Feed on
Posts

Bioenergetic bytes

[en]

Ronald David Laing was a controversial psychiatrist, often associated with the anti-psychiatrist movement. He combined existential philosophy with psychiatry, giving new perspectives on the nature of mental illness.

In his most-known book, The Divided Self, he describes the schizoid person in these terms.

The schizoid individual exists under the black sun, the evil eye, of his own scrutiny…The “self-conscious” person is caught in a dilemma. He may need to be seen and recognized, in order to maintain his sense of realness and identity. Yet, at the same time, the other represents a threat to his identity and reality…He is, therefore, driven compulsively to seek company, but never allows himself to “be himself” in the presence of anyone else…The self is related primarily to objects of his own fantasies. Being much a self-in-fantasy, it becomes eventually volatilized. In its dread of facing the commitment to the objective element, it sought to preserve its identity; but, no longer anchored to fact, to the conditioned and definitive, it comes to be in danger of losing what it was seeking above all to safeguard. Losing the conditioned, it loses its identity; losing reality, it loses its possibility of exercising freedom of choice in the world (Ronald David Laing, The Divided Self, London: Tavistock Publications, 1959).

Laing thought as well that our inner lives and feelings come mainly from our sense of connection with others and from the knowledge that others have about us. Without this, we suffer from an existential insecurity.

In Laing’s words, I can recognize the attitude of another kind of schizoid: the heavy Internet user, who needs to be connected and seen, through social networks and messaging systems, but up to a certain point, at a safe distance. His profile itself and the people he is connected to are mostly objects of his projections. He will introduce himself in order to be seen by others in a likable and acceptable way.

[/en][it]

Ronald David Laing era uno psichiatra controverso. Spesso è stato associata al movimento dell’antipsichiatria e combinava la filosofia esistenziale con la psichiatria, dando nuove prospettive alla natura della malattia mentale.

Nel suo libro più conosciuto, L’io diviso, descrive la persona schizoide in questi termini:

Lo schizoide vive continuamente sotto un sole nero: l’occhio malevole e scrutatore di se stesso. […] La persona “cosciente” di sé si trova in un dilemma. Ha bisogno di essere vista e riconosciuta, per poter conservare il senso della sua identità e della sua realtà; e al tempo stesso gli altri rappresentano un pericolo, proprio per tale realtà e identità. […] Perciò è costretto a cercare compagnia, ma non si lascia mai andare ad essere se stesso in presenza di altri. […] Le relazioni primarie di un io come questo riguardano gli oggetti delle sue stesse fantasie: questa è la ragione per cui alla fine esso si volatizza. Nel suo timore di affrontare con impegno l’elemento oggettivo esso lotta disperatamente per conservare la sua identità, ma non essendo più ancorato ai fatti, alla realtà contingente e definita, corre il rischio di perdere proprio ciò che soprattutto cercava di salvaguardare. Perdendo la dimensione contingente della realtà perde l’identità, e perdendo la realtà perde la possibilità di esercitare un’effettiva libertà di scelta nel mondo. (Ronald David Laing. L’io diviso. Einaudi. Torino. 1969.)

Inoltre Laing riteneva che la nostra vita interiore e le nostre emozioni derivano in grande misura dal senso di connessione che abbiamo con gli altri e dalla conoscenza che gli altri hanno di noi stessi. Senza di queste soffriamo di un’insicurezza esistenziale.

Nelle parole di Laing posso riconoscere l’attitudine di un altro tipo di schizoide: il forte utilizzatore di Internet, che necessita di essere connesso e visto, tramite i social networks ed i sistemi di messaggistica, ma connesso fino ad un certo punto, ad una distanza di sicurezza. I profili che tale utente compila nei siti e le persone con cui si connette sono più che altro produzione delle sue proiezioni. Egli si presenterà in modo tale da essere visto agli occhi altrui nel modo in cui ritiene di essere accettato e allettante.

[/it]

[en]

This world of chats, forums, blogs, social networking sites, supports his identity in a very fragile way. Being aware, consciously or unconsciously, of the unreality of that world, he clings to it in fear of losing it. Even his more material possessions (money) are just numbers in an online bank, which can be accessed by a few codes.

