Feed on
Posts

Downloading our life on Internet

Sinapsi frattali[en]

The technological society permeates more and more every part of our life and we are downloading more and more parts of our real life onto the Net. Personal communications, finance, work, news, work, dating, shopping are just few of the activities that have been moved massively to the Net. Those are separate areas of our life where we usually apply different modalities of our mind.

Our attitude is different when we are at work, when we are shopping, when we talk to a friend or when we are communicating with somebody we are attracted to in a sensuous and intimate way. In addition, we usually have different settings for the different range of life activities. As we activate different parts of our mind, our body is involved as well. On the other hand, when we are stuck in front of a screen, our setting is always the same and the dynamic and tactile experience is missing.

[/en][it]

La società tecnologica permea sempre più ogni parte della nostra vita, e noi stiamo scaricando come fosse un download sempre più parti della nostra vita reale in Rete. La comunicazione tra le persone, gli affari, le notizie, il lavoro, gli amici, la ricerca di un partner, lo shopping sono solo alcune delle attività che sono state massicciamente trasferite in Rete. Si tratta di aeree distinte della nostra vita che solitamente richiedono l’attivazione della nostra mente in modalità diverse.

Il nostro atteggiamento cambia a seconda che siamo al lavoro, facciamo shopping, parliamo con un amico o comunichiamo con qualcuno che ci attrae sentimentalmente o sessualmente. Di solito, abbiamo diversi ambienti e situazioni esterne per i diversi tipi di attività. E non solo attiviamo aree diverse della mente, ma anche il corpo ne viene coinvolto. Invece, quando siamo fermi di fronte a uno schermo, il nostro ambiente esteriore è sempre lo stesso e mancano le dimensioni dinamica e tattile. [/it]

[en]

When we are online we are forced to use almost always the same mind channels to interact with the computer. It doesn't really matter what we are doing online; as McLuhan's famous phrase "The medium is the message" teaches, what counts is the medium itself, not the actual content. Internet directs our mind toward a fast, rational and efficient attitude in which our bodies are not involved, regardless of the actual activity we are doing. Using the same mind modality for dating, shopping, communicating with friends or researching for a scientific paper impoverishes most of these activities. Also, our attention is mostly split since every activity is just a window in the screen and becomes a separate window in our consciousness. Often a restless attitude is present, and a difficulty in keeping ones attention focused on a single task for long time.

In our society, speed is celebrated as if it were a virtue in itself. Jerry Mander. In the absence of the sacred. Sierra Club. San Francisco. 1991. 

A fast, rational and efficient mind is mostly developed during the teenage years, both for biological and developmental psychology reasons. But it is not limited to teenagers. The way we interact with the computer easily allows some of the psychological defence mechanisms to develop, in particular intellectualization, dissociation and splitting. Those defences are activated when the ego is feeling threatened and can also be seen as a protection toward the re-emerging of the less familiar irrational and magical states experienced during adolescence and in difficult changing stages in adult life. Those irrational modalities can be a source of creativity and an enrichment of our soul, but the acceptance of those parts of our psyche are slow and require an integrated and mature ego. The need to keep everything in order is most felt during childhood where children need well-defined situations around them. Gianni Zanarini expressed his insights on pre-logical thoughts and computer users in his book L'emozione di pensare (CLUP-CLUED. Milano. 1985) "The emotions of thinking" and I personally benefited from it when I met him while I was a bachelor student in computer science. I have always been eager to understand the split in our society between the brilliant, clear and directed apollonian mind and the instinctive, sensuous dionysian ways. I love and need them both.

The fast pace of computer communication, coupled with the overwhelming flood of information that is going on at the same time, makes it difficult if not impossible to focus internally, no matter what  we are doing. The distractions are endless and even when we are not distracted by external stimuli, our mind is already wired in a way that we crave distractions. The level of excitement has to continually intensified  to feed the parts of our mind that crave  novelties and excitement, in a purely addictive way. The mind always wants more and more, faster and faster and is never satisfied. I wonder if this "natural" attitude of the mind hasn’t always been taken advantage of by ideologies, religions and by the technological society. All of them promise the ultimate satisfaction, in terms of "when we'll have a better society" by political ideologies, by "if you'll behave well you'll be rewarded with eternal life" by religions or by promising gadgets by technology that will endlessly entertain us and free us from effort and pain. There is a message about salvation in all of them, in a way they are all religions.

The mind has its own complete technology of restlessness. Because running without a purpose is not possible, the mind creates causes or purposes to validate its running. These are called desires. The mind says, "I desire that thing, so I will run after it." How can you run if you have no desire to achieve something in the future, or if there is no goal to reach? Therefore every day the mind decides to fulfil a particular goal in the future. Then the running begins, but by the time the goal is reached, it is found to be useless because it was all merely an excuse for the mind to run. The goal which is reached becomes worthless on fulfillment. Then the mind seeks out another excuse, another goal to be achieved. After reaching that goal it will say, "There is no substance in this. Now I should try for that objective…" So it continues running, further and further. This is why the mind is always projected into the future. It can never be in the present. Osho. The Heartbeat of the Absolute. Rebel Publishing House. Cologne. 1980.

As a society we have identified our higher faculties with the work of the mind, and specifically with the productive efficient mind; but the mind in itself, as every spiritual teacher knows, is but a little part of our soul and is basically insubstantial since was constructed by our cultural conditionings and by the various messages we have received in life. The mind is in itself goal oriented and restless. The good news is that we are not just the mind as we know it even though few people would recognize that in our society at this time.

