Feed on
Posts

Genetics and the Geniuses of the Gods

[en]

A few months ago I applied for the 23andme report on DNA analysis. I received a test tube at home, filled it with my saliva, sent the sample and after a few weeks received an email which informed me that the data were ready. I went to the 23andme website with a mix of curiosity and apprehension to see my characteristics and the risks on a medical level.

In the health and traits and the various medical research reports I have confirmation concerning my health. In my DNA there are some genes which lead to a high probability of ankylosing spondilitis, which I’ve had since I was 16 years. This is an autoimmune disease which causes inflammation in the joints and, which sometimes can become invalidating. Curiously, while some of the research gave me a high probability of contracting it, another gives me only a minor probability. Perhaps this could explain the fact that the typical degeneration of the disease has stopped at a non-advanced stage, even if it is always a source of inconvenience. It could be that the genes get activated and deactivated due to circumstances which are not clear.

It is typical of this problem to have phases of activation and remissions even lasting for a long time, where medical science doesn’t know the reasons for it. Since I never took synthetic medicine at a systemic level for my problem, I can suppose that natural medicines and awareness practices had their role in the improving of symptoms, even more so since I had an important remission after having relived some traumas of the past in the form of inner awareness. But those are hypotheses.

Among other things 23andme tells me that I have a tendency toward obesity. This needs at least “more studies.” I have always been thin, all my life. I have a bit more weight now, at the age of 47, but being 1.75 cm (5′ 10″) tall and weighing 62 kg (136 lb), I remain fundamentally slim and fit, with a fast metabolism and hardly accumulate fat.

[/en][it]

Qualche mese addietro mi sono iscritto al servizio di 23andme per l’analisi del DNA. Mi è arrivata la provetta a casa, l’ho riempita di saliva, ho spedito il campione e dopo qualche settimana mi arriva una email dicendo che i dati sono pronti. Con curiosità e una leggera apprensione entro nel sito web per vedere le mie caratteristiche e i rischi a livello medico.

Negli aspetti legati alla salute e nei vari report di ricerca medica ho una conferma rispetto alla mia salute. Nel mio DNA vi sono dei geni che danno un’alta probabilità per la spondilite, che ho da quando ho 16 anni. Questa è una malattia autoimmune che porta infiammazione alle articolazioni, e talvolta può diventare invalidante. Curiosamente, mentre alcuni studi mi danno una maggior probabilità di contrarla, un altro addirittura mi dà una minore probabilità. Questo potrebbe forse spiegare il fatto che la degenerazione tipica della malattia si è fermata ad uno stadio non avanzato, pur essendo comunque una fonte di disagio. Potrebbe essere che i geni si attivano e si disattivano a seconda di circostanze non chiare.

E’ tipico di questi problemi avere fasi di attivazione e di remissione anche di lungo periodo, di cui la scienza medica non ne conosce le cause. Poiché non ho mai assunto farmaci di sintesi a livello sistemico per il mio problema, posso supporre che i farmaci naturali e le pratiche di consapevolezza possano avere avuto un ruolo nel miglioramento dei sintomi, tanto più che ho avuto un’importante remissione dopo aver ri-vissuto, in forma di consapevolezza interiore, alcuni traumi del passato. Ma sono ipotesi.

Tra le altre cose, 23andme mi dice che ho una tendeza all’obesità. Qui proprio non ci siamo, sono stato piuttosto magro per tutta la vita. A 47 anni sono un po’ “ingrassato”, ma con 1,75 cm di altezza per 62 Kg, rimango fondamentalmente asciutto, con un metabolismo veloce e molto difficilmente accumulo grassi.

