Feed on
Posts

Personal orgasm

[en]

Many human activities began as social ones and were shared and with time got transformed into individual and personal ones. This happened especially with the media and technologies. Two examples: transportation, where cars (which are mostly used as a means of personal transportation) imposed themselves on other forms of travel; and the media, where TV, for instance, started being viewed collectively, went on to a TV set for every family, then to one for every single member of the family.

At the root of this there are obvious commercial reasons: the more a product becomes invidividual the more the sales. But this is not the only reason. Commercial needs are coemergent with psychic transformation – the one affects the other. The tendency toward individuality also develops in areas which were “traditionally planned” to be shared.

One of those is sexuality.  Masturbation is an evergreen activity, but it hasn’t always been accepted historically. It has been condemned for a long time, mostly through religious rulings, even scaring boys that it would make them blind. Even though masturbation is still not socially accepted in many parts of the world, especially for women, during the so-called sexual revolution of the 1960s and 1970s women established a more direct and aware relationship with their bodies, which included the right to masturbate withour guilt feelings.

But then, as anything which starts as counterculture and a spontaneous social movement, once it becomes somewhat accepted in the mainstream, it then becomes part of the economy, which makes products out of it.

Masturbation is expanding. Among the reasons is the AIDS emergency which produces suspicion compared to the “golden years” of free love; another one is the fast growth of singles and in general of short-term relationships.

Thus a big market is being opened, a market made of objects, porn, sex toys of the more variegate kinds, even remote-controlled and technologically complex sex machines, the Rolls Royce of sex toys. This phenomenon can be creative, fun, and liberating, but at the same time marks an anthropological transformation.

At first glance it seems that sex is becoming technological, but actually it is technology which in the process of digitalization of reality is assimilating human activities more and more. Social life is moving in a digital realm through social networks, the search of a partner and sexual meetings through the dating sites sites, and human biology is seen as a long list of DNA codes.

Becoming part of the big hotchpotch of technology, sex in turn is becoming “personal” and “at click range,” where pleasure, according to what technology offers, has to be immediate, personalized, with various options and, of course, efficient: a guaranteed and quick orgasm. A long wait for orgasm would be as annoying as waiting for a website with a slow Internet connection.

[/en][it]

Molte attività umane sono iniziate come sociali e condivise e nel tempo si sono trasformate in individuali e personali. Questo è avvenuto in particolare per i media e le tecnologie. Due esempi per tutti: il trasporto, dove l’automobile si è imposta sulle altre forme di trasporto ed è perlopiù utlizzata come forma di trasporto personale, e i media, dove ad esempio la televisione, iniziata in forma di visione collettiva, è passata ad una televisione per ogni famiglia e poi ad una per ogni componente del nucleo familiare.

Alla base di questo vi sono ovviamente ragioni commerciali per le quali più un prodotto diviene individuale maggiori sono le vendite, ma non è la sola ragione. Le necessità commerciali sono coemergenti con la trasformazione della psiche, l’una influenza l’altra. La tendenza verso l’individualità si sviluppa anche su aree che erano “tradizionalmente progettati” per la condivisione.

Una di queste è la sessualità. La masturbazione è un’attività sempreverde ma non è sempre stata accettata nella storia. Perlopiù tramite dettami religiosi, è stata condannata per lungo tempo, fino al punto di terrorizzare i ragazzi dicendo loro che sarebbero diventati ciechi. Anche se in molte parti del mondo la masturbazione non è tutt’ora accettata socialmente, in particolare per le donne, durante la cosiddetta rivoluzione sessuale degli anni ’60 e ’70 le donne hanno instaurato una relazione più diretta e consapevole con i loro corpi, includendo in questa il diritto a masturbarsi senza sensi di colpa.

Ma poi, come qualsiasi cosa che inizia come controcultura a partire da un movimento sociale spontaneo, nel momento in cui diventa un minimo accettata, entra come parte dell’economia e vengono creati dei prodotti al riguardo.