The Net and our presence in it have become our basis for constantly extending life activities. On the work level, the communication takes place mainly on the Net; on the creative level (graphics, writing, music), it is almost impossible to make it without technical devices; on the level of personal connections, the communication takes place more and more on the Internet. Therefore, we circumscribe our identities and personal lives, sometimes even sentimental, professional, creative, and financial, in a way mediated by electronic tools and kept by hard disks. The digitalization of reality is applied to every human activity.

One lives predominantly inside one’s own mind, so that the offline reality seems slower, more boring and less subject to our control through a simple click of a mouse. Online, there is only a distance of a click from a desire to its satisfaction.

Our identification with the activity on the Net resembles being identified with the ego. They are both constructions of the mind; both without proper substance and we are dismayed at the idea of losing them.
If our identities are created and maintained mainly in the computer and on the sites, the fear of losing everything is real. A breakdown of a hard disk in the absence of a backup, a virus subtly destroying our data, somebody who appropriates our online identity, are equivalent to a life catastrophe. The magnetic supports themselves last only a few years, and all data accumulated in our digital lives gets transferred to new supports as they change (magnetic tapes, floppy disks of different formats, hard disks, solid state disks, and so on). All this gives the impression of being temporary and fragile.

Alexander Lowen classified people according to the bioenergetic psychological characters. The typology that most closely approaches the attitude described by Laing and who mainly lives online, is the so-called schizoid character. This type of bioenergetics personality tends to reduce the contact with his own body, to live a life essentially on the mental level, to separate thoughts from emotions, to detach from direct contact with people. The schizoid personality is one of the most ancient, formed by emotional deprivations going as far back as the first year or the first months of life, and it is rather common in the advanced capitalist societies where the working rhythms deprive children from the body and emotional contact needed for adequate psychophysical development.

The separation in the first months of life and the construction of a schizoid character which withdraws from the world is compatible with the “single” life where every need is individual, not collective or social, where absolute independence is encouraged.

The schizoid character is not the only one which presents characteristics compatible with a relationship with the world in a “mediated” manner. Luciano Marchino, in the Italian magazine Cyber of January 1993, deals with the psychopathic character in the bioenergetic model of Alexander Lowen.

Often, when the relationship of a couple does not work, a seductive relationship with the parent of the opposite sex makes a child challenge the parent of his own sex, losing the latter’s support…In order to satisfy the seductive parent and, therefore, to not lose his approval, the “manipulated child” consequently will have to delude himself and the parent to match this task, and at the same time to modulate his own propensity to contact and to an emotional involvement in a way that would not let him be overpowered. This will make him an adult incapable of real contact and emotional participation. He will be imprisoned in his own mind, and the people and the world around him will be nothing more than just images, that he will be able to delete or betray without any scruples because nothing really exists for him.

The so-called generation “Y,” which is most present on the Web, born after 1980, have suffered the highest percentage of divorces between parents. As an inevitable consequence, the number of “manipulated children” has increased, who live with only one parent, often with the mother, with whom the child has of necessity to ally in order to not lose support. Often, a phenomenon happens which is defined as the substitution of the partner, when the emotions and excessive expectations are projected on the child, and which the child is not able to cope with.

The Internet culture is becoming more and more a culture of images and moving images (video). People in social networks and on dating sites have mental constructions which can be manipulated by their creators – and even more by those who interact with them, through their inner projections and fantasies.

In social networks and chats, people come and go, “friends” are created by just a single click and with the same ease they are deleted or ignored. Between people, mostly there is no connection which is rooted in direct contact: through sensuality, through sacrifice or sweat. They are almost only images present in a mental space. These instruments can connect people, but they cannot give the sense of an authentic community.

The attitude of the psychopathic bioenergetics character can be seen in a radicalized way in the pervasive presence of pornography, where the emotional disconnectedness is evident from radicalization of the sex act and from considering the actors as objects.

