of the important signals of life quality. Who will have the possibility to avoid overloading their mind with the collective technological rushes and will avoid updating software in a sort of forced technological consumerism, will be privileged.

In these years we are having information indigestion as after the postwar period people consumed an excessive amount of food. To be overweight was a status symbol in societies that lived food scarcity, while once food becomes available to every social class, being overweight becomes a sign of low health and non self caring.

Likewise, in the future the information greed and the excessive use of technologies will be considered as symptoms of a mind that can’t discriminate, synthesize and mostly stay in silence. We will get an information dietology.

For a long time we correctly looked for thought and speech freedom, now we need the non-thought freedom and the right to silence.

See also:

Multitasking to nothing

Biotech as an information system

Virtual worlds, mirror worlds, Second Life: backing up the messed planet

Mechanisms, mysticism and Amazon Mechanical Turk

Zen archery and computers

Lifelogging

The heart of the binary code

Downloading our life on Internet

Google, privacy and the need to be seen

Personal consumer
[/en][it]

Ho creato questo blog solo da pochi mesi e mi sono già trovato a dover aggiornare tre versioni di WordPress, ad installare le nuove versioni di sei plug-in e a configurare il sito in modi tecnicamente non immediati per far funzionare il tutto. Essendo fuori da anni dal mondo della programmazione, a un certo punto sono stato aiutato da Matteo, tecnicamente più esperto di me e creatore di Babel per la gestione degli articoli multilingua.

Un blog necessita di essere aggiornato non solamente in termini di nuovi articoli, ma anche nelle sue capacità di integrazione con altri siti, nelle sue possibilità tecniche, comunicative, di analisi dei visitatori, promozionali, ecc… E' inerente in ogni fenomeno tecnologico, blog compresi, quello di espandere le proprie possibilità e di produrre nuove versioni. Sono un utente di tecnologie abbastanza attento ma non particolarmente orientato verso i prodotti. In alcuni campi sono decisamente indietro. Ad esempio, non possiedo un televisore, non possiedo un lettore di DVD (a parte quello interno al computer portatile), il mio sistema Hi-Fi ha 12 anni, non mi interessano i videogiochi, non ho un navigatore per l'automobile nè una videocamera.

Possiedo uno smartphone con cui posso navigare in Internet e ascoltare musica, un computer portatile (con stampante, webcam, ADSL, altoparlanti), una “vecchia” fotocamera a 5.0 Megapixel, un lettore Mp3 e altri piccoli ammennicoli che perlopiù rimangono fermi.

Ma le tecnologie invecchiano presto. Una stampante laser che funziona ancora perfettamente non può essere usata con il nuovo portatile perchè non ha la porta parallela e ci sono pure problemi con i driver. Stessa morte prematura per un portatile ancora funzionante che non ha risorse sufficienti per gestire una connessione veloce ad Internet e le nuove versioni dei browser, antivirus e altri software, sempre più voraci di memoria. Dunque posso utilizzare solo le tecnologie di ultima generazione, e anche in questo caso, far comunicare le mie poche cose tra di loro spesso richiede un certo lavoro e, di nuovo, l'aggiornamento di vari software. Si sa, con le tecnologie basta distrarsi un attimo che si rischia di non riuscire a far funzionare più nulla.

Il settore dove gli aggiornamenti sono più frequenti è senza dubbio quello del software. Un utente medio naviga su Internet, gestisce immagini fotografiche, comunica con l'email e con i sistemi di instant messaging, partecipa a qualche sito di social networking, gestisce il conto corrente online, acquista libri o tecnologie, spesso gestisce il lavoro e la comunicazione con i clienti online. Molte persone hanno un proprio sito di rappresentanza per il proprio lavoro, un blog o un sito più complesso.

Ogni attività online richiede da parte dell'utente l'utilizzo di diversi sofware che si combinano tra di loro. Ad esempio, una semplice attività come la gestione dei propri album fotografici online richiede l'utilizzo del software del produttore della fotocamera, l'uso di software specifico per il trattamento delle immagini, una connessione ad Internet veloce, perlomeno un browser e un sito che ospiti le immagini stesse, magari una stampante per avere una copia cartacea di alcune foto. Questo per rimanere al minimo indispensabile sperando che nel frattempo non vi siano incompatibilità tra le varie componenti hardware/software.

Periodicamente, le fotocamere vanno comprate nuove per "rimanere al passo" con la qualità delle immagini,  filtri, compatibilità con altre tecnologie e nuove potenzialità, così come i software di trattamento delle immagini vengono a loro volta aggiornati e potenziati. In tutto questo smanettare probabilmente il tempo e il costo di ogni fotografia (considerando anche l'obsolescenza dell'hardware) risulta parecchio superiore a quello della fotografia tradizionale in cui si mandava a sviluppare il rullino per poi ponere le fotografie nell'album.

Le vecchie foto di mia nonna su carta le posso toccare e guardare ancora adesso; la perdita di qualità cartacea è naturale quanto lo sono le rughe della nonna. La carta, un tempo albero vivo, subisce un processo organico di deterioramento come ogni altra cosa. I segni del tempo ci riportano ai tempi.

