Feed on
Posts

Cars, Bytes, and Territory

Dali Apparition of the Town of Delft.jpg[en]

Nicholas Carr writes about technological time and space on Realtime kills real space and Real time is realtime. How does technology changes our perception of the territory?

I am buying a house in a village in the Appennines mountains with some land annexed. As it often happens in those mountain areas, the properties are broken up into small portions which reflect the complicated hereditary and family lines, where every single small piece of land has its own identity. The fields’ names vary: sometimes they refer to events which happened there, or to the characteristics of the territory, and there are funny and odd names as well.

Every field has its own personality through its name, its own history, its own micro-“genius loci,” which was known and experienced by the local population. But not anymore. The names and their locations in the territory are vague memories of some elderly people of the village. Google Earth will not be able to track down their names, but even in that case they would be like names on the tombstones, emptied of their souls.

During the last 50 years or so, the population of the village dropped from 200 to currently around 20. As with other places, the factor contributing most to the change in the territory has been road construction leading to the massive use of cars which came with industrialization. Roads have changed the geography of places, moved the places of residence and work, and forced many people to own cars. Individual means of transportation instead of collective ones have been privileged due to a series of economic reasons connected with the car industry.

Besides places, cars have also changed sociality in a massive manner, starting from removing children playing on the roads, to lack of public spaces for meeting, and development of big commercial centers which can be reached only by cars.

The massive transfer to cities and their suburbs during the last decades moved us away from an immediate and felt relationship with the territory, which is now mostly seen as a road from one place to another. At a certain point the ever-spreading use of mobile phones outdistanced us further from the territory, moving our attention to somewhere and someone else while we are staying in a certain place.

Al Gore’s father promoted the American highway system, and his son became one of the greatest promoters of information highways. As highways place everybody in car boxes, the Internet has placed us in front of a screen, mostly indoors at home or in an office. Even when we are on some territory we are connected while mobile through some gadget – again in front of a screen. When we drive along the road we get a digital representation of the territory through GPS systems, adding a further layer between the external space and our presence and attention in it.

[/en][it]

Nicholas Carr scrive sullo spazio e il tempo tecnologico a Realtime kills real space e Real time is realtime. Cosa cambia la tecnologia nella nostra percezione del territorio?

Sto acquistando una casa in un villaggio dell’alto appennino emiliano con dei terreni annessi. Come avviene spesso in quelle aree montane, il terreno di proprietà è diviso in piccole porzioni che riflettono le complicate linee ereditarie e famigliari, dove ogni singolo fazzoletto di terreno ha una sua identità. I nomi dei campi sono dei più vari: talvolta si riferiscono a fatti avvenuti nel luogo, oppure a caratteristiche del territorio, e vi sono anche nomi buffi e stravaganti.

Ogni campo tramite il suo nome ha la sua personalità, la sua storia, il suo micro “genius loci”, che era conosciuto e vissuto dalla popolazione locale. Ora non più. I nomi e la loro locazione nel territorio sono un vago ricordo di pochi vecchi del paese. Google Earth non ne potrà rintracciare i nomi e anche in qual caso sarebbero come nomi sulle lapidi, svuotate dalla loro anima.

Il paese è passato nei decenni da una popolazione di circa 200 persone a una ventina. Come per molti altri luoghi, il fattore che ha più contribuito a cambiare la vita del territorio è stato la costruzione delle strade e l’uso massiccio delle automobili che è andato di pari passo con l’industrializzazione. Le strade hanno cambiato la geografia dei luoghi, hanno spostato  i luoghi di residenza e di lavoro e hanno costretto molti ad avere un’automobile. E’ stato privilegiato il trasporto individuale piuttosto che  lo sviluppo del trasposto collettivo per una serie di interessi legati al mondo dell’automobile e di tutti i suoi annessi.