Ecco che si apre allora tutto un mercato fatto di oggetti, pornografia, sex toys delle specie più variegate, anche con il controllo remoto via Internet da parte del partner, e sex machines ingegneristicamente complesse, le Rolls Royce dei sex toys. Il fenomeno può risultare creativo, divertente e liberatorio, ma allo stesso tempo segna una trasformazione antropologica.

A prima vista sembra che il sesso stia diventando tecnologico, ma in realtà è la tecnologia che nel suo processo di digitalizzazione della realtà sta assorbendo sempre più  attività umane. La vita sociale si sposta in un ambito digitale con i social networks, la ricerca del partner e degli incontri sessuali sui siti appositi, e la biologia umana viene vista come una lunga lista di codici DNA.

Diventando parte del gran calderone della tecnologia, il sesso a sua volta si sta rendendo “personal” e “a portata di clic”, dove il piacere, secondo le offerte della tecnologia, dev’essere immediato, personalizzato, con opzioni variegate e naturalmente, efficiente: l’orgasmo deve essere garantito e veloce. Una lunga attesa per l’orgasmo diventerebbe fastidiosa quanto l’attesa di un sito web con una lenta connessione ad Internet.

[/it]

[en]

Titled “Now You Can Have a Partner that will Always Hit Your Spot, Anytime You Want, for as Long as You Want”  this site is just one of the thousands which sell sex toys or more sophisticated sex machines. The way they introduce their creations is symbolic of the inner mechanisms which are triggered by the tool (the parts between parentheses are my comments).

Obviously, you deserve all the pleasure you can get. But human partners can sometimes let you down. If you find yourself wishing your lover or lovers were more dependable or more available, may we suggest one that will get you off anytime, every time.

(Technology is great in giving control, so why deal with the ups and downs of your lover or lovers? You can decide when, how and how long you want to get pleasure. And if you feel unworthy since none of the lovers satisfy you, or if you think they are all wimps with no passion, now you can get the perfect partner!)

Monkey Rocker™ is one of the best innovations in self-pleasuring since the vibrator. It’s a rocking seat with a special pivoting thrust arm assembly which holds and thrusts a wide variety of sex toys.

(We are updated, this is vibrator 2.0 with even more options and features.)

Though it can’t hug you back, or cuddle, it’s perfectly understandable for you to develop feelings for your Monkey Rocker.™ After all, from the moment you remove it from the unmarked box it arrives in, your Monkey Rocker™ is ready and eager to please you. Just attach the handle assembly and your favorite dildo, and it’s ready to play.

(You could develop feelings for it…and don’t feel guilty…“it’s perfectly understandable.”)

In fact, with no motors to plug in or breakdown, your Monkey Rocker™ is always ready to play. You and your fantasies are in complete control. Monkey Rocker™ relies entirely on your movement to do all of its thrusting. You set the pace. Quick short strokes, long and deep, or anything in between. It’s all about you. No guilt, no risk, no one’s getting hurt.

(Perfect control through the machine, no need to be receptive and open to anybody, you are finally empowered! And you can surrender to the machine with no shame or guilt.)

This is going to be one relationship with NO learning curve. With its wide, stable base, and smooth gliding movement, you’re going to feel right at home from the first time you climb on. Settle in, grab the handle if you want, then grab yourself or your magic wand or a nearby human partner, anything you have in mind, Monkey Rocker™ is ready to deliver.

(…grab yourself or your magic wand or a nearby human partner, anything you have “in mind”…Looks like the world, human beings included, are creations of our mind, at our control as in a video game.)

YOU can scream if you like, but Monkey Rocker™ won’t make a sound. If you can keep YOUR sound level down, total privacy is yours.

(Those annoying moans and screams of my partner… and what will the neighburs think? Maybe they’ll suspect that I have sex with a…oh my God…with a human being? And now I can scream as much as I want without feeling a slut.)

And when you’re done, you’re done. That’s it. Your Monkey Rocker™ doesn’t have any expectations. Your Monkey Rocker™ will never berate you for taking too long, coming too soon, leaving suddenly, staying out all night, talking too much, drinking too much or seeing other machines. And no matter how big or small it is, your Monkey Rocker™ loves your ass. Back it on up. Bring it on. You never have to wonder what it REALLY thinks of you; your Monkey Rocker™ LOVES you! And is always ready to prove it.