Con la tecnologia digitale le immagini di oggi difficilmente saranno accessibili con le tecnologie che avremo tra soli dieci anni. A volte vi sono problemi di compatibilità addirittura tra fotocamere e software grafici entrambi dell'ultima generazione. Non sono un grafico ma gli amici che lo sono mi dicono che le interoperabilità e le compatibilità sono spesso solo teoriche. Tra soli dieci anni i siti Internet di condivisione delle immagini saranno stati acquisiti, chiusi, trasformati o accorpati. Il nostro vecchio computer su cui avevamo memorizzate le immagini avrà un altro standard di memorizzazione e trasmissione dei dati. Se riusciremo ad accedere alle immagini, online o sul vecchio computer, queste comunque richiederanno di essere portate su supporti di memorizzazione diversi dagli attuali, convertiti in formati grafici diversi (ma il concetto di "formato" esisterà ancora?) e chissa che altro ancora. Le foto della nonna saranno ancora lì nel cassetto, forse solo un po' più invecchiate.

Tuttavia con la tecnologia digitale, a differenza del passato, i nostri amici che si trovano in ogni parte del mondo potranno vedere le nostre foto accedendo ad un sito web dal computer di casa. Ma rimpiango le serate in cui ci trovavamo tra amici dopo i viaggi a vedere le diapositive, ascoltando le parole di chi le aveva scattate e i commenti degli ospiti. Si potrà obiettare che tutt'ora si possono invitare gli amici a casa propria a vedere le foto digitali su uno schermo, ma data la comodità di mandare via email solamente un indirizzo web, questo raramente in realtà avviene. Così come non si produce l'attesa di andare dall'amico a vedere le foto, l'incontro con gli altri amici, l'ascoltare in prima persona le sensazioni del viaggio ancora fresche e vive e qualche buon bicchiere di vino. Ora magari qualche genio del Web 2.0 progetterà un sistema di conferenza online dove un utente potrà commentare in diretta le proprie foto agli invitati… ma sarà ancora lontano dall'esperienza di un incontro personale.

Inoltre, data la facilità nel produrre foto, ognuno ne scatta e ne possiede un numero enorme, quindi il tempo di attenzione che possiamo dare ad ognuna è di fatto sempre più breve. A livello musicale avvengono dei fenomeni simili, con una iperproduzione musicale di bassa qualità tramite le tecnologie digitali, con scarsi contatti umani. La provocazione paradossale di Elton John di qualche tempo fa di chiudere Internet per cinque anni per ritornare alla creatività va letta nel senso di ritornare alle jam sessions musicali. Tuttavia preferirei leggere una tale presa di posizione da qualcuno che in rete c'è rimasto almeno per cinque anni.

Ritornando all'obsolescenza della tecnologia, mi porta a generalizzare il fenomeno degli aggiornamenti software e hardware. Non vorrei fare quello che sputa nel piatto in cui ha mangiato per anni. Sono stato editore di libri di informatica tramite Apogeo quindi ogni nuova versione del software era un'occasione per il nostro mercato. Tuttavia appena le finanze della casa editrice ce lo hanno consentito, abbiamo affiancato ai libri tecnici anche quelli di riflessione e critica della tecnologia, ritenendo che la tecnologia senza consapevolezza abbia poco senso.

Ma se fino a pochi anni fa l'utente medio di un computer utilizzava un numero limitato di software e di siti, la digitalizzazione di un numero di aspetti crescente della nostra vita ha portato ad un'esplosione delle tecnologie in continua evoluzione "a cui stare dietro". Il nostro lavoro, la finanza personale e anche i contatti sociali dipendono sempre più fortemente dalla rete. Solamente chi lavora nel settore tecnologico può permettersi di utilizzare in modo proficuo questo tempo in espansione per rimanere aggiornato. Tutti gli altri o "rimangono indietro" o sono costretti ad usare la maggior parte del proprio tempo nell'aggiornamento tecnologico o nella risoluzione dei problemi ad esso connessi, togliendo tempo ai rapporti sociali offline.

Il rischio è una sorta di cyberschiavitù dove la gente si trova costretta ad aggiornare continuamente le proprie tecnologie ed espandere gli ambiti di utilizzo delle stesse.Vengono creati dei meccanismi per cui diventa indispensabile, necessario e “alla moda” dover rimanere aggiornati tecnologicamente.

Il diritto alla non-informazione, al non-aggiornamento e al silenzio nel prossimo futuro sarà un privilegio e uno degli importanti indicatori della qualità della vita. Privilegiato sarà chi potrà evitare di sovraccaricare la mente con le spinte tecnologiche collettive ed evitare di aggiornare in continuazione il software in una sorta di forzato consumismo tecnologico.

In questi anni si sta facendo indigestione di informazioni come nel dopoguerra si consumava eccessivamente cibo. Essere sovrappeso è stato un segno di ricchezza nelle società che hanno vissuto la scarsità di cibo, mentre una volta che l'abbondanza di cibo diventava disponibile per tutte le fasce sociali, il sovrappeso diventava segno di scarsa salute e non cura di sè.

Analogamente, nel futuro l'ingordigia di informazioni e l'utilizzo eccessivo delle tecnologie sarà considerata come sintomo di una mente che non sa discriminare, sintetizzare, e soprattutto stare in silenzio. Avremo una dietologia informativa.

Per lungo tempo si è giustamente cercata la libertà di pensiero e di parola ora si necessità la libertà di non-pensiero e il diritto al silenzio.

Vedi anche:

Il multitasking: strafare per niente

Le biotecnologie come sistema informativo

Mondi virtuali, mondi specchio, Second Life: fare il backup di un pianeta nel caos

Meccanismi, misticismi e Mechanical Turk di Amazon

Il tiro con l'arco Zen e i computer

Lifelogging

Il cuore del codice binario

Download della vita su Internet

Google, la privacy e il mettersi in mostra

Personal consumatore

[/it]

Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0
This work is licensed under a Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0.