[/it]

[en]

According to the results of 23andme, I also have the Restless Legs Syndrome gene and a slight tendency of having the Tourette Syndrome. Both things correspond in me, even if not in a standard manner. The Restless Legs Syndrome is manifested like an unpleasant sensation of having to move legs when it is time to sleep, while I tend to move my right leg during the day when I am seated. Sometimes people ask me if I am nervous but this is not the case. Who knows, may be by making the leg move as much as it needs during the day, it prevents it from bothering me at night. The Tourette Syndrome is characterized by uncontrollable and widespread tics. I have a slight tendency toward tics, in particular when I am tired or if there are weather changes, but its intensity is much less compared with the above-mentioned syndrome. Sometimes I feel as if my will and awareness are weaker than a simple tic, but with time I have learned to accept it as one would a heart beat or other metabolic process which we do not consciously control.

I experienced a little suspense when asked for confirmation whether I wanted to be entered in the reserved data of the carrier statuses of various important illnesses like cystic fibrosis. All the potentially worrying variants of such illnesses are absent, but this double check before showing the data, in spite of the warnings which do not certainly mean a condemnation, can feed hypochondria.

In general, the information is honest and they warn of the fact that in many cases the main risk factors are connected to diet and lifestyle. Also, they warn of the fact that there are still few studies about health associated with genes. It is an excellent warning but it resembles the “it’s not enough” mantra in other fields, like technology (“we need higher speed, more memory, more Internet connections”) or in the economics sector (“underdevelopment and poverty are still present because the market economy is not widespread everywhere yet”). This is an approach which never challenges the validity of a certain direction, feeding the production and consumption in the area indefinitely in this way. The areas of molecular biology and genetics are in a huge state of expansion both on the research and market levels.

Through 23andme we can also explore the rough data, the gross data of our DNA, which I cannot understand. It seems to read like software which has been written in machine codes…and inevitably we could get the desire to have a tool for changing the codes as we like using the mouse, and consequently changing our characteristics.

Biology seems the new frontier of information technology in its unstoppable race toward the digitalization of reality. Wired, the historical magazine dedicated to high technology, gives increasing attention to genetics. It seems that the marriage between genetics and IT is imminent. The idea that biology is an information system is becoming more popular. This is certainly true as far as the plane of information itself is concerned. In other words, we can read a human being also on this plane, but it is easy to forget that every plane communicates and influences all the other planes in a reciprocal manner.

But to which extent are genes the determinants? From the times of Watson and Crick who considered genes as completely shaping human characteristics, many things happened and the matter became more complicated.

Steve Talbott, referring to this, writes:

Take, for example, the actual stuff of chromosomes, called chromatin, which consists not only of DNA but, even more extensively, of proteins that give their own form and structure to the chromosome. For many years this unruly protein setting was largely ignored as geneticists focused on the controlling wizardry of the coded genes. But now numerous laboratories are uncovering how the continual and intricately choreographed modification of chromatin affects the activity of genes… But chromatin is hardly the end of it. New and strange names point to multiplying decipherment challenges. We hear of the “methylome” and “membranome,” the “histone code” and “RNAi-interference code.” And, most encompassing of all, there is the “epigenome,” consisting of all the varied cellular processes that bear on the activity of genes – processes that not only influence whether or not a gene is transcribed, but can even alter the effective sequence of genetic letters.

Then he writes:

One might begin to suspect that, one way or another, almost everything is involved in the regulation of almost everything else…

If the role of single genes becomes elusive and difficult to ascertain, when the genes are together, things get even more complicated. Bob Holmes, in the article “The Not-so-Selfish Gene” (New Scientist, March 7, 2009, p.38) writes about the systemic and collaborative relation between different genes.

Genes rarely act alone. Instead, they operate at part of networks of interacting genes, in which multiple genes affect each trait and each gene affect multiple traits.

So, it seems that Richard Dawkins’ The Selfish Gene has had its time, just like Reaganism and yuppies. Also, the Darwinian principles of competition and survival are not the whole story: collaboration and altruism are as important in the survival of the species. Bob Holmes writes (p. 39):

For example, if “unbalanced” patches or rainforest or coral reefs – dominated by just a few species – were more vulnerable to being wiped out in harsh years, ecosystem-level selection might favour “collegial” species that temper their own growth to maintain a reputable balance.