(No need to feel unworthy or vulnerable. This machine will accept you unconditionally, even your fat ass. This is the mark of real love.)

The producers say that the tool can be used with a partner as well, for instance:

If your partner’s sexual appetite exceeds yours, don’t let her frustration slowly poison your relationship with resentment. There’s a good chance your partner would be delighted to have something like Monkey Rocker™ to help keep her satisfied. Compared to cheating or divorce, the cost is far less and the potential for happiness is much greater.

(Looks like a great investment!)

Or:

Another possible advantage is reducing your performance anxiety. If you’re not certain you’ll be able to satisfy her, Monkey Rocker™ can. And she’ll think better of you that you care enough about her satisfaction to have a backup ready.

(You can now out source your sexual acts to the machine, which will take care of her satisfaction, as a “backup”.)

The sex machine shuts up in a single hit every superego voices. The superego is the inner judge and the inner controller which limits our free and authentic expression. Furthermore, the sex machine it avoids the difficulties of facing our vulnerabilities, avoids the fear of not feeling accepted, and the difficulties in showing our desire candidly to our partner.

Sexuality involves complex psychological processes regarding guilt, shame, and our sense of limits. Even the intensity of a passionate gaze or surrendering to pleasure can be difficult to include fully in our sexuality with a partner. But those are exactly the difficulties which have to be crossed to integrate our humanity, intensity, and ability to relate in depth through sex.

Even though sex machines can work for couples too, basically they are made for masturbation which, added to cybersex through chats and webcams, makes solo sex a growing activity, even though mediated by sex toys, sex machines or by a chat window and a webcam.

People can have different opinions about masturbation but in this activity there’s an opportunity as well for the brave souls who dare to go into their depths.

Self-love can become a tantric practice. Practicing with sexual energy without a partner, through breathing techniques, meditation and solo sex techniques has been a spiritual path in certain tantric traditions to reach the source of sexual energy, which, refined and transformed, is the same source of love, awareness, and spiritual energy. Through tantra we can understand that we ourselves are the source of sexual energy and that the other is just triggering what is already in us. Then, at the deepest tantric levels, there isn’t anymore me, you, or the attraction between us: all connect in a global Oneness (or in a cosmic orgy if we prefer it this way).

So in a way, whether the partner is a human being or a sex toy or if the sex act is mediated by cybersex doesn’t change much for our path to discovery. With human beings we are more emotionally engaged and this brings us to project on them our object relationships (parent figures mostly), our expectations, our ego, our sense of worth or worthlessness. The less emotionally engaging the sexual relationship is, the less projections we’ll have toward the other and the more the attention we can give to our inner movements, to our reactions and the flow of sexual energy. After all the Monkey Rocker presentation hit a deeper truth (though I doubt the authors of the text are into tantric philosophy).

The question is: does relating sexually with objects or through the Internet bring a larger awareness of our sexuality and of the self in general, or is an object relationship being created even with objects and media? At first glance, I’d say the second hypothesis, since the Net’s modalities of fruition leave little space to a 180-degree turn of attention from the screen to inner life.

The sensation is that the technological way toward sexuality and the expansion of sex toys share the same attributes which give technological gadgets their fascination: control (cybersex can be stopped at any moment with a simple click; sex toys for every taste, options to manipulate sensations); predictability (differently from a person with his complexities); independence (technology feeds the feeling or the illusion or freedom, technological sex doesn’t need to become attached to anybody or have any continuity); speed (going straight to pleasure and orgasm avoiding delays). Also, it quickly brings back energy to the body and its sensations somehow balance the stressful use of the mind in the information society.

Technological sex is part of the more general drive to find an answer to human needs translating them into digital and wanting to upgrade ourselves, feelings and sensations included, through technology. Those “superpowers” seem a reflection on the mental plane of the self-awareness and the metamorphosis capacities we can acquire through a path of self-knowledge. But the pursuit for qualities is directed toward the external, being through technological gadgets or DNA manipulation.