Coming back to Laing, as a psychiatrist, he was concerned about mental health and the construction of a healthy personality or ego, which the schizoid type can’t build, living primarily in his fantasy world lacking a real connection with others and even with his own body. However, in a broader spiritual perspective, there are other steps. The sense of being ourselves through other people’s eyes and feedback is necessary for the stages of ego construction. Eventually, those object relations have to be abandoned in order for the psyche to find support by a deeper part of ourselves, based not on other people anymore, but on our authentic human qualities.

These qualities manifest in us more and more as our self-awareness is developed. Knowing ourselves will become our source of action, acceptance and support. These qualities will never be lost because they are real: we can lose only what is illusory, so we cling to it in the absence of authentic ones.

Anyway, stages can’t be bypassed and the need to build of an ego personality, though “fake”, is required to go beyond it. For instance, a withdrawn schizoid personality doesn’t get the connection to people needed for mirroring into others, recognizing himself and growing his awareness, while a psychopathic character lacks the empathy to be mirrored into others.

[/en][it]

Il mondo fatto di chat, forum, blog, siti di social networking, supportano la sua identità in un modo molto fragile. Essendo consapevole, inconsciamente o consciamente, della irrealtà di tale mondo, si aggrappa ad esso nel timore di perderlo. Anche i suoi possedimenti più materiali, il denaro, non sono altro che numeri in una banca online, a cui si può avere accesso tramite pochi codici.

La Rete e la nostra presenza in rete è diventata la nostra base per settori di vita sempre più ampi. Sul piano lavorativo la comunicazione avviene perlopiù in Rete, su un piano creativo (grafico, scrittura, musicale) non è possibile fare a meno degli strumenti informatici, sul livello dei rapporti personali la comunicazione avviene sempre più tramite Internet. Quindi ci circoscriviamo le nostre identità e la nostra vita personale, talvolta anche sentimentale, professionale, creativa, finanziaria, in modo mediato da strumenti elettronici e conservati dagli strumenti di archiviazione quali gli hard disk. La digitalizzazione della realtà viene applicata ad ogni attività umana.

Si vive prevalentemente all’interno della propria mente, tanto che la realtà offline risulta più lenta, più noiosa e meno soggetta al nostro controllo tramite un semplice clic del mouse. Online, dal desiderio alla sua gratificazione c’è sola la distanza di un clic.

La nostra identificazione con l’attività in rete ricorda l’essere identificati con l’ego. Entrambi sono costruzioni della mente, entrambi sono senza sostanza propria e per entrambi siamo terrorizzati in caso di perdita.

Se le nostre identità si creano e si mantengono prevalentemente nel computer e nei siti, il timore di perdere tutto è reale. Una rottura dell’hard disk senza la presenza di un backup, un virus che subdolamente distrugge i nostri dati, qualcuno che si appropria della nostra identità online sono equivalenti ad una catastrofe nella propria esistenza. I supporti magnetici stessi hanno la durata di pochi anni e ogni dato accumulato nella nostra vita digitale va trasferito sui nuovi supporti man mano che questi cambiano (nastri magnetici, floppy disk di diversi formati, hard disk, dischi a stato solido ecc..), . Il tutto dà un’impressione di provvisorio e fragile.

Alexander Lowen ha classificato le persone in caratteri psicologici bioenergetici. La tipologia che più si avvicina all’attitudine descritta da Laing e da chi vive prevalentemente online, è il carattere cosiddetto schizoide. Questo tipo di personalità bioenergetica tende a ridurre il contatto con il proprio corpo, a vivere una vita prevalentemente sul piano mentale, a separare il pensiero dalle emozioni, a distaccarsi dal contatto diretto con le persone. La personalità schizoide è una delle più antiche, si forma da deprivazioni affettive risalenti già dal primo anno o dai primi mesi di vita, piuttosto comuni nelle società a capitalismo avanzato dove i ritmi lavorativi deprivano i bimbi del contatto corporeo e affettivo necessario per uno sviluppo psicofisico adeguato.

La separazione dei primi mesi di vita e la costruzione di un carattere schizoide estraniato dal mondo è compatibile con la vita da single dove ogni esigenza è individuale, non collettiva o sociale e dove si incoraggia l’indipendenza assoluta.