23andme rightly affirms that diet and exercise can determine our health apart from genes, but there isn’t the concept that genes can also be changed from the inside. There are people who do think differently. Epigenetics (derived from epi, “above,” i.e. the control that stands above the genes) is a science which is expanding thanks to authors such as Bruce Lipton, who wrote The Biology of Belief: Unleashing the Power of Consciousness, Matter, & Miracles and Dawson Church, author of The Genie in Your Genes: Epigenetic Medicine and the New Biology of Intention. Both affirm that the DNA is controlled by thoughts and they strongly challenge the current paradigms of biology.

Esoteric teachings always affirmed that we are composed of several bodies. The biological body is a plane which can be transformed by the biological body itself through diet, exercise, and the environment, but through other planes as well. The planes interact with each other where the more subtle bodies can influence the more material ones. For instance, the emotional or mental bodies can change the functioning of the biological body.

Studies such as 23andme are going in the direction of responding to the ancient question, “Who am I?” But the answer to this question comes mostly in the form of an inner answer. Even thought pure meditation and the path of inner quest are the main ways for knowing ourselves, history supported this path with models and systems. From the dosa classification of Ayurveda, to the theory of five elements derived from Taoism, from Jung’s archetypes to astrology, from the Chakra system to the subtle bodies, from the I-Ching to the Enneagram, every symbolic system relates our humanity with a macrocosm, and with a mythological and universal plane. These systems operate as a bridge between the inner awareness and external knowledge. Our view is turned toward self-awareness as much as toward the external knowledge.

I explored several symbolic systems and each of them has its fascination and its value for knowing ourselves. But the symbolic system I love most is astrology, which I have studied since I was 19, when I spent a whole night reading the first book on the subject. I am not speaking of the astrology presented by the media or by magicians. That is not astrology. That which was a sacred science practiced also by Galileo, Descartes, Newton, as well as Jung, has been maltreated and trivialized massively. But the deep knowledge is still intact for those who want to reach it.

Astrology is not an exact science and is not deterministic, just as, on the other hand, genetics is not, but it lets us know ourselves on different planes and it connects ourselves to the eternal symbologies. My astrological natal chart tells me, along with the many other shades (planets, aspects, houses, and complex interactions between them) that I am under a strong influence of Mercury, i.e. that the planet Mercury characterizes me more than any other, though there are other influences too.

As a Mercurian it is compatible with having the Restless Legs Syndrome, the tendency of having the Tourette Syndrome, being slim,  being communicative, and also the joints problems connected to movement (even if those are more pertinent to Saturn). Mercury is the planet of short movements, of communication and the media. I have always been a publisher and author and I always dealt with communicating knowledge. This does not have any correspondence with genetics but is compatible with the Mercurian nature, as some traits pointed out by the genetic study are. Also, I have an accumulation of the metal mercury in my body, detected by a mineralogram, that probably comes from teeth fillings I had in my youth which contained mercury. And in this case I ask myself if I have accumulated mercury in the body only as a mechanical action, or for the “liking” with the planet’s nature as well. The metal mercury shares a symbolic nature with the astrological planet. There are ways of releasing the mercury accumulated in the body through appropriate therapies, but I am not sure if it’s the case, since I am not suffering clear symptoms of it.

Connecting myself with the nature of Mercury symbolically makes me experience and accept the greatness and idiosyncrasies of the mercurial nature. If I do not connect with the symbolic and mythological qualities of my nature, but consider it instead just as a digital sequence of genes and characteristics, evaluating the risks and the probabilities of contracting a certain decease or to have a certain behavior, I get split from the symbolic knowledge which expands the vision and the awareness of myself and brings me to accepting its “shadow” qualities as well. “The Gods have become diseases,” said C.G. Jung. We have pathologized the nature of the gods.