The sex machine site writes: “Though it can’t hug you back, or cuddle, it’s perfectly understandable for you to develop feelings for your Monkey Rocker.” Relating with objects we can substitute an object relationship that is part of human sharing, in this case sex and the feelings associated with it, with a machine or an object. In Japan, where the first uses of robots to take care of and give company to elders are beginning, it has been noticed that the users were developing feelings for them.

What happens when such a technological approach toward deep human needs, which involve care, affection and sexuality are mediated by machines? What happens when this approach toward sexuality is the first and maybe the only one by a cybervirgin?

What happens when all social indicators are saying that people have less and less real intimate and trustful connections in real life, when East and West societes are sharing the same alienation and when sex machines and robots are coming into our lifes?

[/en][it]

Con il titolo “Ora puoi avere un partner che raggiungerà sempre il tuo punto, quando vuoi e per tutto il tempo che vuoi”, questo sito è solo uno delle migliaia che vendono sex toy o più elaborate sex machines. Il modo in cui introducono le loro creazioni è simbolico dei meccanismi interiori che vengono attivati fallo strumento. Le parti tra parentesi sono i miei commenti.

Ovviamente, ti meriti tutto il piacere che puoi ottenere. Ma i partner umani qualche volta possono deluderti. Se ti trovi a desiderare che il tuo amante o i tuoi amanti fossero più affidabili o più disponibili, possiamo suggerirtene uno che ti farà decollare ogni volta, tutte le volte.

(La tecnologia è grande per fornire controllo, quindi perché mai avere a che fare con gli alti e i bassi dei tuoi amanti? Puoi decidere quando, come e quanto a lungo vuoi godere. E se non ti senti abbastanza attraente per il fatto che nessun amante ti può soddisfare, oppure se pensi che siano tutti degli imbranati senza passione, ora puoi avere il partner perfetto!)

Monkey Rocker™ è una delle migliori innovazioni per la masturbazione dall’invenzione del vibratore. E’ un sedile oscillante com un perno speciale di spinta che sostiene e spinge un’ampia varietà di giocattoli sessuali.

(Siamo aggiornati, questo è il vibratore 2.0 che ha ancora più opzioni e possibilità)

Anche se non può ricambiare un abbraccio o coccolarti, è perfettamente comprensibile se provi dei sentimenti per il tuo Monkey Rocker.™ Dopotutto, dal momento in cui lo togli dalla scatola senza dicitura in cui arriva, il tuo Monkey Rocker™ è pronto e desideroso di soddisfarTI.

(Potresti provare dei sentimenti… e non sentirti in colpa… “è perfettamente comprensibile”)

Infatti, senza motori da collegare o che si possano guastare, il tuo Monkey Rocker™ è sempre pronto per te. Tu e le tue fantasie sono in completo controllo. Monkey Rocker™ si basa interamente sui tuoi movimenti perché effetti le sue spinte. Tu definisci il ritmo. Colpi veloci e corti, lunghi e profondi, o qualsiasi via di mezzo. Dipende interamente da te. Nessun senso di colpa, nessun rischio, nessuno che si faccia male.

(Controllo perfetto tramite la macchina, nessun bisogno di essere recettivi o aperti verso nessuno, finalmente hai il tuo potere! E puoi abbandonarti alla macchina senza sensi di colpa né vergogna)

Questa è una relazione senza una curva di apprendimento. Con i suoi movimento ampi, stabili e fluidi, ti sentirai a casa dal primo momento in cui ci salirai sopra. Mettiti in comodità, se vuoi afferra la maniglia, quindi afferrati, o afferra la tua bacchetta magica oppure un partner umano nei pressi, qualsiasi cosa che ti passa per la mente,  Monkey Rocker™ è pronto per la consegna.

(afferrati, o afferra la tua bacchetta magica oppure un partner umano nei pressi, qualsiasi cosa che ti passa “per la mente”… Sembra come se il mondo, esseri umani compresi, siano creazioni della nostra mente, sotto il nostro controllo come in un video game).