Oltre che i luoghi, le automobili hanno cambiato la socialità in modo massiccio, dal togliere i giochi dei bambini in strada, alla mancanza di spazi pubblici di incontro, allo sviluppo di grandi centri commerciali che possono essere visitati solo con un’automobile.

Il massiccio spostamento verso le città e le periferie dei decenni scorsi ci hanno allontanati da un rapporto immediato e vissuto con il territorio, che viene visto perlopiù come una strada per andare da un luogo all’altro. Ad un certo punto il massiccio uso dei cellulari ci ha distanziato ulteriormente dal territorio, spostando la nostra attenzione in un luogo “altro” verso qualcun altro mentre ci troviamo in un certo luogo.

Il padre di Al Gore promosse il sistema autostradale americano e il figlio è stato uno dei più grandi promotori delle autostrade dell’informazione. Così come le autostrada hanno posto tutti quanti nelle scatole delle automobili, Internet ci ha posto tutti quanti di fronte ad uno schermo, perlopiù all’interno di qualche casa o ufficio. Anche quando siamo all’esterno nel territorio siamo connessi in mobilità tramite qualche gadget, di nuovo di fronte ad uno schermo. Quando percorriamo una strada  in automobile otteniamo una rappresentazione digitale del territorio attraverso i sistemi GPS, ponendo un ulteriore strato tra lo spazio esterno e la nostra presenza e attenzione ad esso.

[/it]

[en]

The Internet and mobile technologies are acting on the territory on another level: more than digitalizing it and distancing us from it,  they are bringing us in front of a screen, making territory useless. We can operate on our bank account from the screen, we can do our shopping, communicate with our friends, search for our soulmate or for a sexual meeting, and work on the Net for many traditional jobs which have been brought to the Internet and for numerous new professions born from the Net itself.

Just as highways have forced many people to buy a car, information highways are forcing almost everyone to buy a computer and have an Internet connection, for one reason or another. Technologies – and especially the computer – far from being only practical tools, are getting into the depths of the psyche, determining the manner in which we connect with ourselves and with others.

The lack of a real contact with territory also means that environmental problems are developing without our giving them special attention, or we observe the consequences in the way mediated by news, video clips, images and by Google Earth representations which map every layer of the world’s geography, perhaps as an unconscious attempt to get back a contact with the territory, even if only on a mental level.

In a territory which has lost its soul, its history and even our attention, GPS systems tell us continously where “we are.” Being alien from the territory creates a lack of direction which we try to compensate for with a digital measurement of our “presence.” But the lack of direction takes place on an inner level, in a territory made of concrete and commercial centers without any more narrative connected to our life history. Also, we distance ourselves from a territory presented as dangerous and full of criminality, in its turn presented by the media as alien and foreign.

The processes of digitalization and cancelling of reality have started in the mind before the strong intervention of matter, representing and mediating it layer after layer. The roots of such distance from matter are to be traced back to the Judeo-Christian tradition, which has been continued in the Western tradition by Descartes who made the separation between the soul, the body and the matter full-blown.

Matter was first modelled physically, an act which was speeded up beginning with industrialization, then rebuilt digitally and simulated through technologies of abstractions.

As an individual who neglects the body and the signals it sends off will develop some pathologies, the earth in its turn, being deprived of our attention, of our earthly rootedness and our respect, creates diseases and calls for our attention (provided that between one click and another we still have some attention to spare).

In our culture which sees matter and spirit as two different and distant things, there’s the misunderstanding that giving attention to the soul brings a distancing from the tangible. A path toward the truth is, in my opinion, a process of contact with the real, i.e. with “what is,” including matter and the physical bodies which are a part of it. The return to the contact with territory and taking care of the planet can happen through a spiritual approach, seen as a contact with the real, integrated in a wider awareness, beginning from the awareness of ourselves and of what we really are and need.

Instead, the solutions presented to the environmental problem are almost always seen as technological. Insofar as those are needed and an integral part of the care of the planet, those are seen as a Messiah which will save us, in a childish projection of magical onnipotence.