There will be more studies proposed by 23andme, more “advanced” ones, maybe the study of all the DNA, then who knows, even RNA. 23andme will tempt me by the further possibilities of knowledge. It could be interesting to have a constantly-updated map of my biological body, but I will probably stop here. The knowledge of my self goes mainly through other channels.

[/en][it]

Dai risultati di 23andme, risulta anche che ho una tendenza verso la simdrome delle gambe senza riposo e una leggere predisposizione alla sindrome di Tourette. Entrambe le cose mi corrispondono, pur se in modi non standard. La sindrome delle gambe senza riposo si manifesta con una fastidiosa sensazione di doversi muovere quando è tempo di dormire, mentre io tendo a far “ballare la gamba” (destra) durante la giornata quando sono seduto. A volte le persone mi chiedono se sono nervoso ma non è questo il caso. Chissà, magari dando alla gamba il movimento che necessita durante la giornata, questa non mi stressa di notte. La sindrome di Tourette invece è caratterizzata da tic incontrollabili e diffusi. Ho una leggera tendenza ai tic, in particolare se sono stanco o in caso di cambi atmosferici, ma di intensità molto minore rispetto alla suddetta sindrome. A volte mi sono sentito come se la mia volontà e la mia consapevolezza fossero più deboli di un tic, ma col tempo ho imparato ad accettarlo come il battito del cuore o gli altri processi metabolici che non controlliamo coscientemente.

Ho vissuto una certa suspence quando mi hanno chiesto conferma se volessi entrare nei dati riservati ai vari carrier status relativi a malattie importanti tipo la fibrosi cistica. Tutte le varianti potenzialmente preoccupanti di tali malattie sono assenti, ma questo doppio check prima di mostrare i dati, nonostante gli avvertimenti che non significano certo una condannna, potrebbe alimentare l’ipocondria.

In generale, le informazioni sono oneste e mettono in guardia sul fatto che in molti casi i fattori di rischio principali sono legati all’alimentazione e allo stile di vita. Anche, mettono in guardia sul fatto che vi sono ancora pochi studi sulle condizioni di salute associate ai geni. Ottima avvertenza ma assomiglia troppo al “non è ancora abbastanza” in altri settori, quali le tecnologie (“ci vuole più velocità, più memoria, più connessione a Internet”) o nel settore economico (“il sottosviluppo e la povertà sono ancora presenti perché l’economia di mercato non è ancora diffusa ovunque”). E’ un atteggiamento che non mette mai in discussione la fondatezza di una certa direzione, alimentando così all’infinito la produzione e il consumo nel settore. Il settore della biologia molecolare e della genetica sono in forte crescita sia su un piano scientifico che di mercato.

Tramite 23andme possiamo esplorare anche i rough data, i dati grezzi del nostro DNA, a me incomprensibili. Sembra di avere di fronte un software scritto in codice macchina… e inevitabilmente verrebbe la voglia di poter cambiare i codici a piacere con il mouse e di conseguenza le nostre caratteristiche.

La biologia sembra la nuova frontiera dell’informatica, nella sua inarrestabile corsa verso la digitalizzazione della realtà. Il mensile Wired, la storica rivista dedicata alla tecnologia di frontiera, dedica una crescente attenzione alla genetica. Sembra che il matrimonio tra genetica ed informatica s’ha da fare. L’idea che la biologia sia un sistema informativo si fa sempre più strada. Questo è certamente vero per quanto riguarda il piano del sistema informativo stesso, ovvero possiamo leggere l’essere umano anche su questo livello, ma è facile dimenticare che ogni piano comunica ed influenza in modo reciproco tutti gli altri.

Ma quanto determinano i geni? Dai tempi di Watson e Crick che ritenevano che i geni determinassero completamente le caratteristiche e i destini umani, di strada ne è stata fatta e le cose si sono fatte molto più complicate.

