Feed on
Posts

Google, privacy and the need to be seen

<h1><a mce_thref=[en]

There is a growing debate about the Internet and privacy, especially related to Google. Google knows every web page we visit, every advertisement message we click on and probably, with their mathematical and analytical tools that can intersect geographical data, web navigation and email messages, much more than we can imagine. Our location, doings and web activity can be easily traced and shared. Most probably this technological trend will go towards an even more detailed picture of people’s mind and activities.

But the thing is, most of the Internet users are accomplices to the violation of their privacy. Google knows that people want to show as much as possible of themselves to the world and be able to know and see as much as possible about others. Internet users expose more and more of their ideas, pictures and intimate life through blogs, social networking and other sites. It seems that an act or thought doesn't have value if it is not seen, uploaded and if it doesn't have an audience.

[/en][it]

C'è un dibattito crescente sull'Internet e la privacy, in particolare riferito a Google. Google conosce ogni pagina web che visitiamo, ogni comunicazione pubblicitaria che clicchiamo e probabilmente, tramite gli strumenti matematici ed analitici che possono incrociare dati geografici, di navigazione su web e comunicazioni e-mail, molto più di quanto possiamo immaginare. La nostra ubicazione, le nostre azioni e l'attività su web possono essere facilmente tracciate e condivise. Molto probabilmente questo trend tecnologico si evolverà verso un ritratto ancora più particolareggiato delle menti e delle attività delle persone.

Ma il punto è che la maggior parte degli utenti di Internet sono complici della violazione della loro privacy. Google sa che le persone vogliono mostrare quanto più possibile di loro stesse al mondo ed essere in grado di sapere e vedere altrettanto del prossimo. Gli utenti di Internet espongono in modo crescente le loro idee, immagini e la loro vita intima attraverso i blog, i network sociali e altri siti. Sembra che un atto o un pensiero non abbia valore se non viene messo in rete, visto e se non ha un pubblico. [/it][en] Sharing as much as possible about our life and skills feels psychologically like being seen and "understood", the understanding and the mirroring of qualities that most of us didn't have in childhood or in later life. According to the works of Almaas:

A person needs mirroring for whichever dimension of the self did not receive adequate mirroring in the past [...] the need for mirroring is a general need of the soul, necessary for it to recognize its manifestations and integrate them into its sense of identity. [...] When we are alienated from our essential presence – that is, when we are narcissistic – we are inevitably alienated also from the quality of Value. from The Pearl Beyond Price

We need to be recognized and to get positive feedback on our qualities, whether they are real talents or idealistic expectations. In the online world, people can be quite sure that the images of ourselves they want to promote won't be very much threatened. Our need for positive feedback and for mirroring in social networking sites and in chats is mostly fulfilled. It seems there is a silent agreement to give each other exclusively positive feedback. And if not, we can delete a comment or block a person from contacting us with a single mouse click, removing anything that doesn't support our needs.

Even any unusual interest, idea, obsession, or behavior on Internet that could be considered negative can become "hip" and "cool" and we can find people that share our interests. This has a valuable potential in accepting and integrating in our personality the parts of ourselves that usually don't get positive feedback, leaving behind judgments and discrimination. Everybody can show their qualities and skills in the artistic, intellectual or even kinky areas. However, the risk is that it becomes just another self-image that is as inconsistent as any other and that the prevailing models of "Value" remain those of the advertising and entertainment world. Sexual attraction has a big role. People can feel the power of being able to arouse others, getting in return their attention and compliments.

The need for mirroring, being seen and being appreciated is necessary for humans to construct their personality. Giving up our privacy could seem like a good deal in return for the opportunity to show ourselves to the world and trying to fill the hole of not having been seen. But after the necessary stage of being recognized in our value, being seen and appreciated by others, we need to see our true self by ourselves. We shape our identity through feeling and recognizing ourselves from the inside, in a 180-degree turn from the need to have external confirmations.

The construction of our personality and self-esteem online can reach only a certain point, leaving us then destabilized and unsubstantial. So we crave for more and more confirmations because those external inputs never cohere into a real felt identity. Our identity ultimately is built by real interaction with people and objects, where the whole of the human experience is present, including our disappearing real, sensitive, sensual, sweaty, alive and non-jpeg bodies.

Once we step beyond the need to be seen by others and we are aware of our identities, we can take more steps in our soul path, this time in the opposite direction of deconstructing our personalities. At the very end of the spiritual human development, the issue of privacy becomes meaningless. Every spiritual teacher tells that the individual personality is just an illusion, a mental construction and that once enlightened we don't perceive substantial differences among individuals. Differences melt. The contents of the individual minds that Google (and others) want to know so badly in every detail are just castles in the air built by the messages we received in our life and believed as our own. As any person that is walking on a path of self-understanding knows, the importance of being aware of the contents of our minds goes in the direction of becoming free of them, not of being identified with them, much less for marketing purposes.

Paradoxically, the apogee of the social networking sites produces the disappearance of the individual differences as spinning all colors on a disk produces white color. Maybe the appeal of the rush to be connected with one another in such a pervasive way comes from an echo on our soul that suggests a state we are all heading toward as a species. A state that will be reached through consciousness processing rather than information processing, as Peter Russell foresaw in The Global Brain Awakens.

See also:

Biotech as an information system

Virtual worlds, mirror worlds, Second Life: backing up the messed planet

Mechanisms, mysticism and Amazon Mechanical Turk

Zen archery and computers

Lifelogging

The heart of the binary code

Downloading our life on Internet

[/en][it]

Condividere il più possibile della nostra vita e delle nostre competenze, psicologicamente ci sembra come se potessimo essere presi in considerazione e "compresi", quell'attenzione e quella necessità di riconoscimento che la maggior parte di noi non hanno avuto nell'infanzia o successivamente.