See also:

Social networking and instant fulfillment

Saving time through technology

Metabolizing information

Mental territories

[/en][it]

Internet sta operando sul territorio ad un altro livello, oltre che digitalizzarlo e a distanziarci da questo mettendoci di fronte ad uno schermo, lo sta rendendo inutile. Possiamo operare con il nostro conto bancario da casa, fare shopping, comunicare con amici, cercare l’anima gemella o un incontro sessuale, e  lavorare in rete in diversi impieghi tradizionali che sono stati portati su Internet e in numerose nuove professioni nate con la rete stessa.

Così come le autostrade hanno costretto molti ad avere un’automobile, le autostrade dell’informazione stanno costringendo quasi tutti ad avere un computer e una connessione ad Internet, per un motivo o per l’altro. Le tecnologie e in particolare il computer, lungi dall’essere solamente strumenti pratici, entrano in profondità nella psiche determinando il modo in cui ci connettiamo con noi stessi e con il prossimo.

La mancanza di contatto reale con il territorio significa anche che i problemi ambientali si sviluppano senza che gli diamo particolare attenzione, oppure ne osserviamo le conseguenze in modo mediato da notizie, filmati, grafici e dalle rappresentazioni di Google Earth che mappa ogni strato della geografia mondiale, forse come tentativo inconscio di riprendere un contatto col territorio, pur se su un piano solamente mentale.

In un territorio che ha perso la sua anima, la sua storia a anche la nostra attenzione, i sistemi di GPS ci dicono in contimuazione “dove siamo”.  Siamo alieni dal territorio e questo ci provoca una mancanza di direzione che prova ad essere compensata con una misurazione digitale della nostra “presenza”. Ma la mancanza di direzione avviene su un piano interiore, in un territorio fatto di cemento e di centri commerciali senza più  una narrativa connessa alla nostra storia di vita. Anche, ci distanziamo da un territorio presentato come pericoloso e pieno di criminalità, a sua volta presentata dai media come aliena e straniera.

Il processo di digitalizzazione e di annullameno della realtà si è avviato nella mente prima ancora che nei forti interventi sulla materia, rappresentandola e mediandola uno strato dopo l’altro. Le radici di questa distanza dalla materia sono da far risalire alla tradizione giudaico cristiana, continuata nella tradizione occidentale da Cartesio che ha conclamato la separazione tra anima, corpo e materia.

La materia è stata prima modellata fisicamente, atto che ha subito un’accelerazione a partire dall’industrializzazione, poi ricostruita e simulata digitalmente tramite l’astrazione delle tecnologie. Così come un individuo che trascura il corpo ed i segnali che questo emette svilupperà delle patologie, la terra a sua volta, privata della nostra attenzione, del nostro radicamento e del nostro rispetto, crea malattie e ci richiama all’attenzione. Sempre che tra un clic e l’altro ne abbiamo ancora.

Nella nostra cultura che vede materia e spirito come due cose distinte e distanti, c’è l’quivoco che dando attenzione all’anima questi porti a distanziarci dal tangibile.. Il percorso di ricerca del vero è a mio parere un processo di contatto con il reale, con “ciò che è”, inclusa la materia e i corpi fisici che ne fanno parte. Il ritorno al contatto con il territorio e la cura del pianeta potranno avvenire tramite un approccio spirituale, inteso come contatto con il reale, integrato in una consapevolezza più ampia, a partire dalla conoscenza di noi stessi e di ciò che realmente siamo e necessitiamo.

Si prospettano invece quasi unicamente soluzioni tecnologiche al problema ambientale. Per quanto queste siano necessarie e parte integrante di un processo di cura, vengono viste come un messia che ci salverà, in una infantile proiezione di onnipotenza magica.

Vedi anche:

I social network e l’appagamento immediato

Risparmiare tempo con la tecnologia

Metabolizzare le informazioni

Territori mentali

[/it]

Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0
This work is licensed under a Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0.