Steve Talbott, a proposito di questo, scrive:

Prendiamo, ad esempio, ciò che compone realmente i cromosomi, chiamato cromatina, che consiste non solamente di DNA ma, anche più largamente, di proteine che danno ai cromosomi la loro forma a struttura. Per molti anni questo determinare le proteine senza regole ben chiare è stato perlopiù ignorato dai genetisti, focalizzati sulle magie dei geni codificati. Ma ora numerosi laboratori stanno rivelando come le continue ed intricate modifiche della cromatina influisce sull’attività de geni… Ma la cromatina è solo l’inizio della storia. Nuovi e strani nomi puntano portano alla moltiplicazione delle difficoltà di decodificazione. Sentiamo parlare di “metiloma” e di “membranoma”, di “codice istonico” e di “interferenza dell’RNA. E, a livello più ampio, c’è l’”epigenoma”, che consiste di tutte i vari processi cellulari che sostengono l’attività dei geni – processi che non influenzano solamente il fatto che in gene venga e meno trascritto, ma che può arridittura alterare l’effettiva sequenza delle lettere genetiche.

Per poi scrivere:

Si potrebbe inziare a sospettare che, in un modo o nell’altro quasi tutto è coinvolto nella regolazione di quasi tutti il resto…

Se il ruolo dei singoli geni diventa elusivo e difficile da stabilire, quando i geni si mettono assieme le cose si complicano ulteriormente. Bob Holmes, nell’articolo “The Not-so Selfish Gene” (New Scientist del 7 marzo 2009, p.38) scrive della relazione collaborativa e sistemica tra i diversi geni:

I geni operano raramente da soli. Invece, operano come parti di un network di geni che interagiscono, dove geni multipli influenzano i singoli tratto e ogni singolo gene influenza più tratti.

Sembra quindi che The Selfish Gene di Richard Dawkins abbia fatto il suo tempo, come il reaganismo e gli yuppie. Anche i principi Darwiniani della competizione e della sopravvivenza non sono tutto quanto, la collaborazione e l’altruismo hanno un valore altrettanto importante nella sopravvivenza delle specie. Lo stesso Bob Holmes scrive, a pag. 39:

Ad esempio, se alcune macchie di foresta pluviale o di barriera carallina, dominata solo da alcune specie, divengono più vulnerabili ad essere eliminate negli anni difficili, la selezione a livello di ecosistema potrebbe favorire specie più “collegiali” che limitano la loro crescita per mentenere un buon equilibrio.

23andme afferma giustamente  che dieta ed esercizi possono determinare la nostra salute al di là dei geni, ma manca il concetto che i geni possono essere anche cambiati “da dentro”. C’è chi la pensa diversamente. L’epigenetica (da epi, sopra, above, cioé il controllo che sta al di sopra dei geni) è una scienza che si sta espandendo tramite autori quali Bruce Lipton, che ha scritto The Biology of Belief: Unleashing the Power of Consciousness, Matter, & Miracles e Dawson Church, autore di The Genie in Your Genes: Epigenetic Medicine and the New Biology of Intention. Entrambi affermano che il DNA viene controllato dai pensieri (affirm that DNA is controlled by thoughts) e mettono in discussione fortemente i paradigmi correnti della biologia.

Gli insegnamenti esoterici hanno sempre affermato che siamo composti da diversi corpi. Quello biologico è un piano, che può essere trasformato dal piano biologico stesso tramite l’alimentazione, l’esercizio e le condizioni ambientali, ma anche da altri piani. I piani interagiscono tra di loro in modo che i corpi più sottili influenzano i corpi più materiali. Ad esempio, i corpi emozionali o mentali possono cambiare il funzionamento del corpo biologico.