TU puoi urlare se ti va, ma Monkey Rocker™ non emetterà un suono. Se tu puoi tenere il TUO livello di suono basso, avrai una privacy totale.

(Questi fastidiosi gemiti e urla del partner…  e cosa penseranno i vicini? Magari penseranno che sto facendo sesso con… oh mio Dio… con un essere umano? Anche, ora posso urlare quanto voglio senza sentirmi una troia)

E quando hai finito, hai finito. Questo è tutto. Il tuo Monkey Rocker™ non ha alcuna aspettativa. Il tuo Monkey Rocker™ non ti rimprovererà mai per metterci troppo tempo, venire troppo alla svelta, andartene d’improvviso, stare fuori tutta la notte, parlare troppo, bere troppo, o frequentare altre macchine. E, a prescindere che sia grande o piccolo, il tuo Monkey Rocker™ ama il tuo sedere. Dacci dentro. Mettilo in azione. Not avrai mai bisogno di chiderti cosa VERAMENTE pensi di te; il tuo Monkey Rocker™ TI AMA! Ed è sempre pronto per dimostrartelo.

(Nessun bisogno di provare senso di inadeguatezza o vulnerabilità. Questa macchina ti accetterà incondizionatamente, compreso il tuo grande sedere. Questo è il segno del vero amore.)

I produttori affermano che lo strumento può essere usato anche con un partner, ad esempio:

Se l’appetito sessuale del tuo partner supera il tuo, non fare in modo che la sua frustrazione avveleni la relazione con i risentimenti. C’è una buona possibilità che il tuo partner si possa rallegrare dall’avere qualcosa come Monkey Rocker™ per aiutarla nella sua soddisfazione. In confronto all’inganno o al divorzio, il costo è molto minore e la potenzialità di felicità è molto maggiore.

(Sembra un grande investimento!)

oppure

Un altro possibile vantaggio è quello di ridurre le tue ansie da performance. Se non sei certo di poterla soddisfare, Monkey Rocker™ può. E lei avrà una migliore opinione di te perché tu ti prendi cura della sua soddisfazione avendo un backup a disposizione.

(Ora puoi esternalizzare i tuoi atti sessuali verso la macchina che si prenderà cura della sua soddisfazione, come un “backup”)

La macchina da sesso zittisce in un colpo solo tutte le voci del superego. Il superego è il giudice e controllore interiore che limita la nostra libertà e la nostra espressione autentica. Inoltre la macchina da sesso evita il dover vedersi la propria vulnerabilità, evita il timore di essere accettato ed evita la difficoltà nel manifestare il proprio desiderio in modo chiaro di fronte al partner.

La sessualità coinvolge processi psichici complessi che riguardano i sensi di colpa, la vergogna e il nostro senso dei limiti. Anche la stessa l’intensità di uno sguardo appassionato o l’abbandonarsi pienamente al piacere possono essere atti difficili da includere nella propria sessualità. Ma sono esattamente queste le difficoltà da attraversare per integrare la nostra umanità, intensità e capacità di relazionarci profondamente tramite il sesso.

Anche se le macchine per il sesso possono essere utilizzate dalle coppie, fondamentalmente sono strumenti per la masturbazione i quali, aggiunti ai cibersesso tramite le chat e le webcam, fa sì che il sesso da soli sia un’attività in crescita, anche se è mediato da oggetti tipo sex toys o da una finestra di chat sul computer o una webcam.

La gente ha diverse opinioni a riguardo della masturbazione, ma in questa atttività c’è anche per chi ha coraggio, l’opportunità di entrare nella propria profondità.

Il sesso con se stessi può diventare una pratica tantrica. Lavorare con l’energia sessuale senza un  partner, attraverso tecniche di respiro, meditazione e sesso in solitaria in alcune tradizioni tantriche ha rappresentato un percorso per raggiungere la sorgente dell’energia sessuale, la quale, quando viene raffinata e trasformata, è la stessa sorgente dell’amore, della consapevolezza e dell’energia spirituale. Tramite il tantra possiamo comprendere che siamo la sorgente stessa dell’energia sessuale e che l’altro dà solamente l’avvio a ciò che è già presente in noi stessi. Poi, a livelli più profondi tantrici, non esiste più alcun me, te e neppure l’attrazione tra di noi, tutto si connette in un’unità globale (o in un’orgia cosmica se la si vuole vedere in questo modo).