Il carattere schizoide non è l’unico a presentare caratteristiche compatibili con un relazionarsi col mondo in modo “mediato”. Luciano Marchino sulla rivista Cyber del Gennaio 1993, tratta del carattere psicopatico nel modello bioenergetico di Alexander Lowen:

Spesso, quando la relazione di coppia non funziona, il rapporto seduttivo con il genitore di sesso opposto porta il bambino a “sfidare” il genitore del proprio sesso perdendone l’appoggio. […] Per soddisfare il genitore seduttivo e quindi per non perderne l’approvazione, il “bambino manipolato” dovrà quindi illudere se stesso ed il genitore di essere all’altezza di questo compito, ed al tempo stesso modulare la sua propensione al contatto ed al coinvolgimento emotivo in modo tale da non farsi sopraffare. Ciò farà di lui un adulto incapace di reale contatto e partecipazione emotiva. Egli sarà imprigionato nella sua mente e le persone ed il mondo intorno a lui non saranno che immagini, che potrà cancellare o tradire senza scrupoli perché nulla realmente esiste per lui.

La cosiddetta generazione “Y”, quella più presenta su web, nati dal 1980 in poi, ha vissuto la più alta percentuale di divorzi tra genitori. E’ inevitabilmente aumentato di conseguenza il numero di “bambini manipolati”, che vive perlopiù con un solo genitore, spesso con la madre, con cui il bambino si deve per forza alleare per non perderne l’appoggio. Spesso avviene anche ciò che si definisce come la sostituzione del partner, un proiettare sul figlio affettività ed aspettative eccessive che il bambino non è in grado di gestire.

La cultura di Internet è sempre più una cultura di immagini e di immagini in movimento (video).  Le persone nei social network e nei siti di incontri hanno la natura delle costruzioni mentali che possono essere manipolate dai loro creatori ma anche e soprattutto da chi le riceve, tramite le sue proiezioni interiori e le fantasie.

Nei social network e nelle chat la gente va e viene, si creano “amici” con un solo clic e con altrettanta facilità si cancellano o si ignorano. Tra le persone perlopiù non vi è un legame che si è radicato nel contatto diretto, nella sensualità, nel sacrificio o nel sudore, sono poco più che immagini presenti in uno spazio mentale. Questi strumenti mettono in connessione le persone ma non possono dare il senso della comunità autentica.

L’attitudine del carattere bioenergetico psicopatico si può vedere in modo radicalizzato nella presenza pervasiva di pornografia dove la disconnessione emotiva è evidente dall’estremizzazione degli atti sessuali e dal considerare gli attori come oggetti.

Ritornando a Laing, come psichiatra egli si preoccupava della salute mentale e della costruzione di una personalità o ego sani, che lo schizoide non è in grado di realizzare, vivendo prevalentemente nel suo mondo fantastico, carente di una connessione reale con gli altri e anche con il suo stesso corpo. Tuttavia, in una prospettiva più ampia, vi sono altre fasi. Il senso di sentirci noi stessi tramite il feedback altrui e attraverso gli occhi altrui è necessario per le fasi di costruzione di un ego. Ad un certo punto, questi oggetti di relazione devono essere abbandonati affinché la psiche possa trovare supporto da parti più profonde di noi stessi, non più basate sulle altre persone, ma sulle nostre autentiche qualità umane.

Tali qualità si manifestano in noi parallelamente allo sviluppo della consapevolezza di noi stessi. La conoscenza di noi stessi diventerà il motore dell’azione, dell’accettazione e del supporto di noi stessi. Tali qualità non potranno mai essere perse perché sono reali: possiamo perdere sono ciò che è illusorio, quindi ci aggrappiamo a queste in mancanza delle autentiche.

Comunque, le fasi non possono essere scavalcate e la costruzione di una personalità per l’ego, per quanto falsa, è necessaria per poter andare al di là dell’ego. Ad esempio, una personalità schizoide chiusa in se stessa non riceve le connessioni necessarie con le persone per specchiarsi negli altri, per riconoscere se stesso ed espandere la sua consapevolezza, mentre un carattere psicopatico manca di empatia per potersi specchiare negli altri.

[/it]

Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0
This work is licensed under a Attribution-NonCommercial-NoDerivs 3.0.