Studi come quelli di 23andme vanno nella direzione di rispondere all’antica domanda “Chi sono io”. Ma la risposta a questa domanda arriva soprattutto in forma di risposta interiore. La via della meditazione e della ricerca interiore sono le vie maestre per conoscere noi stessi, ma nella storia vi sono stati modelli e sistemi per supportare l’autoconoscenza. Dalla classificazione in dosa dell’ajurveda, alla teoria dei cinque elementi di derivazione taoista, dagli archetipi Junghiani all’astrologia, dal sistema dei Chakra ai corpi sottili, dall’I Ching all’Enneagramma, ogni sistema simbolico mette in relazione la nostra umanità con un macrocosmo e un piano mitologico ed universale. Questi sistemi operano come un ponte tra una consapevolezza interiore e una conoscenza esterna. Lo sguardo viene rivolto alla consapevolezza di noi stessi tanto quanto verso una conoscenza esterna.

Ho esplorato diversi sistemi simbolici ed ognuno ha il suo fascino e il suo valore per conoscerci. Ma il sistema simbolico che più amo è l’astrologia, che studio da quando ho 19 anni, quando passai una nottata intera nella lettura del mio primo libro sull’argomento. Non parlo dell’astrologia  presentata dai media né quella dei maghi. Quella non è astrologia. Quella che era una scienza sacra praticata anche da Galileo, Cartesio, Newton, nonché Jung, è stata maltrattata e banalizzata a tutti i livelli. Ma le conoscenze profonde sono ancora intatte per chi vuole raggiungerle.

L’astrologia non è una scienza esatta e non è deterministica, come d’altronde non la è la scienza dei geni, ma ci consente di conoscerci su diversi piani e di connetterci con delle simbologie eterne. Il mio cielo natale astrologico mi dice, tra le tante altre sfumature (pianeti, aspetti, case e complesse interazioni tra questi elementi) che ho una dominante mercuriana, ovvero che il pianeta Mercurio mi caratterizza più di ogni altro, pur essendo altri fattori presenti.

Come Mercuriano è compatibile avere la sindrome delle gambe senza riposo, essere magri, essere comunicativi, avere la tendenza alla sindrome di Tourette e anche problemi articolari legati ai brevi movimenti (anche se questi sono più di pertinenza di Saturno). Mercurio è il pianeta dei movimenti brevi e veloci, della comunicazione e dei media. Sono stato sempre editore, autore o comunque ho avuto a che fare con il comunicare conoscenze. Questo non ha una corrispondenza nella genetica ma è compatibile con la natura mercuriana, così come lo sono diversi tratti rilevati anche dallo studio genetico. Anche, ho un accumulo del metallo mercurio nel corpo, rivelato da un mineralogramma, che deriva probabilmente da otturazioni dentali che avevo da ragazzino quando queste contenevano ancora mercurio. E in questo caso mi chiedo se io abbia accumulato il mercurio nel corpo solamente per azione meccanica oppure anche per “simpatia” con la natura del pianeta. ll mercurio come metallo condivide delle caratteristiche simboliche con il pianeta. C’è modo di rilasciare il mercurio accumulato nel corpo tramite opportune terapie, ma non so se è neanche il caso, non soffrendo di evidenti sintomi da questo.

Connettermi con la natura di Mercurio mi porta simbolicamente a vivere ed accettare grandezze ed idiosincrasie della natura mercuriana. Se non mi connetto con le qualità simboliche e mitologiche della mia natura, ma la considero invece come una sequenza digitale di geni e di caratteristiche, e valuto i rischi e le probabilità associati di contrarre una certa malattia o di avere un certo  comportamento, mi separo dalla conoscenza simbolica che mi arricchisse la portata e la consapevolezza di me stesso e mi porta ad accettare anche le sue qualità “ombra”. “Gli Dei sono diventate malattie”, disse C.G.J ung. Abbiamo patologizzato le nature degli Dei.

Verranno proposti altri studi da 23andme, più “avanzati”, magari lo studio dell’intero DNA, poi chissà, anche l’RNA. 23andme mi tenterà con ulteriori possibilità di conoscenza. Può essere interessante avere anche una mappa sempre più accurata del mio corpo biologico, ma probabilmente mi fermo qui. La conoscenza di me stesso passa principalmente da altri canali.

[/it]

Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0
This work is licensed under a Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0.