In un certo senso, che il partner sia un essere umano o un sex toy, o se l’atto sessuale viene mediato dal cibersesso, non cambia per il nostro percorso di scoperta. Con gli esseri umani siamo più coinvolti emozionalmente e questo ci porta a proiettare in loro i nostri oggetti di relazione (primariamente le figure genitoriali), le nostre aspettative, il nostro ego, il nostro senso di aver o non avere valore.  Se la relazione sessuale è emozionalmente meno coinvolgente, ci saranno meno proiezioni verso l’altro e potremo dare più attenzione ai movimenti interiori, alle nostre reazioni e al flusso dell’energia sessuale. Dopotutto la presentazione del Monkey Rocker ha toccato una verità più profonda, anche se dubito che gli autori del testo siano interessati alla filosofia tantrica.

La domanda quindi è: il rapportarsi sessualmente con oggetti e tramite Internet porta ad una maggiore consapevolezza della propria energia sessuale e di sé in generale, oppure si crea un oggetto di relazione anche con gli oggetti e i mezzi? In prima battuta sarei più per la seconda ipotesi, in quanto le modalità di fruizione della Rete lasciano poco spazio ad un giro di 180 gradi dell’attenzione, dallo schermo all’interiorità.

L’impressione è che la via tecnologica verso la sessualità e l’espansione dell’uso di sex toys abbia gli stessi attributi che danno ai gadget tecnologici il loro fascino: controllo (cybersesso che può essere terminato con un semplice clic, sex toys per tutti i gusti, opzioni per manipolare le sensazioni), prevedibilità (a differenza di una persona con le sue complessità), indipendenza (la tecnologia alimenta il senso o l’illusione di libertà, il sesso tecnologico non richiede attaccamenti o una continuità), velocità (andare al sodo del piacere senza perdite di tempo). Anche, riporta l’energia al corpo e alle sue sensazioni in modo rapido per equilibrare in qualche modo l’uso stressante della mente nella società dell’informazione.

Il sesso tecnologico fa parte della più generale spinta a trovare una risposta alle necessità umane traducendole in digitale e volendo fare un “upgrade” di noi stessi, comprese emozioni e sensazioni, tramite le tecnologia. Questi “superpoteri” sembrano un riflesso sul piano della mente della  consapevolezza di noi stessi e delle capacità di metamorfosi che vengono date da un percorso di conoscenza interiore. Ma la ricerca delle qualità viene rivolta verso l’esterno, che sia tramite gadget tecnologici o la manipolazione del DNA.

Il sito della sex machine scrive che “Anche se non può ricambiare un abbraccio o coccolarti, è perfettamente comprensibile se provi dei sentimenti per il tuo Monkey Rocker.” Relazionandoci con gli oggetti possiamo sostituire un oggetto di relazione di qualcosa che fa parte dello scambio umano, in questo caso il sesso con le sue emozioni, con una macchina o un oggetto. In Giappone, dove si iniziano i primi utilizzi del robot per prendersi cura e tenere compagnia agli anziani, è stato notato che gli utilizzatori sviluppano sentimenti per essi.

Cosa succede quanto un tale approccio tecnologico verso i bisogni profondi umani, che coinvolgono  cura, affetto e sessualità sono meduati ma macchine? Cosa avviene quando questo approccio verso la sessualità è il primo e magari l’unico da parte di una cibervergine?

Cosa succede quando quando tutti gli indicatori sociali stanno dicendo che le persone hanno sempre meno connessioni intime e di fiducia nella vita reale, quando l’Oriente e l’Occidente sono accomunati dalla stessa alienazione e quando le macchine da sesso e i robots entrano nella nostra vita?

[/it]

Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0
This work is licensed under a Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0.