Secondo i lavori di Almaas:

Una persona ha bisogno di essere rispecchiata in ogni dimensione di se stessa che non ha avuto un riconoscimento adeguato nel passato [...] il bisogno di riconoscimento è un bisogno generale dell'anima, necessario per riconoscere le sue manifestazioni ed integrarle nel suo senso d'identità. [...] Quando siamo alienati dalla nostra presenza essenziale – ovvero, quando siamo narcisistici – noi siamo alienati inevitabilmente anche dalla qualità di Valore. da The Pearl Beyond Price

Abbiamo bisogno di essere riconosciuti e di ottenere risposte positive alle nostre qualità, che siano autentici talenti o aspettative idealistiche. Nel mondo online, le persone possono avere un certo grado di certezza che le immagini di sè che desiderano promuovere non verranno molto danneggiate. Il nostro bisogno di risposte positive nei network sociali e nelle chat viene prevalentemente soddisfatto. Sembra che ci sia un tacito accordo per darsi a vicenda solo risposte positive. In caso contrario, possiamo sempre cancellare un commento o bloccare una persona dal contattarci tramite un solo clic di mouse, rimuovendo tutto ciò che non sostiene il nostro bisogno.

In Internet, qualsiasi interesse insolito, idea, ossessione o comportamento che potrebbe essere considerato negativo può trasformarsi in "cool" e alla moda e possiamo trovare persone che condividono i nostri interessi. Questo rappresenta un potenziale prezioso nell'accettazione e nell'integrazione nella nostra personalità delle parti di noi stessi che comunemente non trovano reazioni positive, andando così al di là dei giudizi e delle discriminazioni. Ognuno può mostrare le sue qualità e abilità in campo artistico, intellettuale o anche in aree stravaganti. Tuttavia, il rischio è che diventi solamente un'altra immagine di sé che è inconsistente come qualsiasi altra immagine e che i modelli prevalenti di "Valore" rimangono quelli della pubblicità e del mondo dell'intrattenimento. L'attrazione sessuale ha un grande ruolo. Le persone possono sentire il potere nell'eccitare gli altri, ottenendo in cambio attenzioni e complimenti.

Il bisogno di essere rispecchiati, visti ed apprezzati sono bisogni umani necessari per la costruzione della personalità. Rinunciare alla nostra privacy potrebbe sembrare un buon affare in cambio dell'opportunità di mostrarci al mondo e tentare così di riempire il vuoto di non avere avuto le attenzioni necessarie. Ma dopo che la indispensabile fase di essere stati riconosciuti ed apprezzati nel nostro valore dagli altri, abbiamo bisogno di riconoscerci a nostra volta nel nostro essere. Noi plasmiamo la nostra identità attraverso la percezione interiore di noi stessi, riconoscendosi dall'interno, in una svolta di 180 gradi dal bisogno di conferme esterne.

Online, la costruzione della personalità e dell'autostima può arrivare solamente fino ad un certo punto, lasciandoci poi destabilizzati e privi di fondamenta. Necessitiamo così di infinite ulteriori conferme poichè gli input che arrivano dall'esterno non si strutturano in una identità percepita con certezza da dentro. Inoltre, la nostra identità viene costruita in ultima analisi dalle autentiche interazioni con persone ed oggetti, dove è presente l'intera gamma dell'esperienza umana, incluso il nostro svanente, sensibile, sensuale, sudato, vitale e non-jpeg corpo.

Dopo che ci lasciamo alle spalle il bisogno di conferme esterne e diventiamo consapevoli delle nostre identità, possiamo intraprendere ulteriori passi nel cammino della nostra anima, questa volta nella direzione opposta di decostruzione della personalità. Al termine dello sviluppo spirituale umano, la questione della privacy diveta irrilevante. Ogni insegnante spirituale ci dice che le personalità individuali sono solo un'illusione, una costruzione mentale, e che una volta raggiunta l'illuminazione non percepiamo differenze sostanziali tra gli individui. Le differenze si dissipano. I contenuti delle menti individuali che Google (e altri) hanno un gran bisogno di sapere in ogni dettaglio, sono solamente castelli in aria costruiti sulla base dei messaggi che abbiamo ricevuto nella vita e che abbiamo creduto essere nostri. Ogni persona che cammina su un percorso di conoscenza di se stessa, sa che l'importanza di essere consapevoli dei contenuti della propria mente è nel senso di liberarsi da questi, non per identificarsi e tantomeno per scopi di marketing.

Paradossalmentre, lo sviluppo estremo dei network sociali produce la scomparsa delle differenze individuali, così come la rotazione di un disco che contiene tutti i colori produce il bianco. Forse il fascino della corsa ad essere connessi gli uni agli altri in modo così diffuso giunge dall'eco che sente la nostra anima di una condizione a cui ci stiamo dirigendo come specie. Una condizione che verrà raggiunta tramite l'elaborazione della consapevolezza invece che l'elaborazione dell'informazione, come Peter Russell predisse in The Global Brain Awakens. edizione italiana: Il risveglio della mente globale.

Vedi anche:

Le biotecnologie come sistema informativo

Mondi virtuali, mondi specchio, Second Life: fare il backup di un pianeta nel caos

Meccanismi, misticismi e Mechanical Turk di Amazon

Il tiro con l'arco Zen e i computer

Lifelogging

Il cuore del codice binario

Download della vita su Internet

[/it]

Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0
This work is licensed under a Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0.