See also:

Biotech as an information system

Virtual worlds, mirror worlds, Second Life: backing up the messed planet

Mechanisms, mysticism and Amazon Mechanical Turk

Zen archery and computers

Lifelogging

The heart of the binary code

Downloading our life on Internet

Google, privacy and the need to be seen

Personal consumer

[/en][it]

Per interagire in Rete siamo costretti a usare quasi sempre gli stessi canali mentali. Non importa tanto ciò che stiamo facendo online perché, come insegna la famosa frase di McLuhan «Il medium è il messaggio», ciò che conta è il medium stesso, non tanto i contenuti trasportati dal medium. Internet fa assumere alla nostra mente una modalità veloce, razionale ed efficiente che non richiede il coinvolgimento del corpo, a prescindere dal tipo di attività che stiamo svolgendo. Inoltre, la nostra attenzione è per lo più divisa, in quanto ogni attività è solo una finestra sullo schermo, e diventa così una finestra separata nella nostra consapevolezza. Spesso sono presenti un senso di irrequietezza e difficoltà a mantenere l’attenzione su un solo compito per un certo periodo di tempo.

Nella nostra società, la velocità viene esaltata come se fosse una virtù in sè. Jerry Mander. In the absence of the sacred. Sierra Club. San Francisco. 1991.

Una mente veloce, razionale ed efficiente si sviluppa soprattutto negli anni dell’adolescenza, per ragioni sia biologiche che di psicologia dello sviluppo. Ma non si limita ai teenager. L’interazione con il computer porta facilmente alla formazione di alcuni meccanismi di difesa, in particolare intellettualizzazione, dissociazione e scissione. Tali difese si attivano quando l’ego si sente minacciato e possono anche essere considerate una protezione contro il riaffiorare dei poco familiari stati magici e irrazionali vissuti durante l’adolescenza e nei difficili periodi di transizione della vita adulta. Tali stati irrazionali possono costituire una fonte di creatività e arricchimento per la nostra anima, ma l’accettazione di queste parti della psiche è lenta e richiede un ego maturo e integrato. Il bisogno di mantenere tutto in ordine è avvertito soprattutto nell’infanzia, quando i bambini hanno bisogno di situazioni chiaramente definite intorno a sé. Gianni Zanarini espone le sue idee sul pensiero pre-logico e gli utenti di computer in L’emozione di pensare (CLUP-CLUED, Milano, 1985). Personalmente, questo libro mi è stato molto utile quando ero una matricola all'università (non che sia andato poi oltre) e ho conosciuto l’autore. Mi ha sempre interessato comprendere la divisione nella nostra società tra la mente apollinea brillante, chiara e diretta, e la via dionisiaca, sensuale e istintiva. Io amo e ho bisogno di entrambe.

La velocità delle comunicazioni attraverso il computer, unita alla sovrabbondanza delle informazioni, rende difficile (se non impossibile) focalizzarsi sull’interiorità. Le distrazioni sono infinite, e anche quando non siamo distratti da stimoli esterni, la nostra mente è predisposta in modo da spingerci alla ricerca di distrazioni. L’eccitazione deve essere mantenuta a livelli sempre più alti, per poter soddisfare quelle parti della mente che chiedono emozioni e novità, in modo puramente dipendente. La mente vuole sempre di più, sempre più velocemente e non è mai soddisfatta. Mi chiedo se questo atteggiamento “naturale” della mente verso l'inquietudine non sia stato sfruttato dalle ideologie, dalle religioni e dalla società tecnologica. Tutte quante promettono un appagamento definitivo, in termini di "quando avremo una società migliore" da parte delle ideologie, di "se ti comporterai bene avrai la ricompensa della vita eterna" da parte delle religioni e tramite la promessa di gadget e ci liberano dagli sforzi e dal dolore, da parte della tecnologia. In tutti i casi vi è un messaggio di salvezza, quindi in qualche modo tutte e tre sono come religioni.

La mente funziona con una propria sofisticata tecnologia dell'inquietudine. Poiché non è possibile correre senza una direzione, le mente crea le circostanze e le ragioni per farlo: i "desideri". La mente dice "Desidero quella cosa e quindi devo inseguirla". Come puoi correre se non provi il desiderio di ottenere qualcosa nel futuro, o se non hai nessuna meta da raggiungere? Ogni giorno, quindi, la mente decide di soddisfare una particolare meta futura, e incomincia a correre, ma non appena la meta è raggiunta si dimostra inutile, perché non era che una scusa perché la mente potesse correre. La meta raggiunta perde valore. La mente cerca subito una nuova scusa, un'altra meta da raggiungere. Dopo averla raggiunta, ancora dirà: "Non ne valeva la pena. Ora devo provare con quest'altro obiettivo…" per continuare a correre, sempre di più. Ecco perché la mente è sempre nel futuro; non può rimanere nel presente. Osho. Il battito dell'assoluto. Discorsi sull'Ishavasya Upanishad. ECIG. Genova. 1992.

In quanto società, abbiamo identificato le nostre facoltà più elevate con il lavoro della mente, ed in specifico con la parte produttiva ed efficiente della mente. Ma la mente in sé, come sa ogni insegnante spirituale, è una piccola, parte della nostra anima ed è fondamentalmente inconsistente poichè si è costruita tramite i condizionament culturali e i vari messaggi che abbiamo ricevuto nella vita. Comunque, alla fine c’è una buona notizia: non siamo solo la nostra mente così come la conosciamo, anche se poche persone, nell'attuale società, sono pronte a riconoscerlo.

Vedi anche:

Le biotecnologie come sistema informativo

Mondi virtuali, mondi specchio, Second Life: fare il backup di un pianeta nel caos

Meccanismi, misticismi e Mechanical Turk di Amazon

Il tiro con l'arco Zen e i computer

Lifelogging

Il cuore del codice binario

Download della vita su Internet

Google, la privacy e il mettersi in mostra

Personal consumatore
[/it]

Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0
This work is licensed under a Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0.